Obama e Putin stanno cercando di fregare Netanyahu?

Hillary Clinton e la terza guerra mondiale

Bernie = pace / Clinton = terza guerra mondiale (Armageddon)

Pagliacci torturatori

Cattura

Non è neanche più sconcertante…

A proposito del primo presidente ebreo e socialista degli Stati Uniti

cmhylo7wuaae2di
Miei commenti su Facebook, dal 1 marzo in poi:

4 aprile 2016

Ogni popolo ha il/la presidente che si merita.

La nazione più potente del mondo rischia di essere comandata da:
– l’amico (fondamentalista cristiano / ‪#‎dominionista‬) di un pastore protestante che fa circolare pamphlet in cui invoca l’UCCISIONE IN MASSA di ‪#‎omosessuali‬ e ‪#‎lesbiche‬‪#‎TedCruz‬;
– un’avvocata che all’inizio della sua carriera ha difeso con successo uno ‪#‎stupratore‬ ‪#‎pedofilo‬ sapendo che era colpevole (e ci scherza su anni dopo in un’intervista) – ‪#‎HillaryClinton‬;
– un candidato che vorrebbe legalizzare la tortura e l’eccidio delle famiglie dei terroristi – ‪#‎DonaldTrump‬

….e poi c’è ‪#‎BernieSanders‬, apparentemente l’unico candidato non psicopatico/sociopatico.

Con l’aria che tira mi accontenterei anche di un terzo mandato di ‪#‎Obama‬

Ma non la trovate anche voi PAZZESCA questa cosa?
Come c…. è possibile che non si discuta di questo negli editoriali dei nostri quotidiani, nelle trasmissioni televisive, ecc.?

Mi domando se questo film non abbia tratto ispirazione dalla biografia di Hillary Clinton: “Kevin Lomax è un avvocato della Florida che non ha mai perso una causa. Dopo aver fatto assolvere anche un professore accusato di pedofilia, chiaramente colpevole, viene chiamato a New York, dal potente studio legale Milton”.

latest

3 aprile 2016

#‎Obama e ‪#‎papaFrancesco tifano segretamente per ‪#‎Sanders?

#‎HillaryClinton è ancora avanti di circa 228 delegati ma si capisce che è in difficoltà.

Si vedano gli inauditi attacchi del clan Clinton a Obama (es. Bill definisce i due mandati di Obama “an awful legacy” – una pessima eredità; ‪#‎ChelseaClinton condanna la riforma della sanità di Obama).

Obama forse poteva stoppare l’inchiesta dell’‪#‎FBI e non l’ha fatto?
Hillary sarà chiamata a testimoniare in piena campagna elettorale e rischia l’incriminazione.

Le voci sulle possibili candidature di ‪#‎JoeBiden e ‪#‎Bloomberg sono un’ulteriore indicazione che il partito capisce molto bene che Hillary è una candidata debole, perché fredda, compromessa con Wall Street, troppo vicina ai neocon e forse anche perché donna (e questo mi spiace).

Ma c’è un altro aspetto della questione: Obama, nei suoi più importanti discorsi al ‪#‎Cairo, a ‪#‎Cuba e in ‪#‎Israele, si è pronunciato negli stessi termini ecumenici normalmente associati a Sanders (o a ‪#‎Bergoglio) e anatema per i ‪#‎neocon e i ‪#‎sionisti (#Israele ueber alles).
Ha usato ‪#‎Kerry per rallentare e poi stoppare il coinvolgimento americano in ‪#‎Ucraina e ‪#‎Siria, come avrebbe fatto #Sanders.
Ha denunciato gli ‪#‎insediamenti israeliani, che la Clinton invece difende.

L’interrogativo che ponevo alcune settimane fa è legittimo: esiste una grossa porzione dell’establishment che intende usare Sanders per purgare i neocon e la lobby israeliana da Washington (e dalla CIA e dalle forze armate) e salvare il salvabile prima che i falchi portino gli USA alla rovina, nella convinzione che tanto Sanders non potrà mai trasformare gli USA in un paese nordico?
Io penso di sì.
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10205487307055991&set=a.1050241190190.8313.1650548479&type=3

23 marzo 2016

#‎Sanders‬ il candidato ebreo che è vissuto in un kibbutz, si è rifiutato di parlare (leccare il culo) all’Aipac, la principale lobby americana pro-Israele, ha preso le distanze da ‪#‎Netanyahu‬, ha condannato l’occupazione della ‪#‎Palestina‬ e pretende la rimozione degli insediamenti illegali.
“Bernie Sanders trionfa in Idaho e Utah con percentuali quasi bulgare: quasi l’80% in entrambi gli Stati” (la Repubblica, 23 marzo).

*****

“Il miglior modo di aiutare ‪#‎Israele‬ con la crescente capacità nucleare dell’Iran è di aiutare i ribelli in ‪#‎Siria‬ a rovesciare il regime di Bashar ‪#‎Assad‬.”
‪#‎HillaryClinton‬, email del 30 novembre 2015, da ‪#‎wikileaks‬
[= terza guerra mondiale]

*****

“Con l’evidente menzogna di sostenere un’opposizione moderata quasi inesistente, gli Stati Uniti hanno dato via libera alla Turchia per aprire “l’autostrada della Jihad” con l’afflusso di migliaia di jihadisti da tutto il mondo musulmano, Europa compresa”
Alberto Negri, Sole 24 Ore, 23 marzo 2016

*****

L’America di Sanders, l’Israele di Sanders…cosa potrebbe fare l’umanità con due motori del genere? Potrebbe volare…

bernie

9 marzo 2016

#‎Sanders‬ distrugge la ‪#‎clinton‬ nel ‪#‎michigan‬ sovvertendo i pronostici dei mass media e i sondaggi (ha recuperato tra i 15 e i 25 punti percentuali a seconda del sondaggio). Ricordo che in tempi per nulla sospetti ho anticipato una sua probabile vittoria alle ‪#‎presidenziali‬ usa in virtù di 2 fattori: dati socioeconomici falsati non possono neutralizzare la rabbia popolare + una parte dell establishment trova utile usare il socialismo per far fuori i neocon e conservare un posto a tavola per Washington nel futuro ‪#‎ordinemultipolare‬ postimperiale.
Praticamente tutti i sondaggi davano la Clinton tra il 55 e il 66%. E’ questa la vera sorpresa ed è per questo che si tratta di un disastro d’immagine, per lei. Precedentemente Sanders aveva vinto dove la distanza nei sondaggi era relativamente ridotta e quindi una sua vittoria non era poi così improbabile.
Ora gli americani sanno che un divario del 20-25% è colmabile.

In realtà pensavo che servisse una spintarella per farlo vincere, tipo un crollo/scandalo finanziario, perché i media occidentali sono massicciamente pro-clinton ossia pro status quo. Invece ora non escludo ce la possa fare anche senza l’aiutino.
Da notare notare come il Guardian in poche ore abbia sepolto la notizia in un angolino della sua edizione online, dopo aver constatato la potenza della reazione entusiastica dei lettori nei forum.

7 marzo 2016
i temibili ‪#‎neoconservatori‬ (pro-guerra, pro-Wall Street, neoliberisti, imperialisti, ecc.) si schierano CON Hillary ‪#‎Clinton‬ e CONTRO ‪#‎Trump‬, colpevole di essere equidistante sulla ‪#‎Palestina‬ (impensabile negli USA!), contrario alle ingerenze americane nel mondo, favorevole a rapporti costruttivi con Putin, convinto che l’11 settembre sia un lavoretto saudita-neocon
http://www.politico.com/story/2016/03/trump-clinton-neoconservatives-220151

6 marzo 2016

Gli stati del sud che votano massicciamente per la candidata neoconservatrice di “sinistra” (guerrafondaia, sponsorizzata apertamente da Goldman Sachs e dal resto di Wall Street) stanno finendo e Bernie sta battendo la Clinton in tutti gli stati incerti.
Basterà?
I sondaggi dicono di no. Le minoranze continuano assurdamente a votare in maggioranza per una candidata che è complice della loro incarcerazione di massa.

In cambio la Clinton, debole in tutti gli stati incerti e invisa all’elettorato populista di sinistra, sembra destinata a perdere contro Trump.

Se gli investitori prendono coscienza del fatto che il debito usato a fini speculativi ha gonfiato i prezzi oltre ogni ragionevole attesa e quindi non c’è più corrispondenza tra valore reale e valore artificiale, le bolle finanziarie faranno pop e così la candidatura Clinton.

Succederà entro aprile-maggio?
Dipende da quanti nemici si è fatta la Clinton negli USA
Dipende dalla celerità con cui l’Impero (Wall Street+City+feudi assortiti) si dissolverà. Il fallimento del G20 significa che le economie emergenti (ex colonie) si sentono sufficientemente robuste da gestire la prossima implosione dei mercati e sufficientemente fiduciose che l’Impero non ce la farà a reggere l’urto.
Gli emergenti non amano la Clinton, per usare un eufemismo.

1 marzo 2016
In una nazione che crea opportunità e fornisce i mezzi per vivere prosperi, liberi e felici il socialismo è superfluo. In America è ormai diventato indispensabile. Stati uniti culla del neosocialismo…stimolante…tempi interessanti.

Già dieci anni fa, il meteorologo Luca Mercalli prevedeva sulle Alpi inverni senza neve sotto i 2mila metri di quota. [questa non c’entra ma mi diverte e mi divertirà sempre di più col passare degli anni]

repubblica.it, 27 novembre 2015

La trappola della Guerra al Terrore permanente dopo l’11 settembre parigino

1447485495857.JPG--peace_for_paris__e_diventato_virale_il_disegno_di_bansky

Quello di cui oggi abbiamo bisogno in più è che a Parigi si incontrino subito Obama, Putin, Xi Jinping e Juncker per decidere insieme su come proteggere noi e le prossime generazioni da un nemico crudele e terribilmente ramificato…
Il terrorismo si vince con la politica e con gesti coraggiosi come quello di Papa Francesco che, nel suo prossimo viaggio in un paese devastato da una lotta sanguinosa fra bande armate di cristiani e mussulmani, ha deciso di essere presente nella cattedrale cattolica e nella moschea.
Con grande coraggio personale ma con altrettanta lungimiranza politica
.
Romano Prodi, Obama, Putin, Xi Jinping e Juncker si incontrino subito a Parigi per decidere insieme come proteggerci, 15 novembre 2015

Caro direttore Alberto Faustini, col tempo, invecchiando, ho imparato ad apprezzare gran parte delle sue prese di posizioni equilibrate in risposta alle riflessioni o provocazioni dei lettori.
In questo caso, però, non mi trovo d’accordo con l’incipit del suo editoriale (il resto è davvero molto bello): “Siamo in guerra. La prima guerra globale”.

Mi è del tutto chiaro che lo spavento, anche per ragioni personali, sia stato indescrivibile ed è comprensibile che la reazione sia conseguente, però questo meme della guerra, del nostro essere in guerra e della nostra determinazione a risolvere la questione bellicamente è pericoloso, nella stessa misura in cui, specularmente, lo sarebbe un meme pacifista passivo.
È pericoloso perché fa il gioco di questa “internazionale del terrorismo”.
La Guerra al Terrore prosegue ininterrottamente dal 2001 e a quali risultati ha portato? Diverse nazioni in pezzi, milioni di profughi (afgani, iracheni, curdi, yemeniti, somali, palestinesi, siriani, ecc.) e organizzazioni terroristiche ancora più agguerrite ed espansive di prima.

Prosegue su Medium
https://medium.com/@stefano_fait/la-trappola-della-guerra-al-terrore-permanente-dopo-l-11-settembre-parigino-eb33f03ea10

Il futuro della Turchia?

 

putin_erdogan_4

 

La versione semi-ufficiale procede grosso modo così:

  • Erdogan ha un sogno neoimperiale panislamico ed è la nemesi del padre della patria turca, ossia Atatürk;
  • Erdogan è, assieme all’Arabia Saudita, il principale sponsor di ISIS: vuole fare la scarpe ai sauditi e diventare il vero e unico Califfo del mondo musulmano;
  • I buoni rapporti con russi e iraniani sono solo di facciata: è un ragno che tesse la tela e alla fine li tradirà;

Se le cose stessero così la Turchia sarebbe una nazione destinata alla rovina (conflitti regionali, rivolte, guerra civile).

Le mie contro-tesi:

La Turchia non sponsorizza ISIS ma sta tenendo il piede in tre o più scarpe perché sa di essere candidata alla destabilizzazione;

  • A meno di un golpe militare, Ankara entrerà nella Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (di cui è già partner sulla sicurezza, la cultura e lo sviluppo economico), ossia nella sfera cinese ed eurasiatica;
  • Già ora è inserita in un accordo di libera circolazione con Russia, Siria e Libano;
  • La Turchia poteva giocare la carta tatara per creare problemi alla Russia sull’annessione della Crimea: non l’ha fatto;
  • Poteva giocare la carta uigura con la Cina: non l’ha fatto;
  • Poteva reinterpretare creativamente i trattati internazionali permettendo alle navi NATO di parcheggiarsi nel Mar Nero: non l’ha fatto (devono appoggiarsi a Bulgaria e Romania);
  • Ha visto il bluff di ISIS a Kobane;
  • Ankara è stata vicina all’Iran per tutta la crisi delle sanzioni e sicuramente la cosa non è piaciuta a Tel Aviv e tra i neocon USA, mentre tale tacita solidarietà non sarà dimenticata a Teheran;
  • La pessima stampa di cui gode Erdogan sui media occidentali dimostra che, come nel caso di Angela Merkel, i neoconservatori sanno che è un rinnegato e li tradirà;
  • Le proteste ecologiste anti-Erdogan sono state organizzate da Soros;
  • Le mosse autoritarie di Erdogan servono a prevenire una rivoluzione colorata di tipo ucraino;
  • Il rivale/santone Gülen non vive in esilio negli Stati Uniti per caso ed è un autentico neo-ottomanista, con una rete di istituti “educativi” che si estende dalla Bosnia, alla Cecenia, al Daghestan, alla Cina turcofona;
  • Ankara non desidera ritrovarsi un Kosovo siriano ai suoi confini;
  • Ankara non si può permettere di gestire quasi 2 milioni di rifugiati siriani, né lo desidera fare l’UE: quindi troveranno un modo di risolvere la questione;
  • ISIS comincerà a scomparire dopo che le forze irachene-iraniane avranno ripreso Mosul. Successivamente, l’esercito regolare siriano riprenderà Aleppo;
  • Il Kurdistan iracheno diventerà un Alto Adige mesopotamico;
  • I curdi preferiscono negoziare con Erdogan piuttosto che con Gülen;
  • I sauditi non possono più permettersi di finanziare la guerra nello Yemen e ISIS, con il prezzo del greggio che scenderà ulteriormente se l’Iran ritorna alla grande sul mercato;
  • Russi e turchi alla fine riusciranno a far vincere la fazione più collaborativa nella faida in corso a Riyad;

Qui per futuri aggiornamenti
https://medium.com/@stefano_fait/scenari-futuri-per-turchia-medio-oriente-mediterraneo-3475f36d3a8a

Israele, Putin e i nuovi crociati

1 5uuusUmo76w70n1TczEQ8A

TURCHIA: Erdogan si trova in una posizione delicatissima, con un piede in due scarpe. La Turchia fa parte della NATO, ma è anche in corsa per l’adesione all’’Organizzazione di Shanghai per la Cooperazione. Rischia seriamente di trasformarsi in una seconda Ucraina, con il Kurdistan a recitare la parte del Donbass.

EGITTO: anche l’Egitto sta giocando una partita complicata. Accetta i generosi finanziamenti militari americani e, contemporaneamente, stringe massicci accordi commerciali con Russia e Cina. L’allargamento del Canale di Suez è opera dei cinesi. Al Sisi approva le operazioni militari russe in Siria (Siria, l’Egitto elogia i raid della Russia. Merkel: negoziati anche con Assad, il Giornale, 4 ottobre 2015).

IRAN e RUSSIA: l’implementazione del progetto del Gasdotto dell’Amicizia sarà targata Gazprom, come ricompensa per gli sforzi russi di pacificazione dell’area

ISRAELE: i russi hanno presto fatto capire agli israeliani che i cieli siriani non sono più aperti ad ogni incursione (Syria Update# Air Duel between the Sukhoi Su — 30 Russian SM and Israeli F-15, Liveleak, 2 ottobre 2015). La reazione di Netanyahu: I miei obiettivi in Siria li ho già formulati. Sono quelli di garantire la sicurezza del mio popolo e del mio paese. Gli obiettivi della Russia sono diversi, ma non devono entrare in collisione (Russia e Israele iniziano consultazioni sulla Siria, Sputnik, 6 ottobre 2015).
L’obiettivo di entrambi gli schieramenti sono le strategiche alture del Golan (Siria, Netanyahu: “L’Iran vuole la guerra nel Golan”, il Giornale, 21 settembre 2015; As Syria Reels, Israel Looks to Expand Settlements in Golan Heights, NYT, 2 ottobre 2015) e i sottostanti giacimenti petroliferi — che fanno gola ai Nuovi Crociati, Rupert Murdoch, Jacob Rothschild e Dick Cheney (Rupert Murdoch and the Israeli Genie, Counterpunch, 27 marzo 2015).

Se Israele si inimica la Russia, dopo essersi autolesionisticamente alienato l’amministrazione Obama, rischia seriamente di ritrovarsi ridotto ai confini pre-1967 sanciti dalle Nazioni Unite, con i territori occupati restituiti a siriani, libanesi e a un futuro stato palestinese.

Perciò Netanyahu farà tutto il possibile per evitare eccessive frizioni con la nuova potenza egemone del Medio Oriente, la Russia (Israel to provide Russia with intelligence about Syrian opposition, Middle East Monitor, 6 ottobre 2015), nella speranza (in attesa?) che le prossime elezioni presidenziali americane del 2016 portino al potere un falco che ristabilisca la supremazia occidentale (e quindi israeliana) nella regione.

Il resto qui
https://medium.com/@stefano_fait/israele-putin-e-i-nuovi-crociati-8df46ae0d4f0

Al Qaeda: i nostri alleati nella Guerra al Terrore

19841

“I Sukhoi hanno sganciato bombe sui QAEDISTI di Al Nusra a Jisr al Shuqur, quindi su nuclei VICINI AGLI USA”
Corriere della Sera, 2 ottobre 2015

Risoluzione 2170 (2014), adottata il 15 agosto 2014, con cui si condannano le azioni terroristiche e le violazioni dei diritti dell’uomo e del diritto umanitario compiute dallo Stato islamico in Iraq e nel Levante (ISIL) e dal Fronte Al Nusra (ANF) e si precisa che le misure decise a carico di Al-Qaida si applicano anche a carico di questi gruppi(1)
http://www.iusexplorer.it/Riviste/ArticoloRivista?idDocMaster=4459467&idDataBanks=127&idUnitaDoc=0&nVigUnitaDoc=1

Per chi avesse la memoria corta:
“Osama Bin Laden, il nemico numero uno nella lista dei ricercati dei servizi segreti americani, capo dell’organizzazione terroristica di AL QAEDA…Il primo attacco contro gli Stati Uniti risale al 1992, nello Yemen. Da allora, si susseguono gli attentati contro obiettivi occidentali in tutto il mondo. Bin Laden è il mandante degli attentati dell’11 Settembre 2001 contro il World Trade Center e dei successivi attacchi terroristici a Madrid, l’11 Marzo 2004, e a Londra, il 7 luglio 2005”.
Rai Storia

robin_cook_alqaeda_osama_cia_assets
Morì durante un’escursione in montagna nelle highlands scozzesi un mese dopo un duro editoriale sul The Guardian in cui attaccava ancora una volta la politica estera dell’amministrazione Bush

“Per comprendere a fondo il concetto di bispensiero nel contesto e nell’accezione specifica dell’opus magnum orwelliana, un ottimo esempio è rappresentato dalle dinamiche che stanno alla base della guerra perenne tra gli stati. L’Oceania, all’inizio del racconto, è in guerra contro l’Eurasia ed alleata con l’Estasia: così è scritto su tutti i libri di storia, i giornali, i manifesti propagandistici affissi ai muri e dichiarato da tutti i dispacci diramati attraverso i teleschermi, mediante i quali vengono confermate continue conquiste sul fronte eurasiano. Ogni mese, alcuni prigionieri eurasiani vengono giustiziati in piazza. Tutti sanno e ricordano perfettamente che la situazione è questa e che lo è sempre stata.

Se il nemico era quello, e il nemico rappresentava il male assoluto, non si poteva mai essere stati alleati con esso. Eppure Winston Smith, il protagonista, ricordava che appena quattro anni prima la situazione era l’esatto opposto: il suo Paese era stato in guerra con l’Estasia e alleato con l’Eurasia; e ciò che lo spaventava enormemente era che lui sembrava essere l’unico a ricordare quella nozione. Quella, così come tante altre”.
https://it.wikipedia.org/wiki/Bispensiero

Come risolvere la crisi dei rifugiati e la crisi siriana

Palestinian children play soccer 06 February 1988 in the ruins of Chatila refugee camp, southern suburb of Beirut. In January 1988, avowedly as a gesture of support for the uprising by Palestinians resident in Israeli-occupied territories, which had begun in December 1987, Nabih Berri, the leader of Moslem Shi'ite Amal militia, announced the ending of the siege of the Palestinian refugee camps in Beirut and southern Lebanon. 27 June 1988, the Arafat loyalist in Chatila camp were overrun and surrendered to the fighters belonging to the Syrian-backed group, al-Fatah Intifada (Fatah Uprising) of Abu Musa. The following day Syria granted 100 PLO guerrillas safe passage from Chatila to the camp at Ain al-Helweh. 07 July, Bourj el-Barajneh, Arafat's last stronghold in Beirut, was captured by the forces of Abu Musa, and 120 PLO fighters were evacuated to Ain al-Helweh refugee camp. (FILM) (Photo credit should read NABIL ISMAIL/AFP/Getty Images)

Se la vita di un altro essere umano per te ha poco o punto valore, come farai a difendere il valore della tua, qualora dovesse toccare a te?

No alla campagna di demonizzazione dei profughi/rifugiati come potenziali terroristi, nuovi barbari distruttori, parassiti insaziabili.

La soluzione non è l’internamento, non è l’espulsione e non è l’assimilazione coatta.

La soluzione (oltre a un sistema europeo comune di asilo) è la seguente:
1. unire le forze siriane e kurde contro ISIS;
2. bloccare gli aiuti turco-sauditi a ISIS;
3. prevenire i bombardamenti israeliani e inglesi (ci hanno già pensato i russi);
4. negoziare il passaggio di consegne tra Assad e il governo che gli succederà (l’hanno già proposto Assad in questi giorni e Mosca 3 anni fa);
5. organizzare l’assistenza ai profughi in Medio Oriente senza che facciano la fine dei palestinesi (scacciati da Israele a milioni e trasformati in rifugiati permanenti).

La pulizia etnica del Medio Oriente non deve avere successo.
I profughi iracheni, siriani, yemeniti e palestinesi devono poter tornare a casa.
Questa gente deve sapere che non farà la fine dei palestinesi e che deve cominciare a pensare a come ricostruire il proprio paese.

*****
bbc_syria_massacre_hoax11870722_10204295948792779_332181502772700902_n

Assad: “Se vuole fermare davvero i rifugiati, l’Europa deve smettere di aiutare i terroristi”

Assad non è un santo e ha certamente commesso i suoi crimini (per questo se ne dovrà comunque andare), ma era felice quando faceva l’oculista a Londra.
E’ stato costretto a governare la Siria e certamente non si aspettava di trovarsi in mezzo a una guerra civile.
Chi sostiene che non sia nulla di più di un mostro con cui non si può negoziare non si è minimamente informato su di lui e sulla Siria e sta facendo il gioco dei guerrafondai internazionali.
Come farebbe un leader odiato da tutti o comunque sostenuto da una minoranza di seguaci a tenere insieme un paese circondato da nemici, con 6-7 milioni di sfollati interni da gestire, alle prese con decine di migliaia di mercenari e jihadisti e un embargo totale da parte dell’Occidente?

Qualcuno me lo spiega in modo razionale e non usando scorciatoie logiche pescate dai nostri media?

Most Syrians back President Assad, but you’d never know from western media, Guardian, 17 gennaio 2012

P.S. fin dai primi giorni (proprio come in Libia) gli insorti hanno preso d’assalto un commissariato e ucciso diversi poliziotti, ma a noi ci hanno detto che le proteste erano rigorosamente nonviolente. Nel giro di pochi giorni gli oppositori nonviolenti sono stati messi ai margini e l’Occidente ha appoggiato la lotta armata. Come mai? A chi faceva comodo far tacere i nonviolenti e i diplomatici e spingere per un’escalation?
https://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/07/27/uninchiesta-del-guardian-ci-spiega-chi-ci-vuole-portare-in-guerra-e-perche/

https://socialforecasting.wordpress.com/2015/08/03/what-will-happen-to-syria/
https://socialforecasting.wordpress.com/2015/09/06/a-saudi-afghanistan-the-chickens-will-come-home-to-roost-in-yemen/
https://socialforecasting.wordpress.com/2015/09/15/keep-them-out-lock-them-up-bomb-them-all-or/

« Older entries

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: