Quel giorno che Donald e Vlad scongiurarono il secondo olocausto, tra il disprezzo generale

Magari un giorno gli storici ci diranno che Putin e Trump hanno fatto quel che hanno potuto per salvare Stati Uniti e Israele dai rapitori che li tenevano in ostaggio

14657299_10206733399847532_7381474817642535540_n
http://archive.is/NeRkC

Annunci

La guerra termonucleare, l’apocalisse zombie e l’amore per la vita

Come mai Erdogan è così paranoico e si avvicina a Mosca e Teheran?

erdogan iranerdogan putinCattura

Il futuro della Turchia dopo il tentato golpe

Putin può salvare anche il PD?

Cattura

Il titolo è ironico. Siamo ancora qui ad attendere l’avvento di un messia salvifico. Siamo immaturi.

La storia d’America, il futuro del mondo, lo scriviamo tutti noi

Cattura

La NATO (Oceania) prova ad allearsi con la Russia (EURASIA) contro la Cina (EASTASIA)…la vedo dura

Israel_RaqqaRockefeller_01gal_12497

Circolano voci insistenti a proposito di un cambio di strategia NATO che credo sia legato alla volontà di dividere la Cina dalla Russia e che porterà al sacrificio dei paesi est-europei russofobi, a partire dalla zavorra ucraina e credo anche al progressivo sganciamento da Israele e dai sauditi attualmente al potere.
http://it.sputniknews.com/politica/20160212/2083511/lavrov-stoltenberg-nati-russia-monaco.html
https://www.rt.com/news/338725-nato-wants-russia-meeting/

https://www.rt.com/usa/338726-kerry-praises-russia-role-syria/

I realisti sanno che la principale minaccia per l’Impero è la Cina, che guida l’alleanza BRICS e si sta preparando a varare l’anti-dollaro (attraverso la Nuova Banca di Sviluppo).
In precedenza pensavano di poter prendere il controllo di Pechino, passando per Hong Kong, come già fatto con la Russia eltsiniana. Xi Jinping, il Putin cinese, sta chiudendo ogni breccia – grazie alla campagna anti-corruzione, usata per purgare gli infiltrati – e intessendo alleanze e clientele planetarie fondate sull’interesse reciproco e quindi con un peso specifico molto maggiore di una base militare in casa (terrore).

Dunque nei prossimi mesi vedremo un ammorbidimento delle posizioni anti-putiniane in Siria e Ucraina e probabilmente il revival del meme dei cyberattacchi cinesi negli States e dell’imperialismo cinese in Estremo Oriente.

Non escludo che la NATO (troppo costosa e inutile, dato che Francia, Germania, Italia, Spagna, Grecia non hanno alcuna intenzione di farsi coinvolgere militarmente) possa essere disciolta in cambio di un’intesa più o meno affidabile e credibile con Mosca, peraltro caldeggiata dai paesi europei occidentali, che stanno subendo il pieno impatto delle guerre commerciali con la Russia.

Putin non volterà le spalle alla Nuova Via della Seta perché sa che quello è il futuro della civiltà umana, non un Impero al crepuscolo.

In cambio i neocon-sionisti sono ancora in cerca di un Armageddon medio-orientale e i vari Rothschild-Soros-Cheney-Murdoch-Hayward-Rockefeller, ecc. non hanno smesso di odiare Putin, di bramare le risorse ucraine e russe (v. Khodorkovsky, che senza la grazia di Putin a quest’ora sarebbe stato forse suicidato per poi incolpare il leader russo) e quelle curde e siriane (v. Genie & Genel).

Dev’essere chiaro che entrambe le fazioni americane sono imperialiste: possono dissentire anche violentemente sui mezzi, sui modi, sui tempi e sulla spartizione della torta, ma non sui fini: FULL-SPECTRUM DOMINANCE

Il mistero dei panama papers

Cattura
#‎
PanamaPapers‬
‪#‎Putin‬ ‪#‎Rothschild‬ ‪#‎Nevada‬ ‪#‎Reno‬ ‪#‎paradisifiscali‬

“Sono almeno dieci anni che giornali, governi e servizi segreti cercano le prove della presunta corruzione di Vladimir Vladimirovich #Putin. Si è sempre parlato di amicizie, connessioni e perfino di possibili prestanome. Ma mai prove. Anche questa volta, nelle migliaia di pagine che arrivano da ‪#‎Panama‬ il nome del presidente russo non compare nemmeno una volta”.
Corriere della Sera, 3 aprile 2016

“Tra i casinò di #Reno, in #Nevada, ecco spuntare anche il trust nuovo di zecca di #Rothschild, la banca d’investimento che ha fatto la storia della finanza internazionale dal 1811…sta trasferendo le fortune dei suoi facoltosi clienti dai paradisi offshore in declino come le Bermuda – soggetti alle nuove regole sullo scambio di informazioni – a quelli emergenti come il Nevada, escluso dalle norme sulla disclosure. Sì perché, come ammette tranquillamente il managing director di Rotschild Andrew Penney, «GLI STATI UNITI SONO IL PIU’ GRANDE PARADISO FISCALE AL MONDO».
«Gli Stati Uniti sono da tempo una delle destinazioni più gettonate da politici corrotti, cartelli della droga, ORGANIZZAZIONI TERRORISTICHE e grandi evasori fiscali – sospira Stefanie Ostfeld, responsabile per gli Stati Uniti di Global Witness
Gli Stati Uniti, insomma, sono LA NUOVA TERRA PROMESSA DEL SEGRETO”.

http://www.cdt.ch/primo-piano/approfondimenti/149086/se-gli-stati-uniti-fanno-il-doppio-gioco 

Qualcuno ha deciso di spaventare un po’ di evasori fiscali…il gregge si muove verso il pastore ma così, di fatto, gli Stati Uniti dichiarano guerra al resto del mondo, su iniziativa dei soliti noti (Rothschild, espulsi da Hong Kong, che era la loro prima scelta: per questo stanno spingendo gli USA allo scontro con la Cina, scontro che la marina statunitense ha tutte le intenzioni di evitare e pertanto non scoppierà) e all’insaputa della cittadinanza: “Ma io so’ io… e voi non siete un cazzo!

IN ALTERNATIVA
Questa è un’operazione legittima che i media occidentali hanno cercato di dirottare contro Putin.
In realtà troppe sono le pedine imperiali sacrificate: i sauditi, la Clinton, Cameron, Poroshenko, Israele, Macri (Argentina), Cunha (Brasile). Macri ha appena riconquistato l’Argentina e Cunha sta cercando di riprendere il Brasile. Che senso ha indebolirli in questo momento? E perché le accuse a Putin sono così ridicole e il suo nome non spunta fuori da nessuna parte (dimostrando che in effetti non ha nulla da nascondere)?
Se la cupola ha deciso di sacrificare chi sta sotto non c’è limite alle rivelazioni che seguiranno: sarà guerra di mafia globale.

Il moderato bevitore di tè e l’appassionato amante della birra: metafore per un mondo post-imperiale

worldlandbridge

L’unica maniera per sconfiggerci (e liberarci dagli schiavisti) è prendere il controllo del sistema economico-finanziario che sostiene la fazione sociopatica, tracotante e guerrafondaia, momentaneamente dominante, la quale può sopravvivere solo grazie ai tributi dei sudditi e delle colonie e, essendo insaziabile, finisce per generare gli anticorpi che la distruggeranno.

È esattamente quel che sta accadendo (China’s “One Belt, One Road”: Europe’s Strategic Interest to Drive the New Silk Road, BMW Foundation Herbert Quandt, 7 Sep 2015; China is dumping U.S. debt, CNN, 11 Sep 2015; Putin says dump the dollar, RT, 1 Sep 2015), anche grazie all’aiuto di:

– segmenti dell’establishment occidentale che dovremmo chiamare “dissidenti” e rischiano in prima persona, per patriottismo e per autentico umanitarismo (Julian Assange, nuovi documenti inediti fanno luce sulle indagini per stupro, l’Espresso, 16 ottobre 2015; Obama’s war on whistleblowers leaves administration insiders unscathed, Guardian, 16 marzo 2015);
– politici realisti e scafati che hanno fiutato il vento (Rift in Obama administration over Putin, Politico, 21 Oct 2015; Obama urges Turkey and Russia to drop row and focus on ‘common enemy’ Isis, Guardian, 2 Dec 2015; Merkel: “Area scambio con Russia”, TGCOM 24, 17 aprile 2015; Putin furioso: “Tu non sei Dio”. Prodi racconta quando…, Blitz, 2 dicembre 2015; Nicolas Sarkozy légitime l’annexion de la Crimée par la Russie, Figaro, 10 febbraio 2015; D’Alema: «All’estero non siamo più protagonisti. Arabia e Israele da alleati a problemi», Corriere, 11 gennaio 2016; Putin: «Vicino all’Occidente, rispetto Angela Merkel», Sole 24 Ore, 11 gennaio 2016);
– star ribelli e soft power (La confessione di DiCaprio: “Vorrei interpretare Putin”, Giornale, 17 gennaio 2016; Matt Damon guida il cast di The Great Wall di Zhang Yimou, 12 marzo 2015; China set to overtake U.S. as world No.1 in entertainment, Bloomberg, 8 Jan 2016).

Il resto dell’articolo lo trovate qui: https://medium.com/@stefano_fait/il-moderato-bevitore-di-t%C3%A8-e-l-appassionato-amante-della-birra-metafore-per-un-mondo-post-9467e41f5895#.itz31dec8

La trappola della Guerra al Terrore permanente dopo l’11 settembre parigino

1447485495857.JPG--peace_for_paris__e_diventato_virale_il_disegno_di_bansky

Quello di cui oggi abbiamo bisogno in più è che a Parigi si incontrino subito Obama, Putin, Xi Jinping e Juncker per decidere insieme su come proteggere noi e le prossime generazioni da un nemico crudele e terribilmente ramificato…
Il terrorismo si vince con la politica e con gesti coraggiosi come quello di Papa Francesco che, nel suo prossimo viaggio in un paese devastato da una lotta sanguinosa fra bande armate di cristiani e mussulmani, ha deciso di essere presente nella cattedrale cattolica e nella moschea.
Con grande coraggio personale ma con altrettanta lungimiranza politica
.
Romano Prodi, Obama, Putin, Xi Jinping e Juncker si incontrino subito a Parigi per decidere insieme come proteggerci, 15 novembre 2015

Caro direttore Alberto Faustini, col tempo, invecchiando, ho imparato ad apprezzare gran parte delle sue prese di posizioni equilibrate in risposta alle riflessioni o provocazioni dei lettori.
In questo caso, però, non mi trovo d’accordo con l’incipit del suo editoriale (il resto è davvero molto bello): “Siamo in guerra. La prima guerra globale”.

Mi è del tutto chiaro che lo spavento, anche per ragioni personali, sia stato indescrivibile ed è comprensibile che la reazione sia conseguente, però questo meme della guerra, del nostro essere in guerra e della nostra determinazione a risolvere la questione bellicamente è pericoloso, nella stessa misura in cui, specularmente, lo sarebbe un meme pacifista passivo.
È pericoloso perché fa il gioco di questa “internazionale del terrorismo”.
La Guerra al Terrore prosegue ininterrottamente dal 2001 e a quali risultati ha portato? Diverse nazioni in pezzi, milioni di profughi (afgani, iracheni, curdi, yemeniti, somali, palestinesi, siriani, ecc.) e organizzazioni terroristiche ancora più agguerrite ed espansive di prima.

Prosegue su Medium
https://medium.com/@stefano_fait/la-trappola-della-guerra-al-terrore-permanente-dopo-l-11-settembre-parigino-eb33f03ea10

« Older entries

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: