Big Bang Creationism is NOT science

A cura di Stefano Fait

Web Caffè Bookique [Facebook]

Annunci

Ucraina, Iran e gli affanni del colonialismo atlantista (neoatlantideo)

A cura di Stefano Fait

thegrandchessboardbyzbiwq2

The Eurasian Landmass (M.D. Nazemroaya)

Sappiamo che la Russia ha mantenuto il controllo della Siria e non ha alcuna intenzione di permettere agli americani di piazzare armi ostili ai suoi confini (Polonia e Romania) con la risibile scusa di voler difendere l’Europa dai missili iraniani.

Sappiamo che la strategia americana – quella di Brzezinski – prevede di strappare l’Ucraina e l’Iran alla sfera egemonica russa e che Israele e Arabia Saudita rischiano di mandare tutto in fumo.

L’accordo sul nucleare iraniano non piace a Israele e ai neocon, ma rispecchia questa volontà della Casa Bianca, che ha come unico obiettivo quello di accerchiare la Russia (visceralmente odiata dal polacco Brzezinski), mentre Australia, Corea del Sud, Giappone, Taiwan e il Vietnam (!!!) assistono gli Stati Uniti nell’accerchiamento della Cina (Tibet e Xinjiang tengono alta la tensione all’interno, un ruolo svolto da Cecenia, Dagestan e Georgia nei confronti della Russia).

Forse il fallimento della trattativa con l’Ucraina indica che gli americani hanno pensato di fare un baratto: ti lascio l’Ucraina e la Siria, tiro il guinzaglio a Israele e Arabia Saudita, ma in cambio tu molli l’Iran?

Peggio per l’Europa neocoloniale, e in particolare per la Germania, che molto probabilmente aveva già messo gli occhi sul Messico europeo, l’Ucraina, una terra ideale per piazzarci maquiladoras e per fare man bassa delle risorse locali, inclusa la manodopera, attraverso le classiche politiche austeriste e privatizzatrici del FMI (= togli ai poveri per dare ai ricchi e spiega che lo fai per il bene dei poveri).

Sia come sia, il governo ucraino ha detto “ni” e ora gli statisti europei protestano invocando la comune matrice europea: “l’Ucraina è Europa”. Come se la Russia non fosse Europa e come se invece lo fosse la Turchia. Come se una proposta che dà via libera alle locuste occidentali possa essere seriamente intesa come una dimostrazione di affetto fraterno paneuropeista. Affetto e fratellanza come quelli che hanno potuto toccare con mano i greci e tutti i PIIGS? PIIGS con due “I” perché, a dispetto dei proclami, l’Irlanda è ancora prigioniera del debito e la “sua” crescita è unicamente quella delle multinazionali che si sono trasferite lì per non pagare tasse (parassiti si nasce, grandi parassiti si diventa)

 Chessboard SIno-Soviet Bloc and 3 Strategic Frontshttps://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/06/12/atlantide-contro-eurasia-la-principale-causa-della-terza-guerra-mondiale/

Per non parlare della follia di un’istituzione come l’Unione Europea che, invece di fare tutto il possibile per dare un futuro ai suoi giovani, si lascia adoperare dalla Casa Bianca e dal Pentagono per espandere la NATO nel cortile di Putin (far incazzare una potenza nucleare che ci fornisce l’energia per scaldarci d’inverno è furbo quanto mandare migliaia di soldati in mezzo all’Asia, tra Cina, Russia, Iran e Pachistan).

I partner commerciali dell’Ucraina (che pare sia più sveglia dell’UE): importazioni > RUSSIA 19.4%, Cina 10.2%, Germania 9.6%, Bielorussia 7.8%; esportazioni > RUSSIA 23.7%, Turchia 6%, Cina 4.1%.

Si ribatte: gli ucraini non hanno avuto alcuna possibilità di dire la loro. È vero, ma non sembra che la cosa possa essere così problematica. I sondaggi ci dicono che per metà degli ucraini cambiava poco tra Russia o UE: “Con Franza o Spagna purché se magna

http://www.dw.de/ukrainian-support-for-eu…/a-17189085

 Trieste-Iran7

Quanto alla pasionaria Timoshenko, cerchiamo di capire chi è veramente.

2005: Rivoluzione arancione. Yulia Timoshenko (frequentatrice di grandi corrotti e sfrenata privatizzatrice di ricchezze ucraine dopo la caduta dell’Unione Sovietica – “durante questo periodo, fu soprannominata la “principessa del gas” per le accuse di aver stoccato enormi quantità di metano, facendo aumentare le tasse sulla risorsa”) e Victor Yushenko sono anche responsabili della riabilitazione di Stejpan Bandera, terrorista, collaborazionista nazista, poi espatriato a Monaco di Baviera per restare vicino ai suoi “amiconi” nel dopoguerra: “Durante la presidenza Yushenko, il leader arancione per intenderci, Stepan Bandera fu dichiarato eroe nazionale e lo stesso Yushenko ne esaltò l’operato per la lotta all’indipendenza. Bandera era il leader dell’Upa-Oun, responsabile della pulizia etnica ai danni della popolazione polacca”.

http://eastjournal.net/2010/09/07/dossier-storia-1-la-doppia-e-reciproca-pulizia-etnica-in-galizia-e-volinia/

Tears For Fears – Secrets

It seems we caused a forest fire
With just a flicker of a flame
And now I set alight to everything
Now all I do is cause you pain

I won’t keep secrets alive
I’ll send them all out to space
Without the will to survive
They won’t be going no place

Oh, my angel
Woman child

I used to think the time would come
When man would rise above the beast
I gave up thinking that way long ago
In conversation with a priest

I won’t keep secrets alive
I’ll send them all out to space
Without the will to survive
They won’t be going no place

Oh, my angel
Woman child

We could heal this blindness
With some human kindness
I know secrets kill you
But my love can fill you

Time and time again
Time and time again
It would be so fine
If you could be mine

I won’t keep secrets alive
I’ll send them all out to space
Without the will to survive
They won’t be going no place

Oh, my angel
Woman child

If Kissinger could win the Nobel Peace Prize, why not Brzezinski? (Iran nuclear deal)

 

A cura di Stefano Fait

Web Caffè Bookique [Facebook]

truth-01

I can’t stand him anymore. He’s a liar – You may be sick of him, but I have to deal with him everyday.

Sarkozy and Obama on Netanyahu, November 2011

 

There are some who without too much thinking are listening to foreign advice of the kind that you have displayed like from the prime minister, Netanyahu [“a very bad deal”]. They are not being particularly helpful and I’m not sure what their motives are.

Zbigniew Brzezinski, November 2013

http://newsbusters.org/blogs/mark-finkelstein/2013/11/22/zbigniew-brzezinski-very-accomodating-iranians-wiling-abandon-nucl

 

The agreement under discussion would slow crucial elements of the Iran program, make it more transparent and allow time to reach a more comprehensive agreement in the coming year. Should the United States fail to take this historic opportunity, we risk failing to achieve our non-proliferation goal and losing the support of allies and friends while increasing the probability of war.

Zbigniew Brzezinski, November 2013

http://www.ipsnews.net/2013/11/scowcroft-brzezinski-urge-iran-accord/

 

A limited U.S. strike would have only a temporary effect. Repetitive attacks would be more effective, but civilian fatalities would rise accordingly, and there would be ghastly risks of released radiation. Iranian nationalism would be galvanized into prolonged hatred of the United States, to the political benefit of the ruling regime. Iran, in retaliating, could make life more difficult for U.S. forces in western Afghanistan by activating a new guerrilla front. Tehran could also precipitate explosive violence in Iraq, which in turn could set the entire region on fire, with conflicts spreading through Syria to Lebanon and even Jordan. Although the U.S. Navy should be able to keep the Strait of Hormuz open, escalating insurance costs for the flow of oil would adversely affect the economies of Europe and Asia. The United States would be widely blamed. Given the recently woeful U.S. performance in the United Nations — where the United States and Israel gained the support of only seven states out of 188 in opposing U.N. membership for Palestine — it is also safe to predict that an unsanctioned U.S. attack on Iran would precipitate worldwide outrage. Might the U.N. General Assembly then condemn the United States? The result would be unprecedented international isolation for an America already deeply embroiled in the region’s protracted turmoil. Congress should also take note that our Middle Eastern and European friends who advocate U.S. military action against Iran are usually quite reticent regarding their readiness to shed their own blood in a new Middle East conflict. To make matters worse, the most immediate beneficiary of ill-considered recourse to war would be Vladimir Putin’s Russia, which would be able to charge Europe almost at will for its oil while gaining a free hand to threaten Georgia and Azerbaijan….Could Meir Dagan, the former head of Israel’s Mossad, have been right when he bluntly said that an attack on Iran is “the stupidest thing I have ever heard”? Fortunately, there is a better, even if not a perfect, option.

Zbigniew Brzezinski,January 03, 2013

http://articles.washingtonpost.com/2013-01-03/opinions/36210797_1_military-action-iranian-nationalism-nuclear-non-proliferation-treaty

 

I don’t think there is an implicit obligation for the United States to follow like a stupid mule whatever the Israelis do. If they decide to start a war, simply on the assumption that we’ll automatically be drawn into it, I think it is the obligation of friendship to say, ‘you’re not going to be making national decision for us.’ I think that the United States has the right to have its own national security policy.

Zbigniew Brzezinski, November 2012

http://www.niacouncil.org/site/News2?page=NewsArticle&id=8713

 

A war in the Middle East, in the present context, may last for years. And the economic consequences of it are going to be devastating for the average American. High inflation. Instability. Insecurity. Probably significant isolation for the United States in the world scene. Can you name me any significant country that’s going to be in that war together on our side? That’s something no one can afford to ignore.

Zbigniew Brzezinski, July 2012

http://www.newsmax.com/newsfront/brzezinski-iran-war-oil/2012/07/18/id/445804#ixzz2le23nmD3

[Sanctions] work already to an extent that they weaken Iran. They make domestic stability more difficult for the Iranian leadership to maintain. I don’t think they will work in a kind of decisive fashion if our objective is to deprive the Iranians entirely of a nuclear program.We have to be firm and credible about it and we also have to say a conflict is not in our interest because we know if there’s a conflict, we will be hit by the Iranians. Do you want another war in that part of the world? Do you want the price of oil to go up? Do you want our troops in Iraq and Afghanistan to be threatened? I don’t understand how anyone can seriously argue that this is in the American interest. I don’t want to live with a nuclear Iran. I would like to make it uncomfortable for them to seek it. I would like to promote internal change in Iran — which is more likely if we don’t fuse Iranian nationalism with Iranian fundamentalism.

Zbigniew Brzezinski, February 2012

http://www.cbsnews.com/news/brzezinski-concerned-about-american-ignorance/

We won’t sit idly by…Appeasement hasn’t worked in the past, and I don’t think it will work in the 21st century. That is why the frustration really is toward the main players within the United Nations Security Council, that’s their responsibility. And they will share also the blame, whatever deal comes out, they are responsible for it

Prince Mohammed bin Nawaf bin Abdulaziz, the Saudi ambassador to London

http://www.timesofisrael.com/saudi-prince-to-iran-we-wont-sit-idly-by/

What was achieved last night in Geneva is not an historic agreement, but an historic mistake…Today the world has become a much more dangerous place because the most dangerous regime in the world has taken a significant step toward attaining the most dangerous weapon in the world. Israel will not allow Iran to develop a military nuclear capability.

Benjamin Netanyahu

http://www.independent.ie/incoming/netanyahu-iran-nuclear-deal-is-historic-mistake-29779836.html

 

If a nuclear suitcase blows up in New York or Madrid five years from now, it will be because of the deal that was signed this morning.

Naftali Bennett, Israel’s economic minister

http://www.independent.co.uk/news/world/middle-east/iran-nuclear-deal-israeli-minister-warns-accord-could-end-in-suitcase-bomb-8960856.html

1.) The USA and UK overthrew an elected Government in Iran in 1953.
2.) The Shah was selected to rule over Iran by the West.
3.) The Shah never stood for an election.
4.) The Shah was supplied by the USA with weapons.
5.) The US shot down an Iranian Airliner killing all aboard.
6.) Hostages held by Iran were released. None were killed.
7.) The USA favored Saddam Hussain in the Iraq-Iran War, even though Saddam started it.
8.) The Neo-Cons and the Puppet State of Israel have on numerous occasions threatened to bring a War to Iran.
9.) We have a double standard where Israel is allowed to have Nukes (WMD’s) but Iran must undergo a rigorous process of transparency.
10.) Iran is ringed by US Military bases, and carriers.

 

Bernard Burchell – A superconducting model of the Sun

A cura di Stefano Fait

Web Caffè Bookique [Facebook]

electricuniversetheorycom

A Superconducting Model
of the Sun

 by Bernard Burchell

There are two popular and competing models that describe how the Sun works.  As in, how it glows, gives off heat, light, solar wind, etc.

The most well-known of these is the thermonuclear model.

In this model, loose accumulations of interstellar hydrogen are drawn together under the pull of their own gravity and into a sphere of compressing gas.  The process involves friction, which causes the gas to glow either red or infrared, and leads to what we call a brown dwarf.

If this process were allowed to continue, and with increasingly larger amounts of hydrogen involved, the pressure at the interior of the ball would become so high that the hydrogen would undergo nuclear fusion: first into helium, and then into higher order elements.  The energy released by this fusion process would cause the gaseous ball to glow white-hot, leading to a star like our Sun.

In the thermonuclear model the Sun’s interior is millions of degrees Celsius.  This steadily decreases toward the surface where we observe a temperature of around five thousand degrees.

A lesser-known explanation is the electric model.

In this model, the glow we observe from the Sun’s surface is not caused by fusion but by electrical discharges; similar to the electric arcs/sparks seen on a welding device.  For this to happen the Sun must have a strong net-positive charge.  It is made out of plasma (ionised gas) and this positive plasma steadily discharges at its surface.  Its interior is a few thousand degrees throughout; slightly cooler than the photosphere surface.  And its interior charge counteracts gravity to prevent further collapse.

(The above is a very brief introduction and admittedly the subject takes some getting used to.  For a better description of the Electric Sun model see
http://www.electric-cosmos.org/sun.htm )

http://www.youtube.com/playlist?list=PLwOAYhBuU3Ufr53AnJv9RLousgVN4G_uX

Of these two models, the more likely is the electrical one.  It correctly accounts for the magnetic fields, the appearance of tufts, its temperature increase whilst heading outward toward the corona, the solar wind, and occasional flaring.

Sunspots with Birkeland current twisting
In these close-ups of sunspots we see twisted glowing strands. These are consistent with Birkeland currents, a type of electrical arcing seen in plasma discharges.   Credit: SST, Royal Swedish Acadmey of Sciences

          Plasma loops
Here we see coronial plasma loops, an effect related to magnetism.  The Sun’s magnetic field can also be detected far out into the solar system.   Credit: M. Aschwanden et al. (LMSAL), TRACE, NASA

        Voltage potential of Sun causing plasma discharge
This diagram shows the Sun as a large positively charged ball and the voltage potential arising from it.  The high positive charge causes a discharge of protons into the photospheric gasses, leading to plasma glowing effects.  The protons then continue to accelerate and strike the corona (an outer layer of gas surrounding the Sun) at high speed, leading to even higher temperatures there.   Credit: The Electric Universe, Thornhill & Talbott

Where’s the power?

Despite its success though, the electric Sun model does appear to suffer a major deficiency.  Namely the question: what powers this electrical giant?  Specifically, what gives it a positive charge, and what drives the currents necessary to explain its magnetic fields?

According to the theory, the Sun is powered by streams of electrons funnelling inward toward the polar regions.  These ‘galactic powerlines’ interconnect all the stars in the galaxy and feed them the necessary current to power their photospheres.  The presence of these has been partially observed via the Ulysses craft, which passed over the polar regions [1].

But while there could be little disagreement that a positively-charged ball would attract electrons, there are major problems in suggesting that this could be its power source.

First, a stream of electrons ‘falling’ into the Sun is not going to do much other than steadily discharge it.  In order to power an electrical device (e.g. a desk lamp), charge must be forcefully fed into it and then extracted again.  This is because the device has resistance that needs to be overcome.  But the electrical Sun model describes a one-way inward current flow.  And it’s not forced, just free-falling.

Second, since the Sun is emitting positive charges, the net current supply must consist of protons rather than electrons otherwise the output current – the solar wind – would eventually cease. This is a big problem because protons won’t move toward a net-positive charge unless they are somehow forced or initially fired (from where?) at high speeds.  But the model allows for no such inward positive flow and no observations support it.

So what then could explain the power supply and nature of the Sun?

What if…?

What if, instead of the high-temperature thermonuclear model, we said the Sun steadily grew cooler as we headed inwards?  And by ‘cooler’, I don’t just mean in a sense relative to its surface, as in a few thousand degrees.  Nor even a few hundred degrees.  And not even a few degrees below room temperature, but colder again.

What if the temperatures in the Sun’s interior became so cold that they approached levels nearing absolute zero Kelvin – the lowest temperature possible for any material?

The idea sounds absurd!  It is the complete opposite of the conventional model, with its millions-of-degrees thermonuclear core.  And after all, how could a compressed gas become cold?

Extreme compression of a gas

To understand how this might be possible, consider an airtight cylinder with a piston at one end.  We fill the cylinder with nitrogen (which is basically air minus oxygen) and begin to apply pressure to the piston.  What will happen?

This is somewhat like compressing air inside a bicycle pump.  The pressure will increase and the temperature will rise.  After a while though, this heat from the compression process will dissipate and the temperature will return to the surrounding air temperature.

So we push the piston further.  Once again, the nitrogen pressure will increase and the temperature will temporarily rise before returning to normal.

Now let’s suppose our cylinder was very strong and we were able to apply a very high amount of force to the piston.  In this case the gas will compress so much that it will cease being a gas and become a liquid: liquid nitrogen.

Take this idea further.  We continue to apply ever larger forces on the piston.  Eventually this liquid will be forced to collapse into ‘solid nitrogen’.

As is well known, liquid and solid nitrogen are very cold substances.  However it needs to be quickly pointed out that we have not made anything cold.  Rather, the liquid and solid states of nitrogen will at first be at high temperature and pressure.  After a while, the heat will dissipate and temperature will return to the surrounding air temperature.  But compared to regular (cold) liquid or solid nitrogen, the pressure is very high and the substance would explode into gas if released.

Compression under gravity

Now consider a similar situation for a star.  Under the standard astronomy model, stars are formed when loose accumulations of hydrogen gas are drawn together under the force of their own gravity.  As this occurs, gas is compressed and heats up, giving out infrared heat.  This increase in temperature might halt the compression process for a time.  But adding more gas will force the compression to continue.

Eventually the internal gaseous resistance will give way, allowing the hydrogen to liquefy.  Although this liquid will be still be quite hot.  We continue to add more hydrogen, increasing the external pressure.  Eventually this liquid also gives way, and the hydrogen collapses into a solid.

At this stage the solid is somewhat disorganised, its atoms not arranged according to any particular pattern.  We continue to increase pressure.  Eventually the hydrogen atoms are forced into crystalline lattice structures.  We could now refer to this as ‘metallic hydrogen’.

The atoms have now become rather restricted in their movement.  They are unable to move about freely as they did in their gas, liquid or semi-solid state.  Instead they are restricted into vibrating along short distances.

Despite the restriction in distance though, this rapid movement still accounts for a high temperature; since that vibration is essentially the definition of temperature.  But if enough pressure were applied to the lattice, the hydrogen atoms would be almost unable to move.  They would effectively have become frozen and could thus be described as having a temperature of near absolute zero.

So… what happens when we freeze a metal or crystalline material to near absolute zero?  The title of this essay gives it away: it becomes superconducting!

As is known, superconductors allow electrons to flow through them without resistance.  A superconductor formed into a ring or disk can maintain an internal electric current that circles forever.  And as it does so, it emits a magnetic field, just as an electromagnetic coil would do.  Except a superconductor magnet requires no power supply to maintain it.

Therefore a superconductor formed into a ball should also be able to maintain internal currents that cycled forever and without the need for any power supply.


Electrons circling within a superconducting ball or disk.

Current cross-section of a wire

So what does this mean?  Quite obviously, if the Sun were a giant superconductor, we should likewise expect it to contain powerful circling currents.  These currents would then generate large magnetic fields.  And we certainly do observe magnetic fields and related effects like plasma loops coming from the Sun (see eariler diagram).

But there is more to this story than just magnetism.

Consider now two parallel wires, each carrying a current in the same direction.  We know from observation that these will attract each other.


Magnetic attraction from parallel currents.

Now consider the situation inside just a single current-carrying wire.  We will give this wire a rectangular cross section, with width is twice its depth.  Below is an enlarged top and cross-section view.


Electrons stationary inside a wire with rectangular cross-section.

Here we see the wire with protons and electrons both stationary, i.e. no current is flowing yet.  If we draw an imaginary dividing line down the middle of the wire we notice that it would become analogous to the two parallel current-carrying wires described earlier, except without a gap between them.  Therefore, like the two-wire situation, we should expect flowing electron streams to attract each other like so:


Electrons flowing inside a wire with rectangular cross-section.

Here we see an electron current flowing and the electrons are now concentrated along the middle of the wire.  This gives the inner part of the wire a slight negative charge.  Meanwhile the outer edges of the wire have a lack of electrons and therefore gain a slight positive charge.

Does this happen in reality?  It doesn’t.  Experiments show that current density remains uniform when DC currents are involved.  And when an AC current is fed through, the electrons push themselves against the walls of a wire.  This is called the ‘skin effect’.

Given our knowledge of magnetism however, this appears curious.  Because by all accounts the electrons should accumulate into the middle portion of the wire in both the DC and AC scenarios.

It appears something else is going on inside wires, namely ‘eddy currents’.  These are tiny ‘whirlpool’ currents that appear to develop inside conductors, repelling attractive current flow and pushing the electrons to the outside.  In the AC case the effect is more pronounced.

But we are not dealing with regular conductors.  We are dealing with superconductors, and these have rather different properties where magnetism is concerned.  Given that superconductors have zero resistance, perhaps eddy currents don’t develop or are too minor to be a problem.  Therefore for superconducting wire, especially where large currents are concerned, magnetic forces may well focus the electrons along the middle of the wire, as indicated above.

Next consider the situation for a superconducting disk.  We’ll start by having electrons circle around its centre.


Electrons circling in disk (no magnetic attraction).

Since these electrons are moving in parallel, we should expect them to magnetically attract each other, resulting in a situation like this:


Electrons circling in disk, with internal magnetic attraction.

As with the rectangular wire above, the electrons have concentrated themselves into a negatively charged ring-shaped region located between the centre and the perimeter.  The reason for a ring and not a small inner disk is that the electrons moving in opposite directions on either side of the ‘inner disk’ will magnetically repel each other.  The result will be a negatively charged ring with a positively charged regions either side: one in the centre and the other along the outer part of the disk, as shown below.


(Fig 10) Magnetic attraction and repulsion of circling electrons leaves positive and negative regions within a disk.

Now extend the above situation to a ball-shaped superconductor.  Particularly one the size of the Sun.  We should expect large internal currents, which focus themselves into a middle negative region, whilst leaving a positive region in the centre and on the outside.

This outer positive region is of particular interest.  If the charge were strong enough, we should expect electrical discharges to occur across the surface of the Sun, as protons leapt off the surface.

If the surface were covered by a gaseous layer (and it is with the Sun) the motion of protons passing through it would cause the surface to light up with electrical sparks, also known as ‘anode tufts’.  We should also expect a steady discharge of protons accelerating out as a solar wind.  And if for some reason the sparking stopped at some area, causing sunspots, we should also expect those regions to be darker because we would now be looking at the relatively cooler solid surface of the Sun.  And sure enough, this all corresponds to what we see!

Since currents can circle forever within a superconductor, the above describes a model in which a star can glow indefinitely, without any external power source or requirement for internal fusion.  Electrons will still be attracted and flow inward toward the Sun’s positive surface.  However, these are not required for the Sun to glow and act more as a power discharge than a power supply.

What about density?

In order for this model to be viable it needs to show an agreeable density.  The density of the Sun is 1400kg/m3 or 1.4 times that of water.  This is of course an average.  We should expect the density to be less near the surface and steadily increase toward a value higher at the centre.

So how does the 1400 number fit with this model?

Below is a table showing the densities of various substances in ascending order and compared with the Sun’s average.

Substance Density (kg/m3)
Hydrogen gas 0.09
Helium gas 0.18
Helium solid 0.21
Nitrogen gas 1.3
Tungsten Hexafluoride gas 13
Hydrogen liquid 71
Helium liquid 125
Lithium solid 534
Hydrogen solid 600
Nitrogen liquid 807
Water liquid 1000
Nitrogen solid 1030
Sun (average) 1400
Quartz (SiO2 – typical rock) 2600
Diamond (carbon) 3500
Iron 7900
Lead 11000

Note the position of hydrogen gas on the list.  At 0.09 kg/m3, it is far less than the 1400 required.  Likewise with heavier gasses such as helium and nitrogen.  In fact even the densest gas known, tungsten hexafluoride, falls well short of what is required.  This would appear to rule out an interior of a gaseous or plasma nature.

Hydrogen in its liquid state is still too light, as is helium.  Liquids made of heavier elements would certainly work, although that requires them to be far above hydrogen on the periodic table, and which requires going back to the problematic fusion model.

Going to typical solids, such as diamond (compressed carbon) places us too high on the list.  Carbon is said to be a common fusion by-product in the thermonuclear model.

But solid hydrogen appears nearer the mark.

Solid hydrogen has a density of 600kg/m3.  The 1400 Sun-density value seems to correspond to hydrogen compressed to a bit over double that amount.  If we estimate a higher density for the Sun’s interior of 1800kg/m3, that makes it 3 times the 600 hydrogen figure.  Admittedly the 1800 number is a guess and the real density might be higher; although could not be too much higher because the 1400 average would be wrong.

Thus, a Sun comprised of compressed solidified hydrogen would have a density consistent with what we observe, and is supportive of the model described here.

Of course it would also be possible to achieve the 1400 average using a combination of elements.  Metallic lithium for example has a density of 534kg/m3.  So compressing that several times can give the necessary density.  Or combining it with heavier elements like iron would also work.  However, it will require fusion and also require the relative abundance of such substances be very different than what is observed in the universe.  Thus metallic hydrogen still seems the more likely candidate [2].

Solar Oblateness and Rotation

Here’s another point to consider.  As we know, the Sun rotates on its axis, and this rotation gives rise to a bulge around its equator, similar to the way the Earth bulges around its equator.

The degree of bulge – called the solar oblateness – however, is far smaller than what would be expected for a flexible rotating ball of that size, mass and angular speed.  In fact the Sun comes close to being a perfect sphere.

But if the interior of the Sun were not made of gas or plasma, and was instead a solid ball, the above observations on oblateness would make sense.  Because only the outer flexible layer of the photosphere gasses would be able to bulge and the amount of bulge would be limited by its thickness.

And speaking of rotation, another interesting fact is that the Sun rotates faster at its equator than at its poles.  This tells us that some of the observed rotation may just be a surface effect and leads to the possibility that the interior may be rotating even slower again.  In fact for all we know, the interior may not rotate at all and the surface rotation we observe may be caused by interior electrical currents pushing the photosphere around.  If this were the case it would explain why the interior solid region formed as a sphere rather than an ‘ellipsoid’.

The overall current flow

Let’s now look at the overall current flow.  The above diagram (Fig 10) showing positive and negative regions within a disk won’t work for a sphere.  Namely, it won’t be possible for currents to circle a sphere in all directions because electrons moving head-on would magnetically repel.  Therefore, it will instead be necessary for currents to largely flow in the same direction.

In the previous section it was speculated that the Sun’s apparent rotation only represented the flow of its photosphere, and that this was being caused by the electron currents flowing in the solid interior.

This does seem likely.  Since the gasses within the photosphere are ionized into a plasma, the protons within the plasma would be magnetically attracted to the circling electrons and dragged across the solid surface underneath.  Meanwhile the electrons in the photosphere will move along with the protons, giving an overall movement of the photosphere surface.

This motion of the photosphere suggests an interior current flow in layers, i.e. many current loops running parallel to the Sun’s equator.  The overall current flow and resulting charged regions will then look something like this:


(Fig 11) Electron currents cycle eastwards along the equator and in many layers parallel to it.  This leaves positive and negative regions within.  Arrows represent direction of electron flow and the vertical grey line is an “axis” of rotation.

As with the disk, this results in positive and negative regions within.  What happens at the polar regions is uncertain since we won’t be able to fit in a ‘mini disk’ there.  So here they are speculatively shown as having the adjacent positive regions spill over onto them.   As a result we end up with a sphere covered by an outer positive layer.

Magnetic repulsion of the surface

Next we’ll look at the interaction between the moving photosphere and stationary interior.

In this model, protons within the solid interior remain stationary while the electrons cycle west-to-east, and the photosphere moves in the same direction, albeit more slowly.

Since the protons in the photosphere are moving against those in the interior, they will magnetically repel and be pushed away.  Meanwhile the electrons in the photosphere will be magnetically attracted.  This diagram shows the resulting force directions.


(Fig 12) Magnetic attraction/repulsion between photosphere and interior (top view, looking down on north pole).  Protons experience repulsion and electrons attraction as they both move over the net-positive surface of the interior.

This interaction turns out to be very important.  We know from Coulomb’s law that a sphere containing equal amounts of positive and negative charge can have zero net-attraction.  This will be the case when the charge is distributed with radial symmetry, i.e. if the charge is arranged into positive and negative spherical shells.  The charge distribution diagram above (Fig 11) shows something close to this situation.

But if differently charged regions of the interior and exterior regions were moving against each other (as indicated in Fig 12), this can lead to a net repulsion of the photosphere’s protons, resulting in a glow-discharge and solar winds.

In fact without the photosphere’s rotation, it might be that the Sun wouldn’t glow at all.  It might also be true that sunspots are caused by a slowing down of photosphere motion (for unknown reasons), and hence a halting of the discharge process at those places.

No miniature stars

The electric star model discussed at the opening of this essay is part of a broader body of knowledge and theory known as the Electric Universe (EU) model.  One of the big benefits of the EU model is that it is able to recreate observed astronomical phenomena in a laboratory.  For example it is possible to produce phenomena that look strikingly similar to nebulae formations inside plasma focus devices.

The fact that we can do this is very impressive and tells us EU theory must be on the right track in much of what it describes.

Despite this validity however, no similar success has been achieved in creating a small-scale star in a laboratory.  The same is true throughout the universe: no miniature stars are seen floating about our galaxy or elsewhere.  It appears that white stars must be of a minimum size or they won’t function.

This should be a big clue that there is more than just electricity at play in creating a star.  Namely, that a large amount of gravity is required in order for a star to advance beyond the brown dwarf stage and become a white star.  This point further supports the compressed superconducting model.

How long can it last?

Can the Sun/star model described here radiate forever?  On the face of it it would appear so.  Superconductors can maintain a current continuously without decrease.  Therefore it would seem that stars could output an unlimited supply of energy.

Problem is, our Sun also outputs solar wind and flares – amounting to a million tons of matter every second and consisting mainly of protons.  This process clearly can’t continue forever.  At some point it must come to a stop when the Sun runs out of ejectable protons or becomes too negatively charged (as a result of losing protons) and is unable to eject more.  At this point the electrical discharges in the photosphere would cease and the Sun would become dark.

Another consideration is the inflow of electrons.  As discussed earlier, a positive charged surface would be expected to attract a steady stream of electrons.  Initially these electrons might add to the those already circling within the interior.  This would increase the current flows, the magnetic fields, and the brightness/intensity of the solar output.  Eventually though, the increase in negative charge would be enough to halt the output of protons, again leading to the Sun’s demise.

Fusion

Something also needs to be said about the conversion of hydrogen into heavier elements, i.e. fusion.  The electric star model forbids fusion within the Sun’s interior but allows for it to take place within the electrical discharge area of the photosphere.

In this superconductor model we’ll allow that the same should apply.  Namely that there should be no fusion activity within the frozen interior but that fusion will take place either in the photosphere or just beneath it.  How long this can continue for is unknown.  But of course, it can’t continue forever and ultimately the conversion of too much hydrogen would bring a halt to the radiation process; unless the conversion products were also superconductive.

Benefits of this model

In summary then, this superconducting model neatly accounts for a number of observations about the Sun:

  • Its average density
  • Its magnetic fields
  • Its (seemingly unlimited) power supply
  • Its minimum size
  • The solar wind
  • The darkness of sunspots

Conclusion

It’s possible that our Sun (and many stars) consists primarily of hydrogen that is first compressed into a solid, then further compressed to the point where the atoms are almost unable to vibrate.  At this point the solid becomes ‘frozen’ at near-zero absolute temperature.  This allows the substance to become superconducting and large electrical currents to circle within it.

These currents produce magnetic fields and focus themselves into a mid-region within the Sun, leaving a net positive area near its surface.  This positive area then electrically discharges into the surface atmosphere, producing light, heat, solar wind, and occasional flares.

—————–
[1]  Although the evidence is sketchy because the craft was not designed to measure that.
http://www.thunderbolts.info/tpod/2010/arch10/100204ulysses.htm
[2]  Astronomers speculate that the interior of Jupiter and Saturn consists of metallic hydrogen.  Assuming their calculations are correct, if metallic hydrogen can form within a gas-ball the size of Jupiter, there should be no problem in it doing likewise within the Sun.

http://alternativephysics.org/

Baltic Fleet – from ‘Towers’

Desmond Myers – Snow

Dalla realtà come costruzione sociale alla realtà come invenzione mediatica – Bookique 20 novembre

A cura di Stefano Fait

Web Caffè Bookique [Facebook]

1463913_1394542370786226_1795047230_n

Negli anni cruciali prima e durante il maccartismo, la capacità di convinzione dei giornali editi da Luce era incalcolabile, e quasi sempre aveva un effetto deformante sulla verità. Il mitico giornalismo americano, così celebrato per la propria indipendenza, accettava che Henry Luce in persona cambiasse il senso degli articoli inviati dai corrispondenti dall’estero per renderli al massimo antisovietici.

Andrea Barbato (1996)

La maggior parte degli “squilibri globali” che continuano a preoccupare l’intelligentsia mondiale sembra molto meno minacciosa se esaminata dal punto di vista plutonomico [precedentemente definito come “il governo dei ricchi per i ricchi”]…la Terra non sta per essere smossa dal suo asse e risucchiata nello spazio per colpa di questi “squilibri”. Che piaccia o meno, il pianeta è sostenuto dalle braccia muscolose dei suoi imprenditori-plutocrati.

Ajay Kapur, “Plutonomy: Buying Luxury, Explaining Global Imbalances”, memorandum del capo analista della banca d’affari Citigroup, 16 Ottobre 2005

La democrazia è venuta ad assumere il carattere di un sistema che ha riconsegnato per aspetti cruciali il potere a nuove oligarchie, le quali detengono le leve di decisioni che, mentre influiscono in maniera determinante sulla vita collettiva, sono sottratte a qualsiasi efficace controllo da parte delle istituzioni democratiche. Si tratta sia di quelle oligarchie che, titolari di grandi poteri, privi di legittimazione democratica, dominano l’ economia globalizzata, hanno nelle loro mani molta parte delle reti di informazione e le pongono al servizio degli interessi propri e dei loro amici politici; sia delle oligarchie di partito che in nome del popolo operano incessantemente per mobilitare e manovrare quest’ ultimo secondo i loro intenti; sia dei governi che tendono programmaticamente a indebolire il peso dei parlamenti (…) esoggiacciono all’ influenza del potere finanziario e industriale, diventandone in molti casi i diretti portavoce e gli strumenti.

Massimo Salvadori, “Democrazie senza democrazia”, 2009

Si affacciano nuovi conformismi e nuovi autoritarismi, nuove imposizioni di ‘identità’ obbligatorie, nuove e immediate forme di potere che fanno leva sulla paura (anche producendola) e non certo sulla libertà o sulla virtù civica, sostituita da una cupa chiusura dei cittadini su se stessi. In parallelo, le istituzioni liberaldemocratiche, rappresentative e di garanzia, sono travolte dalle nuove forme che la politica assume: populismo, plebiscitarismo, fittizie mobilitazioni di massa contro fittizi nemici inventati dai poteri politici ed economici in modo che i cittadini non si sentano del tutto assoggettati e impotenti davanti al governo reale delle “cricche” economico affaristiche. […] La democrazia rischia di uscire trasformata in una democrazia della sicurezza, delle identità (delle civiltà, delle culture) in conflitto, delle ‘radici’ da riscoprire, del controllo sociale e del dominio sulla vita biologica della persona, del plebiscito autoritario, dell’ignoranza acritica, dell’apatia e del risentimento, soprattutto, in una democrazia del mercato.

Carlo Galli (cf. Portinari, 2011, p. 43-45)

Potrebbe perfino sospettarsi che la lunga guerra contro le arbitrarie costrizioni esterne, condotte per mezzo delle costituzioni e dei diritti umani, sia stata alla fine funzionale non alla libertà, ma alla libertà di cedere liberamente la nostra libertà. La libertà ha bisogno che ci liberiamo dei nemici che portiamo dentro di noi. Il conformismo, si combatte con l’amore per la diversità; l’opportunismo, con la legalità e l’uguaglianza; la grettezza, con la cultura; la debolezza, con la sobrietà. Diversità, legalità e uguaglianza, cultura e sobrietà: ecco il necessario nutrimento della libertà

Gustavo Zagrebelsky, “Le parole della politica”, Repubblica, 16 giugno 2011.

Un caffè dibattito che unisce la rete e la discussione di gruppo.

Il confronto online servirà a segnalare gli argomenti più stimolanti, che verranno poi appunto dibattuti di persona da tutti gli interessati mercoledì 20 novembre alle 20.45 presso la Bookique (Via Torre D’Augusto, 29 – Quartiere San Martino – Trento / parco della Predara, tra l’Albermonaco e il Castello del Buonconsiglio)

bookique-ext

io e Roberto Maestri parleremo della costruzione mediatica della realtà a livello locale, nazionale ed internazionale.
Interverranno Mario Giuliano, avvocato e membro del comitato 26 gennaio
http://comitato26gennaio.blogspot.it/
Andrea Tomasi e Jacopo Valenti, autori dell’inchiesta “La farfalla avvelenata. Il Trentino che non ti aspetti“, esempio di giornalismo che disvela ciò che è occultato e decostruisce una realtà artefatta e sintetica.

http://www.cdse.it/index.php?id=639
https://versounmondonuovo.wordpress.com/2013/01/01/la-farfalla-avvelenata/
Vi aspettiamo numerosi.

Potete dire la vostra anche subito, qui

farfalla-h1-2

601160_1394112477495882_948603028_n
In pratica, a livello globale, l’informazione – e quindi la percezione della realtà di miliardi di persone che popolano la fetta di pianeta “che conta” – è plasmata da questi grandi gruppi, spesso con interessi intrecciati e oligopolistici (alla faccia del libero mercato):
Time Warner, Walt Disney, Viacom, News Corporation (Rupert Murdoch), Bertelsmann, Axel Springer AG, Sony.

Fino a che punto l’informazione rende un servizio rivolto al pubblico dei cittadini e non si sottopone al controllo dei potenti di turno? La stampa italiana ma non solo, si è resa spesso complice di campagne denigratorie nei confronti di personaggi avversi al potente di turno, il caso Boffo docet, oppure si è gettata a corpo morto nel sensazionalismo perseguendo il solo scopo di fomentare la morbosità funzionale all’aumento delle vendite. Vero è che un certo tipo di manipolazione delle notizie può essere funzionale ad un sistema che si basa anche sulle reazioni emotive di mercati che muovono ingenti quantità di denaro. E allora dove sta il confine tra libera informazione e controllo della stessa? Ed è ancora possibile pensare ad una informazione proveniente dal basso, pensiamo alla rete, che possa avere il beneficio di credibilità permettendo la verifica e il controllo delle fonti?

Roberto Maestri

 

Credere alle bugie ed agire sulla base di una percezione falsata della realtà può, letteralmente, distruggerci. Possiamo autorizzare delle decisioni che, alla lunga, potrebbero ritorcersi letalmente contro di noi.

Identici testi per i telespettatori dei più importanti telegiornali americani, nazionali e locali:

“Conan O’Brian may be about to push the envelope on late night television”

You don’t need us to tell you that gas prices are back on the rise”.

Identico testo per il discorso del primo ministro australiano e dell’attuale primo ministro canadese (allora all’opposizione) per promuovere l’intervento militare in Iraq da parte delle rispettive nazioni: testo scritto a Washington e poi fatto pervenire a Londra, Ottawa e Canberra, per orientare l’opinione pubblica di lingua inglese nella direzione desiderata. Chi ha mandato il testo si aspettava una rielaborazione e chi l’ha ricevuto non si aspettava che fosse una copia.

 

CONTESTO GLOBALE

1990: centinaia di neonati strappati alle incubatrici dai soldati iracheni e lasciati morire durante la prima Guerra del Golfo. L’unica testimone è una ragazzina kuwaitiana di 15 anni, identificata soltanto per nome, Nayirah. Il suo racconto fa il giro del mondo grazie alla Hill & Knowlton, una delle più grandi agenzie di pubbliche relazioni del mondo, ricompensata con oltre 10 milioni di dollari dagli emiri del Kuwait. Poi si scopre che la suddetta Nayirah era un membro della famiglia reale kuwaitiana, che suo padre era l’ambasciatore del Kuwait negli Stati Uniti e che il vice presidente della Hill & Knowlton, Lauri Fitz-Pegado, aveva istruito Nayirah su cosa avrebbe dovuto dire.

2011: il 15 febbraio, in Libia, centinaia di persone appiccano il fuoco a diversi comandi di polizia libici. 28 feriti tra le forze di sicurezza e 10 tra gli insorti. Nessun morto.

http://www.webcitation.org/5wYDLZMdr (Al Jazeera, Reuters, AFP, ecc.)

http://www.france24.com/en/20110216-libya-violent-protests-rock-benghazi-anti-government-gaddafi-egypt-tunisia-demonstration

Il 17 è il “Giorno della Rabbia”, l’inizio dell’insurrezione armata in tutto il paese. Fino a quel giorno in tutta la Libia c’erano state 4 vittime (150 nella “nonviolenta” insurrezione egiziana, 3 in quella tunisina):

http://www.lemonde.fr/proche-orient/article/2011/02/17/suivez-en-direct-les-manifestations-dans-le-monde-arabe_1481247_3218.html#ens_id=1481220 –

Eppure in Occidente è passato il messaggio che quello di Gheddafi [comunque indifendibile], diversamente dai regimi di Tunisia ed Egitto, era subito ricorso all’eccidio.

Si susseguono le notizie choc:

– uso di mercenari per sedare nel sangue la rivolta, poi smentito da Human Rights Watch

http://www.rnw.nl/africa/article/hrw-no-mercenaries-eastern-libya-0

– fosse comuni per accogliere i 10 mila morti (e 55mila feriti) causati dalla repressione nel giro di una settimana: la fonte è un sedicente membro libico della Corte penale internazionale residente a Parigi che cita un presunto bilancio della CPI. Tutti i media rilanciano la notizia senza verificarla. Il giorno dopo la CPI annuncia di non conoscere Sayed Al Shanuka e nega di aver stilato un qualunque bilancio. Si scopre anche che il video delle fosse comuni era stato girato 6 mesi prima in un cimitero nel corso di un’esumazione ordinaria.

– viagra per stupri di massa su ordine del regime: smentita qualche mese dopo da parte dell’inviato dell’Onu Cherif Bassiouni e da Amnesty.

– 17 marzo: Gheddafi avverte che se i ribelli bengasini non getteranno le armi o si ritireranno in Egitto, li massacrerà. Per chi rinuncerà alla lotta armata promette invece l’amnistia.

http://www.nytimes.com/2011/03/18/world/africa/18libya.html?pagewanted=all&_r=0

I media si concentrano però sulle parole di un leader dell’opposizione libica che risiede a Ginevra e che afferma che se Gheddafi avesse attaccato Bengasi, ci sarebbe stato un “bagno di sangue, un massacro simile a quello a cui abbiamo assistito in Ruanda”.

Il 19 marzo iniziano i bombardamenti occidentali.

2011: dimissioni a catena dalla redazione di al Jazeera (Qatar) in protesta per la faziosità e censure nella copertura della crisi siriana e delle proteste in Bahrain, sedate anche grazie all’intervento militare saudita.
https://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/03/14/il-mito-infranto-di-al-jazeera/

CONTESTO EUROPEO

Ripetere semplici pregiudizi, diffondere le formule di propaganda più seducenti, ben lontano da qualunque logica economica, comportarsi come se si fosse dei visionari o semplicemente non correre rischi urlando insieme agli altri, ecco quello che ha fatto la grande maggioranza della stampa tedesca durante questa crisi dell’euro

Robert Misik, der Standard

http://www.presseurop.eu/it/content/author/491201-robert-misik

1915: soldato canadese crocifisso dai tedeschi – molto probabilmente un’invenzione propagandistica;

1989: “Il massacro di Timisoara”. A pochi giorni dal Natale del 1989 il mondo viene scosso dalla repressione di Ceausescu: si parla di 4mila morti. Paolo Rumiz, allora inviato del Piccolo, si reca sul luogo della strage. Cerca informazioni. Gliele fanno trovare. Le prende per buone. In seguito scopre che era tutta una messinscena: i corpi erano stati messi lì apposta, dalla Securitate (in versione golpista), scongelati dalle celle frigorifere dell’ospedale civile. Il custode del cimitero aveva ripetuto a tutti che i segni erano di autopsie e che erano corpi di vagabondi, ma nessun giornalista aveva osato sfidare il consenso. La straziante immagine della madre e della figlia uccise dal regime era stata costruita: la madre era un’alcolizzata morta di cirrosi epatica, la figlia era morta per una congestione un mese dopo il decesso della madre. Scrive Rumiz: “Ripassando la moviola, si vede che la Tv rumena non registra la rivolta, ma la determina…L’evento è pilotato, non a caso, dalla stessa cabina di regia che ha costruito per decenni la propaganda di regime…Le televisioni e i giornali di mezzo mondo caddero nella trappola, affondarono primi piani terribili sulle cicatrici, diffusero all’istante la prova della colpevolezza del regime e legittimarono a priori la frettolosa fucilazione di Ceausescu. Fu Herta Mueller, del giornale tedesco Die Zeit, a scoprire la finzione costruita dallo stesso apparato repressivo…Pochi lo ammisero: l’evento era bruciato, la verità non importava più ai media occidentali”.

2013: Quando chiesero a Thomas Herndon, studente di economia presso l’Università del Massachusetts, di scegliere un’analisi economica ed esercitarsi provando a replicare i risultati lui, ambiziosamente, scelse un articolo di Carmen Reinhart (Harvard) e dell’ex capo economista del Fondo Monetario Internazionale, Ken Rogoff, che aveva avuto un ruolo decisivo nel giustificare le misure di austerità nell’eurozona. Dopo mesi di tentativi i conti non tornavano. Assieme ai suoi docenti, Herndon scoprì che i due esperti avevano commesso una serie di errori, tra i quali uno particolarmente grossolano.

Daniel Hamermesh, economista all’Università di Londra, è stata la persona che a mio avviso ha colto il significato più profondo dell’evento: “Quell’articolo ha contribuito a plasmare il modo in cui le persone, e specialmente i politici, vedono il mondo ed è proprio questo che, alla fine, determina come funziona il mondo” (BBC 19 aprile 2013).

La visione del mondo che ha prevalso, quando Olli Rehn, il commissario agli Affari economici della Ue, ripeteva il mantra austeritario citando a sostegno delle sue tesi proprio quell’articolo, è che non ci potevano essere alternative al drastico taglio della spesa pubblica e al precariato, che quello era l’unico strumento per tornare a crescere. Un’ipotesi poi smentita dalla recessione europea e dall’esplosione dei dati sulla disoccupazione.

CONTESTO NAZIONALE

Caro Luigi Abbate, ho visto il video in cui Girolamo Archinà ti ruba il microfono mentre fai la tua domanda a Emilio Riva sui morti di tumore a Taranto svariato tempo fa. L’avevo rimosso. Poi per fortuna Il Fatto Quotidiano e Repubblica hanno ripreso la telefonata in cui il governatore della tua regione e lo stesso Archinà ne parlavano con grasse risate, e allora quel video e quella vicenda mi è tornata a mente. Siccome ridevano anche di te, e del tuo lavoro, del nostro lavoro, mi sono sentito offeso per te e pure per me. Tu non eri a libro paga dei Riva come molti tuoi colleghi del posto, e allora ti sei potuto permettere quella domanda. Che poi è la domanda delle domande. Quella che ogni collega avrebbe dovuto ripetere fino allo spasmo, perché quella domanda, in quel posto, in quelle condizioni, è l’abc della nostra professione. Eppure nessuno ti ha ringraziato. Nessuno ti ha chiesto scusa. E anzi, il tuo governatore, un uomo di sinistra (così dice), ha telefonato non a te, ma a chi ti ha rubato il microfono. Allora mi sono doppiamente offeso, perché non solo credo nel giornalismo, ma pure nei valori della sinistra. Che prevedono questo: si fa i forti con i forti, contro i forti si lotta, per i deboli e a fianco ai deboli. Invece in quelle risate c’era tutto il contrario di quel valore. C’era il potere che si dà del tu, c’era la mancanza di sensibilità e la coscienza sporca di un’intera classe politica e imprenditoriale che non vuole domande e non vuole il coraggio di certe domande. C’era la mancanza di rispetto verso di te e verso i chiarimenti che chiedevi, che poi riguardano la vita delle persone. Forse veniamo da un altro mondo, o forse siamo semplicemente i pochi rimasti sani in questa terra dove tutto funziona alla rovescia. Dove un governatore di sinistra non solidarizza con te, ma di te si fa beffe dandoti del mezzo provocatore. Dove le domande al padrone vengono vietate, dove un cronista ci si mette poco a comprarlo, o a zittirlo. Basta un semplice atto di prepotenza, quella a cui siamo stati abituati ad assistere da troppi anni. Allora mentre tutti si arrovellano su Vendola sì o Vendola no, io compreso, mi sono reso conto che di te si è parlato poco o nulla. Sei un semplice giornalista, ma per chi prova a farlo davvero e con passione, dal basso o dall’alto poco importa, è il mestiere più bello e (credo io) più nobile del mondo. Lo hai dimostrato con un gesto piccolo. Una semplice scontata eppure potente domanda. Un’ottima lezione di giornalismo. Grazie. Continua così.

Matteo Pucciarelli

http://blog-micromega.blogautore.espresso.repubblica.it/2013/11/15/matteo-pucciarelli-lettera-a-luigi-abbate-il-giornalista-che-fa-ridere-i-potenti/

Warn118

CONTESTO LOCALE

Io non sono dell’idea che bisogna dare in pasto al popolo furente qualche testa perché così si acquieta un po’. Non è questo il mio senso delle istituzioni. La credibilità e la fiducia dei nostri apparati tecnici la dobbiamo riconquistare mettendo a disposizione di chiunque abbia interesse il lavoro che stiamo facendo, con trasparenza, dimostrando che siamo imparziali e che la politica non dà direttive per nascondere le cose.

Lorenzo Dellai (da “La Farfalla Avvelenata”).

La gravità dei fatti, la pericolosità per la salute delle emissioni tossiche, il numero degli sforamenti dei limiti di legge monitorati in ampio arco di tempo, il fatto che gli stessi non siano cessati neppure dopo il primo intervento in acciaieria da parte della polizia giudiziaria (dicembre 2008), rende ancora più evidente il rischio di ulteriori analoghe violazioni

Marco La Ganga, giudice per le indagini preliminari

L’aspettativa di vita media – che generalmente coincide con l’età media alla morte – era in quel periodo di 72 anni. Tra il 1984 e il 2009 ci sono stati 26 morti, di cui 22 con cause certe; dieci di questi sono morti di tumore, cioè il 45%, a fronte di un dato provinciale del 33% e nazionale del 29%. L’età media del decesso degli operai è di 55 anni.

“La Farfalla Avvelenata”.

Apri il frigorifero di casa, dai una rapida occhiata e ti domandi cosa puoi mangiare o bere senza preoccuparti della provenienza, della possibile contaminazione. Gli alimenti a chilometri zero, prodotti in quei luoghi, sono sicuri? Si pensava di vivere in un’isola felice, un mondo in stile Mulino Bianco. In fondo è ciò che raccontano tutti i depliant di promozione turistica del Trentino. E le prime “vittime” di questo bombardamento mediatico sono proprio i trentini…Non possiamo evitare di chiederci perché i controllori non hanno controllato, il perché di certe autorizzazioni, date in piena autonomia, all’interno dei confini provinciali. Per quale motivo Cava Zaccon, in Valsugana, è diventata un concentrato di rifiuti tossici? Non possiamo non domandarci perché, a fronte di tante segnalazioni di cittadini (non solo ambientalisti militanti), non si è intervenuti; perché questo profondo nord, forse un po’ troppo presuntuoso, è diventato capolinea per centinaia di camion – provenienti da mezza Italia – che hanno trasportato e scaricato rifiuti pericolosi; perché sono dovuti intervenire gli agenti del Corpo forestale dello Stato, visto che la Provincia avrebbe i propri, di forestali. Esiste forse un problema di indipendenza di questi organi dal potere politico?…Si è quasi parlato di vilipendio dell’autonomia. Guai a dire che qui le cose non vanno bene, come abbiamo sempre raccontato…Serve a qualcosa preoccuparsi? Serve a qualcosa uscire da questo piccolo-grande Matrix che è il racconto di un paradiso terrestre che stiamo distruggendo, convinti del contrario? Secondo noi sì. Serve perché un cittadino informato può pretendere una politica ambientale seria. Può chiedere a chi governa questo territorio di preservarlo, di non nascondere la verità nel sottosuolo  

“La Farfalla Avvelenata”.

Il Trentino che non ti aspetti. Traffico di rifiuti, cave trasformate in discariche, controllori che non controllano, paura per ambiente e salute. Il racconto di un’inchiesta giudiziaria senza precedenti: il Corpo forestale dello Stato interviene in Trentino e scopre una pentola di veleni. Natura che si pensava incontaminata. Soldi e rifiuti, le relazioni pericolose della politica. Rischio inquinamento: il nervo scoperto dell’autonomia speciale. Il Trentino come non è mai stato raccontato. Un libro di Jacopo Valenti e Andrea Tomasi.

http://www.youtube.com/watch?v=G-wGCaw7j6s

Tre inchieste, condanne, patteggiamenti e la scoperta che l’Autonomia di fatto si è trasformata in un paravento. I rifiuti illeciti arrivano nel profondo nord, stoccati in ex cave, in teoria destinate a diventare siti di ripristino ambientale. In Trentino – sì, nel Trentino delle montagne, dello sci, delle passeggiate naturalistiche, degli agriturismi – fra il 2007 e il 2011, il Corpo forestale dello Stato solleva il coperchio su una pentola di veleni. Tre indagini (Tridentum, Fumo negli occhi ed Ecoterra) – condotte dal nucleo investigativo Nipaf di Vicenza, coordinato dalla pm Alessandra Liverani, della Procura della Repubblica di Trento – dimostrano come chi era incaricato dei controlli in realtà non controllava. Nelle cave – e in seguito si scoprirà anche sotto alcuni prati – si trovano enormi quantitativi di sostanze, residui di lavorazioni industriali, provenienti da mezza Italia. I comitati cittadini avevano lanciato l’allarme, avevano fatto sapere a chi comandava (e comanda) nella ricca Provincia di Trento che il traffico di camion era sospetto, che il terreno poteva essere contaminato, che le bonifiche non erano bonifiche e che l’aria era maleodorante. Nulla…. “Trentino: l’Italia come dovrebbe essere”, recitava un controverso slogan dell’azienda di promozione turistica della Provincia autonoma: un’autonomia dorata che però, nei casi scoperti dagli inquirenti, non è stata in grado di difendere l’ambiente. E improvvisamente i trentini si sono risvegliati dal lungo sonno, scoprendosi meno sani e meno belli. “Io la scoria la metto anche nel pane”, dice un imprenditore finito nella rete del nucleo investigativo del Corpo forestale dello Stato…. “È uno dei problemi dell’autonomia del Trentino – scrive Claudio Sabelli Fioretti nella prefazione al libro  ‘La farfalla avvelenata’ – Gli amministratori trentini vogliono essere sempre più autonomi anche nella scelta di coloro che controllano il loro operato. Gosetti viene condannato, il 22 febbraio del 2011. Il Comune di Rovereto gli affidava ancora incarichi per la bonifica di aree inquinate”. Il problema – evidenziato dagli inquirenti – è che il Trentino, pur avendo a disposizione tutti gli strumenti economici dati dall’autonomia speciale, non ha attivato (o sviluppato) gli anticorpi necessari per difendere territorio e popolazione…. Migliaia di tonnellate di inquinanti. Ma cosa resta adesso in Trentino? I rifiuti delle cave di Sardagna e Monte Zaccon non sono stati rimossi. A Zaccon, in particolare, l’amministrazione pubblica conta di “risolvere tutto” con un capping: un “copertura” di cemento. Ma sotto le sostanze rimangono. Delle 419.852 tonnellate di rifiuti smaltiti a Monte Zaccon tra il 2007 e il 2008, solo il 6,6% era conforme ai limiti. Quanto a Sardagna, al quantitativo complessivo di almeno 177.273 tonnellate nel periodo 2007-2008, si aggiungono 108.499 tonnellate degli anni precedenti (fino al 2006) per un totale di 285.772 tonnellate di rifiuti che vanno considerati contaminati e quindi possono essere una potenziale sorgente di danno ambientale. Peraltro un sito come quello di Sardagna è privo di opere di barriera geologica e di controllo delle acque, perché al momento dell’approvazione del piano di adeguamento nel 2004 il Comune di Trento non aveva provveduto ad imporre al gestore l’esecuzione di interventi di “difesa”. Anche in questo caso, secondo una determina del Comune di Trento, i rifiuti potrebbero rimanere dove sono. Tutto questo nonostante esista una perizia, commissionata all’Ispra dal Ministero dell’Ambiente, che dice chiaramente che quei materiali, nei due siti trasformati in discariche, dovrebbero essere rimossi.

http://inchieste.repubblica.it/…/rifiuti_trento-65885190/

Obama & Putin 2 – Israel & Saudi Arabia 1

Twitter [English/French/Spanish/Italian]

Verso un mondo nuovo su Facebook [Italian/English]

Web Caffè Bookique [Italian]

LiveLeak-dot-com-bd8_1384464623-Damascusnov142013http://en.wikipedia.org/wiki/Scw,c#Daraa

This Reuters dispatch does a decent job in communicating the essentials of the Syrian question, as we near the end of 2013:

Western concerns have moved on from toppling Assad to how to stop jihadist groups linked to al Qaeda;

The U.S. position is that the opposition must negotiate with the regime and agree on a roadmap;

The West is switching from an Arab Spring narrative to a counter-terrorism narrative;

The international consensus in support of the opposition and militarization of the conflict is no longer there;

U.S. and Russian officials are privately discussing what organs of the Syrian state would remain and at what level – who would have to go and who would have to stay

Militarily, the regular army is surrounding rebels and jihadist mercenaries in Damascus and Aleppo.

http://www.reuters.com/article/2013/11/15/us-syria-crisis-geneva-insight-idUSBRE9AE08A20131115

It does indeed look like both Aleppo and Damascus are being turned into a Stalingrad for jihadists: no supplies, no air support, a generally hostile population, while Syrian air raids kill rebel commanders

http://uk.news.yahoo.com/syrian-air-raid-kills-rebel-commander-aleppo-activists-033242069.html#LCC7BQZ

http://www.theguardian.com/world/2013/nov/13/syrian-troops-capture-damascus-suburb

http://www.theguardian.com/world/2013/nov/14/jihadists-reinforcements-syrian-regime-aleppo-al-qaida

http://uk.news.yahoo.com/insight-powers-push-talks-syria-balance-tilts-towards-080939431.html#xkEN1pw

Are we allowed to suggest that one faction of the oligarchic transnational clique has concluded that the infighting in Syria is a smart way to get rid of Islamist sociopaths? That would greatly displease Netanyahu who, like most if not all Israeli leaders, is working towards a scenario in which all their neighbours (and Iran) are destabilised and weakened. An agenda which, apparently, finds few, if any, advocates at the present time, in Washington and Moscow. Only Paris and London appear to be prepared to go along with this suicidal plan.

This tug of war explains why the Syrian National Coalition has first agreed to peace talks with the regime:

http://www.theguardian.com/commentisfree/2013/nov/13/why-syrian-national-coalition-peace-talks-assad-syria#comment-28843868

But, almost instantly, has changed its mind forcing the Guardian to retract: “This was an editorial decision that didn’t reflect the Syrian National Coalition’s stance and has since been corrected. Thanks”

http://www.theguardian.com/commentisfree/2013/nov/13/why-syrian-national-coalition-peace-talks-assad-syria#comment-28852701

Meanwhile, Israel is eager to play extra-time before conceding defeat:The Jerusalem Post reported in October that 15 North Korean helicopter pilots were operating in Syria “on behalf of President Bashar Assad’s regime” and said the report had been confirmed by the Syrian Observatory for Human Rights. Other reports have identified North Korean artillery officers as being in Syria, although they were said not to be directing fire. North Korea has longstanding ties with Syria and constructed a plutonium reactor there that was destroyed by an Israeli strike in 2007. It also has links with Syria’s chemical weapons programme”.

http://www.theguardian.com/world/2013/nov/15/north-korea-military-aid-syria

Sinistra Oncologia e Libertà – ora si può avere una sinistra seria, in Italia, please?

breaking-bad-3vendola

A cura di Stefano Fait

Web Caffè Bookique [Facebook]

Il mio giudizio? Un Don Abbondio in carne e ossa: prepotente coi deboli, untuoso coi forti. Questo ho visto e sentito io. Ma potrei sbagliarmi.


Riporto una serie di considerazioni scovate nei forum dei quotidiani e sui social network:

“Caro Luigi Abbate, ho visto il video in cui Girolamo Archinà ti ruba il microfono mentre fai la tua domanda a Emilio Riva sui morti di tumore a Taranto svariato tempo fa. L’avevo rimosso. Poi per fortuna Il Fatto Quotidiano e Repubblica hanno ripreso la telefonata in cui il governatore della tua regione e lo stesso Archinà ne parlavano con grasse risate, e allora quel video e quella vicenda mi è tornata a mente. Siccome ridevano anche di te, e del tuo lavoro, del nostro lavoro, mi sono sentito offeso per te e pure per me. Tu non eri a libro paga dei Riva come molti tuoi colleghi del posto, e allora ti sei potuto permettere quella domanda. Che poi è la domanda delle domande. Quella che ogni collega avrebbe dovuto ripetere fino allo spasmo, perché quella domanda, in quel posto, in quelle condizioni, è l’abc della nostra professione. Eppure nessuno ti ha ringraziato. Nessuno ti ha chiesto scusa. E anzi, il tuo governatore, un uomo di sinistra (così dice), ha telefonato non a te, ma a chi ti ha rubato il microfono. Allora mi sono doppiamente offeso, perché non solo credo nel giornalismo, ma pure nei valori della sinistra. Che prevedono questo: si fa i forti con i forti, contro i forti si lotta, per i deboli e a fianco ai deboli. Invece in quelle risate c’era tutto il contrario di quel valore. C’era il potere che si dà del tu, c’era la mancanza di sensibilità e la coscienza sporca di un’intera classe politica e imprenditoriale che non vuole domande e non vuole il coraggio di certe domande. C’era la mancanza di rispetto verso di te e verso i chiarimenti che chiedevi, che poi riguardano la vita delle persone. Forse veniamo da un altro mondo, o forse siamo semplicemente i pochi rimasti sani in questa terra dove tutto funziona alla rovescia. Dove un governatore di sinistra non solidarizza con te, ma di te si fa beffe dandoti del mezzo provocatore. Dove le domande al padrone vengono vietate, dove un cronista ci si mette poco a comprarlo, o a zittirlo. Basta un semplice atto di prepotenza, quella a cui siamo stati abituati ad assistere da troppi anni. Allora mentre tutti si arrovellano su Vendola sì o Vendola no, io compreso, mi sono reso conto che di te si è parlato poco o nulla. Sei un semplice giornalista, ma per chi prova a farlo davvero e con passione, dal basso o dall’alto poco importa, è il mestiere più bello e (credo io) più nobile del mondo. Lo hai dimostrato con un gesto piccolo. Una semplice scontata eppure potente domanda. Un’ottima lezione di giornalismo. Grazie. Continua così”.
Matteo Pucciarelli
http://blog-micromega.blogautore.espresso.repubblica.it/2013/11/15/matteo-pucciarelli-lettera-a-luigi-abbate-il-giornalista-che-fa-ridere-i-potenti/

assoluta-inopportunitc3a0

“Il passaggio che ferisce come una lama ben affilata è quella in cui definisci la faccia del giornalista, che legittimante pone una domanda sui tumori al sig. Riva, come quella di un provocatore. Tu che “le battaglie per la difesa della vita e della salute le hai fatte” sai bene quale è la differenza tra un prepotente che difende il proprio padrone ed un provocatore. Quelle risate fanno male ai malati, è vero, non ridevi di noi, ma fanno male ugualmente e fanno male di più a me e a quelli come me che credono ancora nella politica, quelle risate ci pongono di fronte all’amara realtà che è più facile apprezzare lo scatto felino di chi sfugge dalla realtà che non di chi la affronta. Quelle risate fanno male a chi crede ancora che è normale che un presidente di regione parli con i rappresentanti della fabbrica più grande della propria terra per capire come unire il diritto alla salute con quello al lavoro, che ritiene normale che i due poteri si sentano e si incontrino, la politica è anche questo, ma che ritiene, senza ombra di dubbio, che non sia normale apparire servili ad esso. Sicuramente sai già che Taranto conta solo 9 medici al reparto di ematologia dell’ospedale “Giuseppe Moscati” e 2 al Santissima Annunziata, solo 10 medici nel reparto di oncologia al “Moscati” a fronte di 8916 con codice asl 048, attribuito a persone con patologie neoplastiche maligne, questa realtà non fa ridere. Noi non abbiamo scatti felini, fanno male le ossa e per questo sicuramente non facciamo ridere, ma non voglio neanche pietà, mi piacerebbe solo che mi accompagnassi quando tra un po’ mi aspireranno di nuovo il midollo, forse sentirti ridere allevierà il dolore perché anche un malato vuole sentir ridere, ma in modo diverso da quello ascoltato oggi”.
Vitanna Convertini

http://www.esseblog.it/vitanna-convertini/caro-nichi-noi-malati-gli-scatti-felini-non-sappiamo-piu-farli.html

“Tutti, a cominciare dal divertito Vendola, si sono dimenticati della violenza esercitata sul cronista. Logica da potenti spocchiosi. Resa ancora più grave dal fatto che non si parlava di avventure erotiche ma della salute e della vita di operai e di un’intera generazione di tarantini”.

“Sarà per deformazione professionale, sarà perché la prepotenza è odiosa sempre, anche quando la esercita un bambino di 5 anni… In quel video non c’era nulla da ridere. Niente. Un giornalista fa una domanda sui tumori a Taranto al padrone della fabbrica, un prepotente a libro paga del padrone della fabbrica gli ruba il microfono. Non c’è niente da ridere. Niente. E se ci ridi sopra con tanto gusto, allora poniti qualche domanda su chi sei diventato. Domandati perché invece di telefonare al giornalista che fa il suo lavoro e viene umiliato in questo modo hai fatto il numero del prepotente a libro paga del padrone“.

vauro6

“Il fatto che, come ripete con troppa enfasi, non abbia mai preso un soldo dai Riva (diversamente da Berlusconi e Bersani), non è un’attenuante, anzi un’aggravante. Non c’è una sola ragione plausibile che giustifichi il rapporto di complicità “pappa e ciccia” che emerge dalla telefonata pubblicata sul sito del Fatto fra lui e lo spicciafaccende-tuttofare dei Riva: quell’Archinà che tutti sapevano essere un grande corruttore di politici, giornalisti, funzionari, persino prelati. Un signore che non si faceva scrupoli di mettere le mani addosso ai pochi giornalisti non asserviti. In quella telefonata gratuitamente volgare, fatta dal governatore per complimentarsi ridacchiando con il faccendiere della bravata contro il cronista importuno, non c’è nulla di istituzionale: nemmeno nel senso più deteriore del termine, nel più vieto luogo comune del politico scafato che deve tener conto dei poteri forti e delle esigenze occupazionali. C’è solo un rapporto ancillare e servile fra l’ex rivoluzionario che si è finalmente seduto a tavola e il potente che a tavola ha sempre seduto e spadroneggia nel vuoto della politica e dei controlli indipendenti, addomesticati a suon di mazzette. Il darsi di gomito fra gli eterni marchesi del Grillo, “io so’ io e voi nun siete un cazzo”. Questo ovviamente in privato, mentre in pubblico proseguivano le “narrazioni” e le “fabbriche di Nichi”. La poesia sulla scena, la prosa dietro le quinte. La telefonata con Archinà è peggio di qualunque avviso di garanzia, persino di un’eventuale condanna. Perché offende centinaia di migliaia di elettori che ci avevano creduto, migliaia di vittime dell’Ilva e i pochi politici che hanno pagato prezzi altissimi per combattere quel potere malavitoso. Perché cancella quello che di buono (capirai, in otto anni) è stato fatto in Puglia. Perché diffonde il qualunquismo del “sono tutti uguali”. Perché smaschera la doppia faccia di Nichi. Perché chi ha due facce non ce l’ha più, una faccia”.

Marco Travaglio, Il Fatto Quotidiano del 15/11/2013.

1390675_636743933050602_1614284395_n

“Vendola che querela Il Fatto perché lui rideva di un gesto ginnico e non dei morti… È iniziato il delirio dialettico del nostro”.

“A proposito dei video riportati oggi da Repubblica.it che infiammano la discussione sul web, mi permetto di osservare che quello che inquieta non è tanto il contenuto delle affermazioni di Nichi, durante la sua telefonata al dirigente dell’Ilva – che meriterebbero una attenta analisi che non si può fare in base a una conversazione telefonica, quanto il suo divertimento per una pura mascalzonata: quella di questo impresentabile Archinà che strappa il microfono di mano per compiacere il padrone che ha la spudoratezza di negare che a Taranto ci siano stati dei casi di tumore. La cosa è talmente assurda che quando me l’hanno raccontata ho pensato ad uno scherzo di cattivo gusto di Checco Zalone. Purtroppo non è così”.

“«Una montatura assurda, un’intercettazione montata a video con la musica superdrama»: così una mia amica – una brava – mi ha scritto su Facebook per chiedermi di «non cadere nella trappola» contro Nichi Vendola. Chissà, forse in parte ha ragione: in quello che dice al telefono Vendola non c’è nulla di penale – è ovvio – anzi a un certo punto il presidente della Puglia rivendica di aver fatto «tante battaglie in difesa della vita e della salute». Però, però. Però ci risiamo con quell’affettuosa complicità fra potenti, con quell’intimità tra il potere politico e la peggiore imprenditoria. Ed è questo che non si tollera più. È questo che non si tollera nel caso Cancellieri, è questo che non si può accettare nei toni di Vendola, nel suo declamato «quarto d’ora di risate» verso il giornalista che faceva il suo mestiere di cane da guardia. È questo che non si può più subire, per Vendola come per qualunque altro: la sensazione di un potere che ride, si «dà garanzie» e si scambia pacche sulle spalle mentre il Paese si arrabatta, soffre, si incazza, muore. Non credo che sia del tutto chiaro, ai miei ottimi amici di Sel, che questa per Vendola è la pietra tombale in termini di reputazione: come per Di Pietro è stata Report e per Violante il video del discorso alla Camera su Berlusconi. Peccato: qui scrive uno che all’ultimo giro ha votato proprio Sel. A proposito, se vuole un po’ di bene alla gente di sinistra che rappresenta, Vendola dovrebbe molto riflettere sul da farsi, nei prossimi giorni.

http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2013/11/15/buonanotte-nichi/”

“Non mi sembra minimamente accettabile – semmai trovo sia vergognoso – per il Presidente della Regione puglia chiamare uno dei più importanti manager dell’Ilva, Archinà (ora in carcere, accusato tra le varie nefandezze di aver manipolato, a suon di mazzette, l’informazione, affinché non venissero fuori i fatti che dimostravano la connivenza della politica con le malefatte dell’Ilva) per ridere sguaiatamente e complimentarsi del fatto che quest’ultimo, con “scatto felino”, avesse strappato un microfono a un giornalista, da Vendola definito un “provocatore” per il solo fatto di aver posto una domanda mirata (essendo tra l’altro, non dimentichiamolo, il giornalista suddetto uno dei pochi reporter locali non controllati da Archinà, come la Procura ha avuto modo di illustrare) e quindi avallando con le sue penose risate il fatto che il manager avesse in questo modo impedito al cronista di proseguire le sue domande circa i danni che l’Ilva causava ad ambiente e salute. Vendola suggerisce di “stringere i denti” di fronte a questi improvvisatori “senza arte né parte”. Vendola rassicura il manager Ilva che non si è affatto scordato di loro e che ha capito qual è la situazione premurandosi col manager di far sapere “a Riva che il presidente non si è defilato”, ma che “se ci mettesse la sua faccia si accenderebbero ancora più i fuochi”. Non solo, gli ricorda che gli operai FIOM, ovviamente stritolati tra l’esigenza di vivere in salute, ma anche di lavorare, sono i “loro migliori alleati” (strumentalizzando biecamente, per tranquillizzare la dirigenza Ilva, gente disperata che si trova tra il dover scegliere tra lavoro e salute). Tutto ciò avveniva mentre Taranto viveva i giorni di massima bufera per l’emergenza benzoapirene e relative conseguenze ambientali e tumorali. Non dimentichiamoci poi che questa telefonata deve essere inquadrata in quello che è il contesto attuale: oggi Nichi Vendola è tra i 53 indagati, lui per concussione, dell’inchiesta “Ambiente svenduto”. Per la procura di Taranto, che ha coordinato l’attività investigativa della Guardia di finanza, il leader di Sinistra ecologia e libertà ha fatto pressioni sul direttore generale dell’Arpa Puglia, Giorgio Assennato, perché ammorbidisse il suo atteggiamento nei confronti dell’Ilva. Cosa poi effettivamente avvenuta, stando alla ricostruzione della Procura: secondo quest’ultima, Assennato, su pressione di Vendola, ridimensionerà il suo approccio fino ad allora improntato al più assoluto rigore scientifico. Girolamo Archinà, invece, è finito in carcere il 27 novembre 2012. Associazione a delinquere finalizzata al disastro ambientale, avvelenamento di sostanze alimentari e omissione dolosa di cautele sui luoghi di lavoro. Sono le ipotesi di reato da cui dovrà difendersi l’ex pr dell’Ilva insieme a Emilio, Fabio e Nicola Riva, all’ex direttore della fabbrica Luigi Capogrosso. Ma non è tutto. Archinà, infatti, è accusato anche di corruzione in atti giudiziari per aver versato una tangente di diecimila euro a Lorenzo Liberti, ex consulente della procura, incaricato di svolgere una perizia sulle emissioni nocive dello stabilimento siderurgico. Nel corso dell’inchiesta è anche emerso come molti cronisti locali (e alcune testate) fossero di fatto a libro paga di Archinà. Soldi per nascondere lo scandalo inquinamento e, soprattutto, per non fare domande”.

“Non mi serve un reato, mi basta un discredito, una macchia reputazionale, per interrompere la carriera politica di un indegno. A me quelle risate non sembrano rispettose dei tanti morti di tumore a causa dell’ILVA ( e tanto basta e avanza pure). Inoltre un pubblico controllore (è in tal veste che interviene Vendola, cioè in qualità di organo sovraordinato all’ARPA) non deve avere rapporti estranei ed informali ai doveri di ufficio con un soggetto privato suo controllato. A meno che il conflitto di interessi sia una trascurabile bazzecola. Secondo te c’è ancora la disciplina e l’onore richiesti ai sensi dell’art. 54 della Costituzione? Secondo me no”.

ilva-vendola

“Grasse risate per il prezioso atto di prepotenza. La nuova sinistra, quella dei prepotenti”.

“Sembra di rivivere le telefonate di Pierfrancesco Gagliardi e suo cognato Francesco Piscicelli per gli appalti su disastro del terremoto dell’Aquila. A me sembra ancora più schifosa perché si percepisce una sorta di diplomazia indecifrabile che si sbraca con quella vergognosa risata”.

“Un quarto d’ora a ridere…non potevo riprendermi”. Vendola ha detto bene: non si riprenderà mai più.

“Niente che non si sapesse già, per chi voleva informarsi, ma questa telefonata avrà un effetto mediatico devastante. E comunque non si tratta della telefonata in se, ma dei rapporti che quella telefonata sottende. Spero che Vendola, dopo aver elargito lezioni di moralità a destra e a manca, ne tragga le dovute conseguenze”.

“Io penso che sentire Vendola dare del “provocatore” ad un giornalista che chiede conto ad un possibile nesso tra morti di tumore ed inquinamento mi fa schifo”.

“E’ il carattere “confidenziale” della conversazione il più grande macigno sulla credibilità di Vendola!!…fa capire che tutto era gestito dalle alte autorità per salvaguardare i Riva!”

“Vendola è finito. Non tanto per quella telefonata, ma per esser voluto apparire diverso da chi fa quelle telefonate”.

“Più delle risate sul cronista, della telefonata di Vendola colpisce la totale sudditanza ai Riva”.

“Una risata vi seppellirà”.

“Vendola che ride con l’infido Archinà e che si inginocchia ai Riva è la conferma di un sospetto (e di una delusione): Nichi è fiction”.

« Older entries

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: