V for Varoufakis

Chinese gold and the U.S. dollar

stefano fait:

internationally yours ;o)

Originally posted on Stefano Fait, social forecaster:

110813-1

  • China’s central bank is buying huge quantities of gold.
  • China wants the yuan to become a reserve currency, but does not want a “strong yuan”.
  • China wants the leverage to control all currency values, which requires control of the gold market.

    […]

Once China has enough gold, it will bid up the yuan-denominated price into the stratosphere. Once it does that, there are only three choices. First, maintain credibility and the reserve currency status by refusing to change the price of US dollar denominated gold. If it does that, domestic industries will be crippled by Chinese competition, because the yuan will become very cheap in relation to the dollar. Second, allow the dollar denominated price of gold to skyrocket in synch with the yuan denominated price. That will end the US dollar’s reserve currency status. Third, kow-tow to Beijing, seeking a seal of approval from China for any serious financial…

View original 20 altre parole

What killed the mammoths?

237FF72600000578-0-image-35_1416977940128

Not only were they [mammoths] flash frozen as you describe, but they were also asphyxiated, many being found with erect penises consistent with DEATH BY ASPHYXIATION. Their lungs were filled with sand and dirt and they were sitting on their hind legs with protruding tongues as though they were gasping for air as they died.

Something brought VACUUM and COLD right down to the SURFACE of the Earth, and as the air was sucked out from the Mammoth habitat it filled with debris which entered the lungs of not just mammoths but other creatures found the same way. Then everything was covered with frozen muck and remained until the present times. Something cataclysmic happened IN AN INSTANT.

http://iceagenow.info/2015/07/researchers-confirm-that-cold-weather-killed-the-mammoths-but-article-tries-to-blame-global-warming/#comment-315432

I know that air pressure goes down as a storm approaches. Super cells have both updrafts and downdrafts. Super cells can produce up to grapefruit-sized hail. What about a storm so powerful that it literally sucks all of the air out of the local atmosphere as it advances and then flash freezes everything with super cold outflow as it passes? And, just for good measure it deposits a heavy layer of frozen muck over everything before it is gone,, dragging a severe, permanent cold front behind in its wake, leaving cold that persists for a millennium. But, what could cause anything like that? Pole reversal?

http://iceagenow.info/2015/07/what-killed-the-mammoths-heatstroke-or-frostbite/#comment-315442

For more information
https://socialforecasting.wordpress.com/2015/07/29/all-this-has-happened-before-and-all-of-it-will-happen-again-the-imminent-abrupt-glaciaton/

Punto e a capo?

Originally posted on pontidivista:

trees-691987_1280Aggiungere qualcosa sull’affair Borgonovo Re è difficile e forse inutile. Si è detto molto sulla volontà di chiudere alcuni punti nascita periferici, ipotesi sulla quale dopo la venuta al mondo della mia seconda figlia (con parto in casa) non ho un’opinione completamente definita. Non sono mancate le prese di posizione sul metodo di lavoro (mi sembra di capire poco collegiale e viziato da qualche limite di dialogo/ascolto) dell’Assessora in questione. Visti gli schizofrenici ultimi due giorni vissuti dalla maggioranza di centro-sinistra, la lista di chi può offrire lezioni di stile sembra scarsamente presidiata. Chi la accusa. Chi la difende. Chi la usa. Chi già la rimpiange. Chi la giudica. Chi ne ha chiesto la sostituzione e chi non ha aspettato un secondo per prenderne il posto. Ognuno interpreta il proprio ruolo, sempre e comunque fortemente autoreferenziale e quasi mai intellettualmente onesto. Si sbaglia chi riduce tutto ad una trappola tesa ad un’Assessora scomoda e non troppo avvezza alla…

View original 648 altre parole

Il disastroso fallimento del citizen journalism (giornalismo partecipativo)

Citizen-Journalism

Nessun altro trova orwelliano questo manifesto?

Il citizen journalism – lo dico da insider veterano, con i miei errori sul groppone –, a causa della volontarietà, gratuità, inesperienza/dilettantismo ed eccessiva passionalità, sta allevando generazioni di cittadini più scettici, critici, curiosi (ottimo!), ma anche più confusi/disorientati (sovraccarico informativo), disinformati (trovo sia meglio essere ignoranti che disinformati) e soggetti a pandemie emotive tipiche della propaganda (le narrazioni sono diventate così più importanti del dato reale da potersene svincolare).
A mio avviso il bilancio di internet, al momento, non è assolutamente positivo, con buona pace di Arianna Ciccone, che pecca di eccessiva innocenza – e lo dice uno che vive in rete e di rete.

Non si può fare informazione seria ritagliandosi uno spazio nel tempo libero.
Ed è altrettanto inaccettabile che chi lo fa a tempo pieno si lasci guidare dalla credenza che la Sacra e Divina Rete sia in grado di autocorreggersi.
La rete è invasa da disinformatori professionisti come Brown Moses (alias Eliot Higgins), il disoccupato inglese con un background  finanziario che è diventato improvvisamente un esperto di balistica, chimica, aeronautica, fotografia satellitare, scienza forense, armamenti, ecc. e che IMMANCABILMENTE CONFERMA LE VERSIONI UFFICIALI DELLA NATO, cosa che lo ha reso una star grazie al suo “giornalismo investigativo”, poi smentito da ricercatori del MIT e da veri esperti (anche lui è uno degli eroi di Valigia Blu):

http://www.theguardian.com/uk-news/2015/jan/31/british-army-facebook-warriors-77th-brigade

http://21stcenturywire.com/2014/02/25/snowden-training-guide-for-gchq-nsa-agents-infiltrating-and-disrupting-alternative-media-online/

https://it.wikipedia.org/wiki/COINTELPRO

http://www.counterpunch.org/2015/02/26/a-pretext-for-cyber-cointelpro/

http://www.dailykos.com/story/2014/10/20/1337083/-Echoes-of-COINTELPRO-in-Ferguson

La gente deve riflettere di più. I fatti non sono dettagli

fatti_parole“L’ondata d’afa eccezionale di questi giorni? È l’effetto del riscaldamento globale”
Luca Mercalli, meteorologo

“Gli estremi climatici erano comuni alla fine del Periodo Caldo Medievale, con l’incedere della Piccola Era Glaciale”.
H.H. Lamb, il più grande climatologo del secolo scorso, “The Changing Climate”, 1968

Homo Sapiens Hibernus – Una visione realisticamente ottimista del futuro della civiltà umana nella prossima fase glaciale (2018-2080)

Gli eurofobi, di norma, sono putinofili.

“Putin: ‘è arrivato il momento di avere una moneta unica’…E prende come esempio i paesi dell’Ue che sono entrati nell’Eurozona”.
http://www.wallstreetitalia.com/article/1807365/economia/putin-e-arrivato-il-momento-di-avere-una-moneta-unica.aspx

Gli ultracomplottisti eurofobi non potranno che concludere che Putin è il “poliziotto cattivo” (o buono, a seconda dei punti di vista) che serve a instaurare il Nuovo Ordine Mondiale.
Non sanno spiegare perché dovrebbe servire un poliziotto cattivo, visto che sarebbe bastato aggravare la crisi finanziaria, organizzare un attentato terroristico biochimico in una qualche capitale europea o scatenare una guerra mondiale “controllata” per realizzare questo obiettivo.
Non spiegano a cosa serve un Nuovo Ordine Mondiale, visto che i cartelli bancari già fanno il bello e cattivo tempo nel mondo.
In realtà non spiegano proprio nulla, però sono certi di aver capito tutto, un po’ come i serristi. Ogni fatto dissonante viene serenamente e devotamente ignorato.

In alternativa – tenuto conto del fatto che gli americani stanno facendo di tutto per rimuovere Putin e destabilizzare la Russia – l’eurofobia è una creazione anglo-americana (es. il nemico giurato dell’euro per antonomasia, Ambrose Evans-Pritchard, figlio di un emissario coloniale britannico, è culo e camicia con i servizi segreti inglesi da almeno 20 anni, ma la cosa non sembra turbare chi lo cita sui siti di contro-informazione).
In quel caso chi sta usando l’euro per distruggere l’eurozona e l’Unione Europea è infiltrato/corrotto e sta difendendo il sistema del petrodollaro, come si è fatto in passato, distruggendo Gheddafi e Saddam Hussein, entrambi determinati a rimpiazzare il dollaro con l’euro o con una valuta unica africana/mediorientale
.
http://www.theguardian.com/business/2003/feb/16/iraq.theeuro
https://it.wikipedia.org/wiki/Stati_Uniti_d%27Africa

Gli eurofobi putiniani, come i serristi, dovranno ignorare questa notizia, perché crea troppa dissonanza. Anni di crociate per la causa sbagliata…inaccettabile

icecover_current_new
“the proportions of climate sceptics appear to be increasing in many countries”.
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0959378015000758

P.S. Un’altra delle contraddizioni dell’eurofobia è la tesi che due tra i principali fautori dell’euro – Rueff e Perroux – erano due pensatori anti-sovranisti e autoritari (il secondo dei due addirittura nostalgico del nazismo). Mi si deve spiegare, allora, come mai Charles De Gaulle – statista sovranista e anti-nazista per eccellenza – li abbia scelti come consiglieri.

https://plus.google.com/+StefanoFaitFuturAbles/posts

“Avremo bisogno di campi di internamento negli USA e in Europa”, ex generale ed ex candidato alle presidenziali Wesley Clark

Dobbiamo trovare il modo di identificare le persone che hanno più probabilità di subire una radicalizzazione. Dobbiamo interrompere questa dinamica sul nascere. Ci sarà sempre un certo numero di giovani alienati. Non ottengono un posto di lavoro, hanno perso una ragazza, la loro famiglia non si sente bene qui da noi e possiamo cercare questo tipo di sintomi. E ci sono i membri della comunità che possano entrare in contatto con queste persone e farle ragionare e incoraggiarle a vedere quel che di buono hanno a disposizione qui.

Ma io credo che a livello di politica nazionale abbiamo bisogno di guardare al significato di questa auto-radicalizzazione, perché siamo in guerra con questo gruppo di terroristi. Hanno una ideologia. Nella seconda guerra mondiale se qualcuno sosteneva la Germania nazista a spese degli Stati Uniti non ci stava bene perché esercitavano un loro diritto alla libera espressione delle proprie idee: le abbiamo internate come prigionieri di guerra.

Quindi, se queste persone sono radicalizzate e non sostengono gli Stati Uniti e sono sleali verso gli Stati Uniti, per una questione di principio, va bene. È un loro diritto, come è un nostro diritto e obbligo segregarle dalla comunità ordinaria per tutta la durata del conflitto [la cosiddetta “guerra al terrore” è considerata permanente. Nella migliore delle ipotesi si parla di “generazioni” per indicare la presunta durata del conflitto, NdT]. E penso che dovremo usare sempre più le maniere forti su questo fronte, non solo negli Stati Uniti, ma anche nelle nostre nazioni alleate come la Gran Bretagna, la Germania e la Francia, che dovranno metter mano alle proprie costituzioni.

Wesley Clark, generale americano in pensione, già comandante supremo della forze NATO in Europa tra il 1997 e il 2000

http://www.salon.com/2015/07/20/wesley_clark_disloyal_americans_should_be_tossed_in_internment_camps_for_the_duration_of_the_war_on_terror/

https://versounmondonuovo.wordpress.com/2013/05/01/sei-un-terrorista-si-tu/

SVEGLIA GENTE, STIAMO PER FARE LA FINE DI ANAKIN SKYWALKER!

Il nostro futuro dipende anche dalla forza della visione del mondo attuale che alimenta i progetti dei neoconservatori di sinistra (George Soros, George Friedman, Susan Rice (gabinetto Obama), Samantha Power (gabinetto Obama), Zbigniew Brzezinski, ecc.) e di destra (Victoria Nuland (gabinetto Obama), Robert Kagan, Ashton Carter (gabinetto Obama), Richard Perle, Daniel Pipes, Michael Ledeen, Henry Kissinger, David Cameron, Wolfgang Schäuble, ecc.) e che viene codificata in linee guida, direttive, raccomandazioni, report da fondazioni (Hoover Institution, Heritage Foundation, American Enterprise Institute) e think tank (Atlantic Council, Council on Foreign Relations, Freedom House, Strategic Forecasting, ecc.). Una rassegna dei capisaldi del pensiero neoconservatore e dell’imperialismo statunitense.

http://www.lulu.com/shop/stefano-fait/il-futuro-degli-stati-uniti-dalla-repubblica-allimpero-2001-2020/ebook/product-22278981.html

The ship of fools of contemporary art and the perfect bubble

Ghiacci artici sbaragliano la concorrenza degli ultimi sette anni e ora sono fuori pericolo

11236160_10204000632490056_4957413935665598473_n
Per i diversamente ignoranti che discettano di AGW sui blog dei quotidiani senza possedere le nozioni minime per farlo, ma con tutta l’arroganza di chi ha le spalle coperte dall’ortodossia:
https://versounmondonuovo.wordpress.com/2014/12/11/climate-change-facts-and-fictions/

Dai, serristi, spiegate un po’ sta cosa! Perché non ne imbroccate una eppure la vostra superbia resta invariata, come le temperature globali? Che fine ha fatto il metodo scientifico?

When you have a theory and the theory does not agree with the experiment then you have to cut out the theory. You were wrong with the theory. Global warming really has become a new religion. Because you cannot discuss it. It’s not proper. It is like the Catholic Church.
Ivar Giaever, Nobel per la Fisica nel 1973

Con la relazione di Trieste, Carlo Rubbia dimostra una onestà scientifica che gli fa onore; avere ritrattato i suoi convincimenti [serristi] del 2007 dimostra come la ricerca scientifica è sempre alla ricerca della verità attraverso il dubbio e che si possono modificare le proprie opinioni sulla base di approfondimenti successivi. Non è sempre così facile e scontato.
http://www.climatemonitor.it/?p=36830

Premi Nobel che hanno preso parte all’annuale conferenza dei Nobel del 2015 e che NON hanno sottoscritto l’appello sul cambiamento climatico (30 “negazionisti” su 65):
Werner Arber
Françoise Barré-Sinoussi
Eric Betzig
Bruce A. Beutler
Aaron Ciechanover
François Englert
Albert Fert
Ivar Giaever
Theodor W. Hänsch
Avram Hershko
Robert Huber
Brian D. Josephson
Jean-Marie Pierre Lehn
Rudolph A. Marcus
Hartmut Michel
Luc Montagnier
Erwin Neher
Ryoji Noyori
Venkatraman Ramakrishnan
Carlo Rubbia
Bert Sakmann
Dan Shechtman
Oliver Smithies
Wole Soyinka
Susumu Tonegawa
Martinus J. G. Veltman
Klaus von Klitzing
Kurt Wüthrich
Ada E. Yonath
Harald zur Hausen

https://versounmondonuovo.wordpress.com/2015/06/25/godetevi-il-caldo-dei-prossimi-2-3-anni-latlantico-settentrionale-si-sta-raffreddando/

http://www.futurables.com/2015/07/07/criticita-luglio-2015-2020-e-oltre-demo-di-report-mensile/

“Terrorismo islamico”, stragi di neri e ora bandiere confederate: come ti smantello una democrazia nel giro di pochi anni

la_seconda_guerra_civile_americana_-_dvd

Qual è il parassita più resistente? Un’idea! Una singola idea della mente umana può costruire città! Un’idea può trasformare il mondo e riscrivere tutte le idee!

Ed è per questo che devo rubarla!

Cobb (Leonardo Di Caprio), da “Inception”

 

Una macrotendenza appena nata, ma che si è rapidamente gonfiata fino a diventare un virus memetico (inception) che domina l’immaginario collettivo statunitense, coinvolgendo addirittura (prevedibilmente?) l’inossidabile Vladimir Putin, è quella che gli ex stati confederati sono sleali, abitati da popolazioni potenzialmente ostili e armate fino ai denti che è necessario disciplinare energicamente, anche con esercitazioni militari nelle loro strade.

http://russia-insider.com/en/politico-now-claims-putin-has-hand-texas-independence-movement-what-next/ri8459

http://www.politico.com/magazine/story/2015/06/vladimir-putin-texas-secession-119288.html#.VZY1nUZ4h1R

http://www.sportingnews.com/nascar/story/2015-06-30/nascar-confederate-flag-charleston-shootings-daytona-dale-earnhardt-jr-jeff-gordon-stance

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=82&pg=11317

http://www.repubblica.it/esteri/2015/06/22/news/charleston_governatore_e_ora_di_togliere_la_bandiera_confederata_da_palazzi_pubblici-117475128/

http://www.corriere.it/esteri/15_luglio_02/stati-uniti-stop-serie-hazzard-dodge-c-bandiera-confederata-63b3cd9a-2088-11e5-b510-55e71b40db58.shtml

« Older entries

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 166 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: