“Il Samurai in Van Gogh” – giovedì 14 maggio al The Social Stone

Originally posted on WazArs:

Il Samurai e Van GoghGiovedì 14 maggio, alle 20:30, presso il The Social Stone di via Gorizia 18 a Trento, si vola in Giappone con Andrea Stenico, collaboratore dell’Università di Trento, e l’associazione culturale italo-giapponese “Yomoyamabanashi – 4 ciacere”, nata nel capoluogo nel 2007, a supporto dei giapponesi residenti in Trentino e con lo scopo di agevolare l’integrazione culturale italo-giapponese attraverso l’organizzazione di corsi e attività culturali.

“Il Samurai in Van Gogh” è il titolo della panoramica della civiltà giapponese che Stenico regalerà al pubblico (l’ingresso è gratuito), a partire dal rapporto, generalmente trascurato, tra Van Gogh e il giapponismo, appunto, per passare poi alle gare di poesia che intrattenevano la corte e che daranno vita ai celebri haiku, al teatro kabuki, al minimalismo dei giardini zen ingiustamente assurto a incarnazione dell’estetica nipponica pur rappresentandone solamente un aspetto, alle lotte tra le élite che portarono alla rottamazione del vecchio ordine scintoista in favore del…

View original 21 altre parole

Miss Universo Giappone è nera e la cosa non piace a Donald Trump – alcune considerazioni su bellezza e globalizzazione

stefano fait:

E noi cosa diciamo a Donald Trump?
prrrrrrrrrrrrrr

Originally posted on WazArs:

B_UZS9nVAAABzIaAriana Miyamoto è la nuova miss Universo Giappone 2015.

È mulatta come Obama. La cosa ha creato problemi in Giappone, perché è un po’ scuretta.

È cresciuta in Giappone fino alle scuole medie. Poi i genitori hanno divorziato e lei ha seguito il padre nell’Arkansas.

In seguito è tornata a Nagasaki e ha vinto il concorso di bellezza.

Sarebbe bello rinunciare ai concorsi di bellezza etnonazionalisti e magari anche ai concorsi di bellezza in genere. Sono davvero necessari?

La bellezza resterebbe comunque un fattore di discordia.

trump_2243945bDonald Trump, proprietario e presidente del concorso di Miss Universo, ha escluso le candidate di Giappone e Filippine perché sono miste, spiegando che

l’obiettivo di Miss Universo è quello di scegliere una bellezza che rappresenti nella massima misura possibile il suo paese nel mondo. Avere candidate miste da ogni paese partecipante non è in linea con gli ideali Miss Universo. Non si tratta…

View original 1.057 altre parole

Tra 15 anni ci parrà di vivere su un altro pianeta – grandiose opportunità per piccole imprese artigiane e commerciali

stefano fait:

Il vecchio sistema sta crollando proprio perché chi controlla i grandi cartelli corporativi di banche e multinazionali, lasciandosi guidare da ingordigia e tracotanza (che semplificano invariabilmente la realtà, in modo drammatico e radicale), si è dimostrato incapace di comprendere i modelli sistemici complessi. Sono come i dinosauri inconsapevoli di essere sull’orlo dell’estinzione, mentre i piccoli mammiferi evolvono e si preparano a prendere il loro posto (Rothschild-Rockefeller: matrimonio d’interesse, la Stampa, 31 maggio 2012).

Davide (34 anni, indonesiano) sfida Golia (Baby-face billionaire throws spanner into Rothschild’s Indonesian works, Sunday Times, 19 aprile 2015). Certe cose non capitano per caso. Se l’erede di un impero economico indonesiano si permette di interferire con i piani di chi teoricamente dovrebbe sedere in cima alla piramide del potere globale, è perché il vento è cambiato e i tirannosauri stanno per passare la mano.

Originally posted on WazArs:

CDqUky6WMAACeKx Non si ferma il cambiamento: chiedetelo ai Beatles

Da qualche anno siamo entrati nella fase preparatoria alla Grande Trasformazionedel sistema finanziario internazionale che si appoggerà sull’interazione dinamica tra l’oro (stabilità, disciplinamento dei mercati) e le monete a corso legale (elasticità, flessibilità nelle politiche economiche), come lo yuan, lo yen, l’euro, il dollaro, il rublo, la rupia, ecc. (il cui valore non è intrinseco ma deriva da un consenso diffuso, da una convenzione).

C’è da augurarsi che il superamento del cannibalismo finanziario – il modello dominante della tarda modernità, ma pur sempre un istante nella lunghissima storia umana – avvenga nel modo più indolore possibile.

mckinsey-global-center-map.0-720x566BYE-BYE PARASSITI

Si sta diffondendo una nuova consapevolezza che le cose stanno cambiando, che è in corso una contesa tra vecchio e nuovo e che occorre salvare quel che di buono c’è nel vecchio e correggere quel che non va nel nuovo.

Prima di tutto…

View original 767 altre parole

L’in-misurabile mondo di Ayumi Kudo

stefano fait:

Ayumi Kudo: artista emergente giapponese in Italia. Le sue opere saranno esposte e in vendita ancora per una settimana a Trento e Rovereto

Originally posted on WazArs:

11160350_10153234697320859_1241431344_n “La strada nel mondo pacifico”

Un’intervista realizzata da Yayoi Nakanishi.

Poco prima del Mini Expo creativo di Natale, mi sono imbattuta per caso su internet in alcuni gioielli in ceramica spiritosi sia per la fattura sia per le frasi associate.

Erano le opere di un’artista giapponese, Ayumi Kudo, con la collaborazione della ceramista Letizia Maggio (La prof che disegna gioielli in ceramica una star in Giappone, Messaggero Veneto, 29 settembre 2014) e l’orafa Akiko Kurihara.

Un po’ naive ma forte, non superficiale, la sua sensibilità è molto giapponese, però è libera e profonda.

In quello stesso periodo una dei titolari della sala da tè orientale di Trento, Noh il Teatro del Tè, era stata affascinata dalle sue opere realizzate con le foglie di tè.

Grazie a questa coincidenza ci siamo incontrate a dicembre, poi abbiamo avuto una bellissima occasione di chiacchierare un po’ all’inaugurazione della…

View original 2.013 altre parole

Moda, architettura e design nel ventunesimo e ventiduesimo secolo: scorci di macrotendenze

stefano fait:

Questa possibile civiltà futura è planetaria. Gli ipnotizzati identificano la loro localizzazione geografica come segue: terre che devono ancora emergere (The resilient tribes and the explosive rise of “Atlantis”, FuturAbles, 15 marzo 2015), Montagne Rocciose, Himalaya, Grecia, Ande, Finlandia, isole del Pacifico, Irlanda, New Hampshire, Africa occidentale, North Carolina e Florida.

Le comunità in cui vivono si trovano principalmente in contesti montani, collinari o costieri; non metropolitani o di pianura.

Si gode di un pieno contatto con la natura, giardini e aiuole verdissime vengono irrigate da un sistema di irrigazione sofisticato. L’ambiente urbano (ripeto: non metropolitano, come se la demografia umana fosse molto diversa da quella attuale) come quello rurale (alcuni dimorano in ritiri monastici) è accuratamente pianificato, in modo da offrire agli abitanti l’esperienza di vivere in un giardino. Prati, cespugli e alberi sono curati, non ci sono in giro rifiuti, il cielo è quasi violaceo (?) con nuvolette ovattate, il clima è temperato, come in un’eterna primavera (succederebbe se l’asse terrestre si raddrizzasse), la brezza è fresca, l’aria pulita, i fiori coloratissimi, l’architettura essenziale ed ingegnosa…

Originally posted on WazArs:

qmx_travelpostersScrivo quest’articolo per contrastare lo spirito apocalittico che caratterizza molte visioni del nostro futuro e che è dettato da indoli materialistiche ossessionate dalla gratificazione istantanea e dalla paura della morte, o da idealismi radicali motivati dall’odio verso un presente oppressivo e iniquo.

Firefly - Blue Sun Travel Firefly

41f8KviedsL._SX258_BO1,204,203,200_Negli anni Ottanta due studiosi americani, Chet Snow e Helen Wambach, pubblicarono un libro intitolato “Mass dreams of the future”.

Era il frutto di una lunga serie (migliaia) di sessioni di ipnosi progressive, cioè a dire proiezioni delle coscienze umane in possibili futuri, nella convinzione – almeno questa del tutto realistica, alla luce delle più moderne teorie fisiche del tempo – che la linearità del tempo sia solamente illusoria (L’albero che volle farsi artigiano e l’artigiano che sciolse le sue catene, WazArs, 3 ottobre 2014).

È un libro molto suggestivo, indipendentemente dalla (im)plausibilità della sua premessa di partenza e dal limite decisivo che il…

View original 1.319 altre parole

Trento, Munich and the New Silk Road of design

Originally posted on WazArs:

11046868_10153120560830859_5593292430638892843_nBy 2020, a Chinese-built railroad will link the Greek port of Piraeus to Budapest, as part of the “New Silk Road”, an integrated delivery chain stretching from China to Morocco.

The “Silk Road Economic Belt and 21st Century Maritime Silk Road” – the most visible expression of the emerging Chinese trading empire (China surpasses U.S. to become largest world economy, FoxNews, 6 December 2014)– will interconnect 40 countries and most of the world population.

As far as we know, this pan-Eurasian economic and logistic corridor for a stronger and faster movement of traded goods is the greatest enterprise ever undertaken by the human species (John Naisbitt says China is ‘The game-changer’, China Daily, 9 February 2015).

It suffices to say that 30% of the cost of a laptop depends on rail transport, that a European car can be delivered by train to the Chinese market…

View original 428 altre parole

TTIP contro Commercio Equo e Solidale

Originally posted on WazArs:

Protest-against-TTIP-009Più del97% degli intervistatidiun sondaggioufficiale dell’Unione Europea ha respinto l’accordoTTIPdopo che BarackObama e29capi di governodell’Unione europea l’avevano sostenutolo scorso anno.

TTIP under pressure from protesters as Brussels promises extra safeguards, Guardian, 19 febbraio 2015

I profitti della crescita economica vengono sempre più spesso captati da un ristrettissimo numero di persone – nel 2016 l’1% della popolazione mondiale possiederà più del restante 99% – in grado di manipolare a proprio vantaggio i processi decisionali sempre meno trasparenti delle istituzioni internazionali.

Quello di cui abbiamo bisogno è una società equa e solidale che promuova un commercio, consumo, produzione, finanza equi e solidali. Ossia: più decentramento (autonomia, federalismo), più open source (trasparenza), redistribuzione delle ricchezze mondiali e fine del giogo debitorio, più partecipazione democratica, più giustizia (la legge sia uguale per tutti) e, non ultimo, maggiore senso di responsabilità…

View original 653 altre parole

Etsy and the ecology of crafters and makers

Originally posted on WazArs:

If human beings are part of nature and human civilization is Gaia’s premiere evolutionary strategy (Michael E. Zimmerman, Humanity’s Relation to Gaia: Part of the Whole, or Member of the Community?), then Matt Stinchcomb, Vice President of Values and Impact at Etsy, has something important to teach us about the inextricable relationship between natural and cultural creativity.

Stinchcombm, a former musician, was tired of touring and was offered a job at Etsy: “you can be our marketing guy!”

He had not training in marketing.

His first poster depicted a kid throwing a stone at a factory: “End mass production!”.

We stressed self-sufficiency, being able to not buy into a system that we knew was corrupt and felt wrong to us.

He learnt marketing from books.

The more I read the worst they felt to me: “Really? That seems so weird. Where are the people in this…

View original 1.265 altre parole

Hitler the Artist and the Fatal Attraction of the Nazis

Originally posted on WazArs:

watercolour by Adolf Hitler watercolour painted by Adolf Hitler

Fanaticism is, in part, a condition of being overpowered aesthetically.

George Kateb, Patriotism and other mistakes, 2006

Often the postwar transformation of memory took on strange forms, as in the appropriation by Mexicans of the Volkswagen Beetle, originally the Nazi “Strength Through Joy” car, as a national icon in the late 20th century; painted yellow, the vochito, as it is known, is still widely used as a taxi. The Beetle is also a German national icon, the symbol of the 50s economic miracle, with the company manufacturing a “New Beetle”: an example of postmodern retro-chic. Owners of the original cars hold conventions on the old grounds of the Nuremberg rallies, seemingly oblivious of, or indifferent to, the car’s Nazi origins.

Why are we obsessed with the Nazis? Guardian, 6 February 2015

Adolf HitlerLike it or not, how can we fail to recognize in this…

View original 1.135 altre parole

Le sinfonie su tela di Matteo Boato

Originally posted on WazArs:

10926228_10152522749717204_4695780991553971946_n

Matteo Boato Matteo Boato

Abbiamo incontrato Matteo Boato per la prima volta alla presentazione di una sua mostra al Social Stone di Trento.
La seconda volta al Nagua di Lia Giordani (Lia Giordani, Matteo Boato e un Trentino che non è più lo stesso, WazArs, 11 dicembre 2014).
In quei giorni era però in partenza per la Russia (Matteo Boato, our cultural ambassador in Putin’s Russia, WazArs, 12 dicembre 2014).
Una persona squisita e di grande disponibilità, ci ha aperto le porte del suo studio e ha risposto ad alcune delle nostre domande.

1900058_10152829327822351_4148744229743428998_n Al Social Stone

Da dove nasce quest’interesse per gli strumenti ad arco, che è relativamente recente nella sua produzione pittorica?
Con una figlia di nove anni che sta facendo pratica di violino da un anno, è inevitabile che la vita domestica ne sia influenzata. Chi apprende a suonare uno strumento ad arco deve essere seguito…

View original 1.208 altre parole

« Older entries

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 161 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: