Paesaggi di seta, Venerdì 5 alle 17, Social Store, Trento

11138104_1132442520129648_5232994621099851972_n

Ci siamo. Vi aspettiamo domani alle 17 presso il Social Store, via Calepina a Trento, per l’inaugurazione di “paesaggi di seta”

Kimono per il vostro nuovo guardaroba, i nostri piccoli oggetti di design giapponese che arricchiscono la vita quotidiana, bellissimi libri e fumetti di autori giapponesi, degustazione del tè, mostra fotografica di paesaggi giapponesi.

Ce n’è per tutti!

Due settimane in viaggio per il Giappone
Un evento, un itinerario per avvicinare alla cultura e al fascino del Giappone.

Una piccola mostra mercato che raccoglie alcuni kimono uniti tra loro dal tema della rappresentazione del paesaggio.
Paesaggi fantastici che rimandano all’amore e al rispetto della cultura giapponese per la Natura, e paesaggi realistici che rievocano e tramandano miti e storia.

Libri, film e fumetti (Miyazaki, Hosada, Mizuki sono solo alcuni degli autori) un ampia e curata selezione proposta dalla Libroteka di via Mazzini.

Il paesaggio torna protagonista nelle immagini fotografiche proposte dall’associazione Yomoyamabanashi.

Sarà poi Wazars store – simplex munditiis con un’accurata selezione di oggetti ad introdurre lo stile giapponese con arte, design e artigianato

Venerdì 5 alle 17 vi aspettiamo all’inaugurazione con Noh il teatro del tè, che proporrà una degustazione.

Se prendete poi in considerazione l’idea di visitare dal vero il Giappone, Stefano di TravelConsultant.it studierà insieme a voi il vostro viaggio su misura.

Social Store
Via Calepina 10, Trento

 

Partecipazione oltre il referendum

Francesco Palermo

sprechblasen(pubblicato sul quotidiano Alto Adige del 06 gennaio 2016)

Se il referendum sia o meno un’abdicazione della politica è tema ricorrente e irrisolto. La risposta dipende dall’impostazione culturale e ideologica e dalla tradizione giuridica. Certo è che anche il ricorso al referendum è una scelta politica. Indipendentemente dal fatto che sia una decisione meditata o una scelta dettata dall’incapacità di decidere altrimenti.

Il 2016 sarà un anno ricco di referendum. Dal piano locale (aeroporto e “progetto Benko”) a quello internazionale (nel Regno Unito sulla permanenza nell’Unione europea, la cd. “Brexit”), si celebreranno consultazioni importanti. E sulla stessa opportunità o possibilità di indirle si giocheranno i destini politici di molti governi (si pensi alla Spagna e alla Catalogna).

La forza del referendum è tutta politica. L’esito referendario ha comunque una forza maggiore rispetto a qualsiasi atto normativo, indipendentemente dalla sua natura giuridica, tanto che anche i quesiti meramente consultivi hanno una…

View original post 394 altre parole

Intervista a Yayoi Nakanishi: poesia, creatività, intraprendenza.

mia moglie!

Womenoclock

By Barbara Gramegna

Ci sono persone che, pur non conoscendole, ti sanno fare capire come sono, basta un sorriso, due parole e l’entusiasmo che trasmettono.

Yayoi è una di queste.

Per i suoi natali giapponesi e per il fatto che come giovane donna, imprenditrice, vive a Trento, molti le chiedono le stesse cose e suppongo che, sebbene con dolce cortesia lei risponderebbe anche a me, potrebbe anche per una volta volentieri rinunciare.

Pertanto cerco di soddisfare un paio di altre curiosità, legate al suo essere donna, giapponese, creativa, coraggiosa imprenditrice, amante della vita e di tutto quello che è essenziale bellezza, almeno questa è l’idea che io mi sono fatta di lei.

Di questi tempi, grazie ad autori di successo, come Murakami, articoli sulle forme poetiche antiche come i tanka, apertura in diversi luoghi di locali ‘stile giapponese’, il rischio della banalizzazione e della generalizzazione rispetto alla ‘cultura’ giapponese in…

View original post 1.336 altre parole

Space oddities

If it walks like a religion and talks like a religion, it’s probably a religion

Investire in un abito.

againstfashion

sartoria 3

Bello.

Bisognerà ripensare al concetto di slow fashion, visto non più dalla parte di ideatori e produttori, quanto piuttosto da quella dei consumatori. Che poi è molto più rilevante dato che ne facciamo parte tutti.

Un consumo avveduto è quello che a parole vanno auspicando in molti, in realtà molti di più preferirebbero tutt’altro. Ciechi anche davanti all’evidenza che dimostra che c’è un punto oltre il quale non è possibile andare.  In questi casi la storia dimostra che è necessario fare un passo indietro per non andare a sbattere il naso.

Chi considera ancora un capo di abbigliamento come un investimento?

Basta entrare in uno dei punti vendita di una qualsiasi catena low cost, in un outlet, o anche in un supermercato o mercato rionale, per rendersi conto di quanto poco si investa in un abito o accessorio. Poco tempo, poco denaro, poca cura nei materiali e nella confezione…

View original post 349 altre parole

Confirmation bias in climate predictions: El Niño and Arctic temperatures

fatti, robusti fatti…e pregiudizi

Stefano Fait, forecasting foresight anticipation

Source: Danmarks Meteorologiske InstitutSource: Danmarks Meteorologiske Institut

Confirmation bias, also called confirmatory bias or myside bias, is the tendency to search for, interpret, favor, and recall information in a way that confirms one’s beliefs or hypotheses, while giving disproportionately less consideration to alternative possibilities.

Wikipedia

 

This is one of the chief culprits of predictive failures in climate science.

Luckily, someone is more resistant to this bias than others.

SHAPIRO: OK. So El Nino plays a role. The Arctic oscillation plays a role. What about climate change? Is that playing a role?

HALPERT [Mike Halpert, NOAA’s deputy director of the Climate Prediction Center]: If it is, it’s probably fairly insignificant at this point. If it were to play a role, it would be more likely if, somehow, climate change is impacting either the Arctic oscillation or El Nino, and we’re not really aware that it is at this point. If you think…

View original post 228 altre parole

The West is dying, literally

misteriose anomalie demografiche

Stefano Fait, forecasting foresight anticipation

Teodors_Ūders_-_Death_-_Google_Art_Project Death by Teodors Ūders (1868 – 1915)


USA

Something startling is happening to middle-aged white Americans. Unlike every other age group, unlike every other racial and ethnic group, unlike their counterparts in other rich countries, death rates in this group have been rising, not falling…An epidemic of suicides and afflictions stemming from substance abuse: alcoholic liver disease and overdoses of heroin and prescription opioids.

http://www.nytimes.com/2015/11/03/health/death-rates-rising-for-middle-aged-white-americans-study-finds.html?_r=0

“A marked increase in the all-cause mortality of middle-aged white non-Hispanic men and women in the United States between 1999 and 2013. This change reversed decades of progress in mortality
http://www.pnas.org/content/112/49/15078

FRANCE

French winter mortality has exceeded by 19% the expected figure, calculated from the previous eight years…This figure, which includes the excess mortality from all causes and not only the flu, has set a new record since the mid-2000s. It is notably higher than the level seen during winters 2008-2009 and…

View original post 107 altre parole

Where do we go from here? An interview with Anthony (Tony) Hodgson

Qui si parla di frontiere della conoscenza, di tutto quello che è scienza ma l’ortodossia dominante considera “fringe”.

Stefano Fait, forecasting foresight anticipation

Anthony Hodgson & Stefano FaitAnthony Hodgson & Stefano Fait

These are very turbulent and, in so many ways, unprecedented, pivotal times, when old paradigms sink and new paradigms emerge, when new pathways become available, new horizons open up and we are faced with strategic choices. Some paths will bear fruits and others will be dead-ends; others may be disastrous.

Where do we go from here? To which paradigm do we hitch our wagon? How do we decide amidst all the spin, clichés and uncertainties? Or rather, how do we switch from a reactive mode to a reflective mode? And, finally, the most crucial question of all, which he has added to his LinkedIn profile: where is humanity at on a pathway of conscious evolution?

With decades of experience in strategy development and scenario planning for private businesses and public administrations under his belt, Anthony Hodgson, Director of Research and World Modelling Coordinator for…

View original post 1.233 altre parole

China not worried about the future of its artificial islands in the South China Sea

Stefano Fait, forecasting foresight anticipation

global_energy_use_by_source_2015

[In China], an astounding 155 planned projects received a permit this year [2015] alone, with total capacity equal to nearly 40 percent of operational coal power plants in the United States.

http://www.nytimes.com/2015/11/12/world/asia/china-coal-power-energy-policy.html?_r=1

China has been consuming as much as 17 percent more coal each year than reported, according to the new government figures. By some initial estimates, that could translate to almost a billion more tons of carbon dioxide released into the atmosphere annually in recent years, more than all of Germany emits from fossil fuels.

http://www.nytimes.com/2015/11/04/world/asia/china-burns-much-more-coal-than-reported-complicating-climate-talks.html?partner=rssnyt&emc=rss&_r=0

More than 2,400 coal-fired power stations are under construction or being planned around the world, a study has revealed two weeks after Britain pledged to stop burning coal.

The new plants will emit 6.5 billion tonnes of carbon dioxide a year and undermine the efforts at the Paris climate conference to limit global warming to 2C. China is building 368 plants and planning…

View original post 37 altre parole

« Older entries

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 177 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: