Vagina for impeachment – Hillary Clinton, l’appestata

 

 

CatturaCattura

13335699_10209666558651733_8258968201380662119_n

Pollice verso per Hillary Clinton

Berlusconi e l’attacco all’eurozona

LaNazione-20110721

http://www.difesa.it/Sala_Stampa/rassegna_stampa_online/Pagine/PdfNavigator.aspx?d=21-07-2011&pdfIndex=53

Chiunque sia in grado di vedere la foresta e non solo un gruppetto di alberi dovrebbe aver capito, a questo punto, che è nell’interesse della classe dirigente americana (serva di Wall Street), inglese (serva della City) e tedesca (serva di Francoforte) distruggere l’eurozona. Questa è anche la ragione per cui i media angloamericani e tedeschi sono così benevoli verso ogni tipo di separatismo o progetto di uscita dall’eurozona, mentre la grande industria – quelle poche volte che riesce a farsi sentire, è contraria.
L’obiettivo delle oligarchie finanziarie è quello di gettare fango sull’euro e, se possibile, provocare la rottura di un’unione valutaria che interferisce con il flusso di denaro dalla Russia e dall’Estremo Oriente (e dalle petromonarchie) verso le tre principali capitali finanziarie mondiali, dove quell’immensa quantità di capitali sarà riciclata, tenendo in vita le banche insolventi ed il resto dell’apparato parassitario che chiamiamo alta finanza (che di “alto” non ha nulla), anche a costo di distruggere l’industria dei tre suddetti paesi (si veda lo scontro tra banchieri ed industriali tedeschi).

Berlusconi, non diversamente da Monti, lavora per dei poteri a tutti gli effetti nemici dei cittadini e degli stati occidentali, nemici del genere umano. Questo, a casa mia, si chiama alto tradimento.

Ecco cosa succede a restare soli contro tutti, come l’Argentina (come succederebbe all’Italia se uscisse dall’eurozona). Sono potenze incredibili quelle che ci troviamo a fronteggiare, per questo occorre una massa critica che nemmeno Italia e Spagna assieme hanno:

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=11197

Per approfondire la questione dell’uscita dall’eurozona senza confondere i propri desideri con la realtà:

http://www.soggettopoliticonuovo.it/2012/05/24/la-crisi-europea-atene-lo-spettro-della-dracma-tonino-perna-il-manifesto/

https://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/11/12/la-situazione-e-irta-di-difficolta-e-noi-dobbiamo-essere-allaltezza-della-situazione-risposta-a-mauro-poggi/

https://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/11/04/uscita-dalleurozona-rivoluzione-e-guerra-civile/

**********

“Perché non si dice con forza che solo andando verso un’Europa diversa, le pulsioni demagogiche di Berlusconi possono essere combattute? Un arroccamento verso un pro-europeismo acritico e passivo, quale v’è da temere emergerà nel centro-sinistra, sarebbe la peggior risposta al Cavaliere. E auspicabile, infine, che i compagni della lista arancione si attrezzino mobilitando le competenze disponibili – in primis degli economisti critici che si sono più spesi durante questa crisi – per dare una immagine di competenza e concretezza a fronte della problematica europea. Solo così da loro potrebbe venire un pungolo efficace alla “sinistra di governo” per uscire dall’europeismo dell’austerità, oltre che una risposta popolare all’altezza delle sfide”.
http://www.ilmanifesto.it/attualita/notizie/mricN/8990/

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: