All them witches- Elk blood heart

Testa la tua resistenza al lavaggio del cervello che abbiamo subito e stiamo subendo

Paul Mason sul controllo dell’informazione (e delle menti)

F. Dezzani, “Addio a Gianroberto Casaleggio, l’anima “british” del Movimento 5 Stelle”

The Imperative of Self-Cultivation

Aristomenes X

The imperative of self-cultivation is not a commandment by deity, nor is it arrogant ambition or cult initiative. It is nothing less than evolutionary necessity.

A psychopath lacks any sense of heart connection to their environment. They manifest a bloated survival instinct, and attempt to fill the empty soul-void at their core. The inner distortion, marketed as evolutionary superiority, fuels a sense of desperation that mobilizes determination, mental focus and a constant calculation of the odds of in all their competing relations- everything and everyone.

Inner distortion makes them desperate beings. Under the well-adjusted exterior, there is a cornered animal at odds with the world. In depths they rarely acknowledge the torment of survival struggle makes existence intolerable. In the mind of the psychopath whose intellect has been molded by necessity, there is the imperative to be a god.

It is not just any god, but ‘The’ God that has…

View original post 999 altre parole

La NATO (Oceania) prova ad allearsi con la Russia (EURASIA) contro la Cina (EASTASIA)…la vedo dura

Israel_RaqqaRockefeller_01gal_12497

Circolano voci insistenti a proposito di un cambio di strategia NATO che credo sia legato alla volontà di dividere la Cina dalla Russia e che porterà al sacrificio dei paesi est-europei russofobi, a partire dalla zavorra ucraina e credo anche al progressivo sganciamento da Israele e dai sauditi attualmente al potere.
http://it.sputniknews.com/politica/20160212/2083511/lavrov-stoltenberg-nati-russia-monaco.html
https://www.rt.com/news/338725-nato-wants-russia-meeting/

https://www.rt.com/usa/338726-kerry-praises-russia-role-syria/

I realisti sanno che la principale minaccia per l’Impero è la Cina, che guida l’alleanza BRICS e si sta preparando a varare l’anti-dollaro (attraverso la Nuova Banca di Sviluppo).
In precedenza pensavano di poter prendere il controllo di Pechino, passando per Hong Kong, come già fatto con la Russia eltsiniana. Xi Jinping, il Putin cinese, sta chiudendo ogni breccia – grazie alla campagna anti-corruzione, usata per purgare gli infiltrati – e intessendo alleanze e clientele planetarie fondate sull’interesse reciproco e quindi con un peso specifico molto maggiore di una base militare in casa (terrore).

Dunque nei prossimi mesi vedremo un ammorbidimento delle posizioni anti-putiniane in Siria e Ucraina e probabilmente il revival del meme dei cyberattacchi cinesi negli States e dell’imperialismo cinese in Estremo Oriente.

Non escludo che la NATO (troppo costosa e inutile, dato che Francia, Germania, Italia, Spagna, Grecia non hanno alcuna intenzione di farsi coinvolgere militarmente) possa essere disciolta in cambio di un’intesa più o meno affidabile e credibile con Mosca, peraltro caldeggiata dai paesi europei occidentali, che stanno subendo il pieno impatto delle guerre commerciali con la Russia.

Putin non volterà le spalle alla Nuova Via della Seta perché sa che quello è il futuro della civiltà umana, non un Impero al crepuscolo.

In cambio i neocon-sionisti sono ancora in cerca di un Armageddon medio-orientale e i vari Rothschild-Soros-Cheney-Murdoch-Hayward-Rockefeller, ecc. non hanno smesso di odiare Putin, di bramare le risorse ucraine e russe (v. Khodorkovsky, che senza la grazia di Putin a quest’ora sarebbe stato forse suicidato per poi incolpare il leader russo) e quelle curde e siriane (v. Genie & Genel).

Dev’essere chiaro che entrambe le fazioni americane sono imperialiste: possono dissentire anche violentemente sui mezzi, sui modi, sui tempi e sulla spartizione della torta, ma non sui fini: FULL-SPECTRUM DOMINANCE

Sanders è ebreo quanto Soros e i Rothschild…e allora?

Cattura

Il problema è unicamente dato dal fatto che dei criteri probabilistici vengono trasformati in luoghi comuni, ossia in software che programmano l’esistenza degli altri e finiscono per condizionare le esistenze di tutti (il Milanese, il Siciliano, l’Africano, il Giapponese, il Trentino, ecc.).

Se io mi aspetto che un “Ebreo” si comporti in un certo modo, leggerò ogni sua parola o azione secondo quel filtro, generando equivoci, sospetti, reazioni negative o ipocrite che convertiranno un dialogo in una rappresentazione teatrale, un sistema aperto in un sistema chiuso, un confronto in uno scontro.

E’ assurdo paragonare anche solo lontanamente un Sanders con un Soros o un Rothschild. Sarebbe come dire che la nazionale di rugby neozelandese e Daesh sono IN FONDO la stessa cosa perché le loro bandiere sono nere.

Il problema sono precisamente le identificazioni: le culture non sono programmi, non sono sistemi chiusi, non sono un destino inevitabile. Un essere umano è prima di tutto una persona ipercomplessa, con un suo percorso individuale. Solo in seguito vengono le varie appartenenze (prima quelle che sceglie e solo alla fine quelle che gli vengono imposte).

Nessuno, in nessun istante, può stabilire con certezza che tipo di persona sarò tra 1, 5, 20 anni, a prescindere da tutte le mie identità incrociate: ogni essere umano è indeterminato/inattuato/incompleto/evolvente in una misura che non ha paralleli neppure remoti tra gli altri esseri viventi di questo pianeta.

Cattura
http://ufobruneck.it/it/events/parliamo-di-heimat-ist-das/

Il mistero dei panama papers

Cattura
#‎
PanamaPapers‬
‪#‎Putin‬ ‪#‎Rothschild‬ ‪#‎Nevada‬ ‪#‎Reno‬ ‪#‎paradisifiscali‬

“Sono almeno dieci anni che giornali, governi e servizi segreti cercano le prove della presunta corruzione di Vladimir Vladimirovich #Putin. Si è sempre parlato di amicizie, connessioni e perfino di possibili prestanome. Ma mai prove. Anche questa volta, nelle migliaia di pagine che arrivano da ‪#‎Panama‬ il nome del presidente russo non compare nemmeno una volta”.
Corriere della Sera, 3 aprile 2016

“Tra i casinò di #Reno, in #Nevada, ecco spuntare anche il trust nuovo di zecca di #Rothschild, la banca d’investimento che ha fatto la storia della finanza internazionale dal 1811…sta trasferendo le fortune dei suoi facoltosi clienti dai paradisi offshore in declino come le Bermuda – soggetti alle nuove regole sullo scambio di informazioni – a quelli emergenti come il Nevada, escluso dalle norme sulla disclosure. Sì perché, come ammette tranquillamente il managing director di Rotschild Andrew Penney, «GLI STATI UNITI SONO IL PIU’ GRANDE PARADISO FISCALE AL MONDO».
«Gli Stati Uniti sono da tempo una delle destinazioni più gettonate da politici corrotti, cartelli della droga, ORGANIZZAZIONI TERRORISTICHE e grandi evasori fiscali – sospira Stefanie Ostfeld, responsabile per gli Stati Uniti di Global Witness
Gli Stati Uniti, insomma, sono LA NUOVA TERRA PROMESSA DEL SEGRETO”.

http://www.cdt.ch/primo-piano/approfondimenti/149086/se-gli-stati-uniti-fanno-il-doppio-gioco 

Qualcuno ha deciso di spaventare un po’ di evasori fiscali…il gregge si muove verso il pastore ma così, di fatto, gli Stati Uniti dichiarano guerra al resto del mondo, su iniziativa dei soliti noti (Rothschild, espulsi da Hong Kong, che era la loro prima scelta: per questo stanno spingendo gli USA allo scontro con la Cina, scontro che la marina statunitense ha tutte le intenzioni di evitare e pertanto non scoppierà) e all’insaputa della cittadinanza: “Ma io so’ io… e voi non siete un cazzo!

IN ALTERNATIVA
Questa è un’operazione legittima che i media occidentali hanno cercato di dirottare contro Putin.
In realtà troppe sono le pedine imperiali sacrificate: i sauditi, la Clinton, Cameron, Poroshenko, Israele, Macri (Argentina), Cunha (Brasile). Macri ha appena riconquistato l’Argentina e Cunha sta cercando di riprendere il Brasile. Che senso ha indebolirli in questo momento? E perché le accuse a Putin sono così ridicole e il suo nome non spunta fuori da nessuna parte (dimostrando che in effetti non ha nulla da nascondere)?
Se la cupola ha deciso di sacrificare chi sta sotto non c’è limite alle rivelazioni che seguiranno: sarà guerra di mafia globale.

Pagliacci torturatori

Cattura

Non è neanche più sconcertante…

Horizons in the Mist

Spartacus against Rome, Aristomenes against Sparta…it looks as though our lives have always been ones of constant fighting against slavers, as in Cloud Atlas

Aristomenes X

This venue, this medium to write as one wills is fascinating to me. It encourages horizons to spread invitingly. It beckons the mind to touch formerly unexplored possibilities and dissolve the mists of uncertainty and confusion around them. It is enticing, and it is daunting. Fascinated as I am, however, I feel as if trying to put on a suite that sits on my frame like I’m wearing a loose version of the skin of someone else.

How do I just wear the damned thing and be done with it? How do I make any needed alterations? Do I- mixing metaphors here- just swagger through this virgin territory or should I be more careful and conservative in my expression? I’m not sure. What is certain is that when I get into tap dancing my fingers across the keyboard, I care less and less about such details- until the tapping stops…

View original post 974 altre parole

« Older entries Newer entries »

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 179 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: