A Nassiriya gli italiani (“brava gente”) torturavano

Selfie-governance nella Terza Repubblica

 

a cura di Stefano Fait, direttore di FuturAbles

 

10176214_532617520188142_293183029_n

selfie Obama

Il neoliberismo è un’evoluzione del liberismo.

Invece di limitarsi a tenere a bada lo Stato o a farlo tornare sui suoi passi, il suo obiettivo è quello di impadronirsi non solo dello Stato ma anche dello Stato Profondo

http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=17751

Per questo un leader neoliberista (che non si proclami orgogliosamente tale) è in grado di sedurre sia i liberali (per il suo libertarismo), sia i socialisti (per il suo statalismo). L’illusione dura finché gli uni non si rendono conto che è autoritario e centralista e gli altri che è al servizio di interessi privati.

Il volto neoliberista non è sempre facile da scorgere dietro la maschera che di volta in volta sceglie di indossare, a seconda della fase storica e delle attese della massa.

Prendiamo un esempio a caso…

“«Un soprintendente è tenuto a compiere sopralluoghi, controllare perizie, dirigere i lavori, pubblicare studi, redigere piani paesistici, ma soprattutto resistere ai privati che vorrebbero distruggere tutto per rifarlo in vetrocemento, quasi sempre con l’assenso e l’appoggio delle autorità». «Resistere ai privati»: chi lo sostiene oggi è segnato a dito come talebano, statalista, comunista. A scriverlo, invece, era il liberalissimo Indro Montanelli, in un memorabile articolo comparso sul «Corriere della sera» il 12 marzo 1966. Oggi, invece, un giornale come «Repubblica» scrive che «troppo spesso le soprintendenze diventano fattori di conservazione e di protezionismo in senso stretto cioè di freno e ostacolo allo sviluppo, alla crescita del turismo, e dell’economia», sul «Corriere» si invoca un giorno sì e l’altro pure l’intervento salvifico di quegli stessi privati, Matteo Renzi ripete a macchinetta che «Sovrintendente è una delle parole più brutte di tutto il vocabolario della burocrazia. Stritola entusiasmo e fantasia fin dalla terza sillaba». L’entusiasmo e la fantasia di chi – tra il 1966 e oggi – ha sepolto questo Paese sotto una colata di cemento”.

http://www.minimaetmoralia.it/wp/patrimonio-culturale-montanelli/

“Condivide il rischio di “svolta autoritaria” evidenziato nel manifesto di Libertà e giustizia?
Per quanto riguarda il problema democratico, giustamente sollevato da altri professori, segnalo solo le criticità principali:

1) La modifica della Costituzione sarà approvata da un parlamento bicamerale dotato di minore legittimazione democratica complessiva della sola Camera dei deputati che approva le leggi ordinarie (purché riceva una legge elettorale più democratica).
2) I ventun senatori nominati dal Presidente non rappresentano le autonomie territoriali, ma rischiano di rieleggere il Presidente che a sua volta potrebbe rinominarli, un meccanismo di cooptazione lontanissimo dal principio di democrazia.

3) I senatori non risponderanno delle loro scelte senatoriali nei consigli regionali e locali, piuttosto nelle sedi dei partiti politici e dell’ANCI”.

Jörg Luther, giurista e costituzionalista all’Università del Piemonte Orientale

http://www.formiche.net/2014/04/05/senato-renzi-bundesrat-confronto-prof-luther/

“Quella corporazione oggi largamente rappattumata sotto le sue bandiere; riaccreditata grazie a giochi verbali dal sapore vagamente terroristico, promossi dal nuovo conformismo che ci traghetta verso la Terza Repubblica: l’addebito di “conservatore” appioppato a chi dubita che il cambiamento per il cambiamento sia riformismo; l’accusa di “gufare” come una scudisciata a quanti obiettano che gli effetti d’annuncio presuppongono piani articolati (che non si vedono) e adeguate coperture finanziarie (idem come sopra). Obiezioni a cui la claque replica allo stesso modo di Iva Zanicchi quando difendeva Berlusconi “a prescindere”: lasciatelo provare! Come se fossimo al tirassegno del Luna Park e non in politica, dove è regola esibire garanzie e rendicontare preventivamene.

Comunque, basta e avanza per capire senza preconcetti il senso del new deal renziano analizzare dove vada a parare il suo progetto di riforma elettorale: un duopolio di potere, con i vertici che si eleggono i propri fidati. Mentre resta escluso dal gioco il partito più consistente: gli italiani che hanno deciso di non andare più a votare”.

Pierfranco Pellizzetti

http://blog-micromega.blogautore.espresso.repubblica.it/2014/04/07/pierfranco-pellizzetti-viperette-renziane-mordono-professoroni/

“…è già accaduto in passato che la contrapposizione del Corriere della Sera a tutto ciò che la sinistra rappresentava in questo Paese, ha portato il maggiore quotidiano italiano a ritenere i socialisti più pericolosi e minacciosi dei fascisti.

Ovviamente il 2014 non è il 1922, ma la crisi profondissima che sta attraversando la nostra democrazia e le risposte sbagliate che ad essa si vorrebbero dare, non lasciano presagire nulla di buono.

Proprio per questo è bene che ci siano appelli contro i pericoli autoritari come quello lanciato da autorevolissimi intellettuali italiani, contro il tentativo di cambiare in peggio le nostre istituzioni.

Oggi più che mai, l’imperatore, se vuole essere saggio, ha bisogno di usignoli che cantino liberamente la loro canzone. Non ha bisogno di usignoli meccanici che cantino a comando”.

Antonello Falomi

http://blog-micromega.blogautore.espresso.repubblica.it/2014/04/07/antonello-falomi-gli-usignoli-meccanici-dell%E2%80%99imperatore/

“…abbiamo un Parlamento di nominati con un tasso di disrappresentatività spaventoso (oltre il 40%, caso unico mondiale), che è stato eletto con un sistema dichiarato in buona parte incostituzionale che, anziché sciogliersi, pretende di riformare la Costituzione ed a tempo di rock, sotto la regia di un semi-ottuagenario in stato confusionale e di un frenetico giovanotto in preda al ballo di San Vito: è meglio di una commedia surrealista! Pura comicità demenziale”.

http://www.aldogiannuli.it/2014/04/berlusconi-ondivago-renzi-frenetico/

“Un gruppo di senatori del Pd sostiene che, in commissione affari costituzionali al Senato, si possa e debba presentare una bozza di riforma alternativa a quella del governo.

E’ d’altra parte il normale ruolo di una commissione parlamentare: raccogliere le varie proposte, mediare, fare sintesi e infine portare un testo in aula. Se il testo da portare fosse quello della proposta governativa, blindato, non ci sarebbe bisogno della commissione e soprattutto ci sarebbe un’ingerenza dell’esecutivo sul legislativo.

Ma il capogruppo Pd al Senato (Zanda) richiama all’ordine i dissidenti, dicendo loro che la proposta del Pd è quella del governo.

Non entro nel merito. Dico solo che quando Grillo invocava il vincolo di mandato per i suoi senatori, ci furono molte levate di scudi anche dal Pd in nome della Costituzione che esenta i parlamentari dal vincolo di mandato.

Ora pare che siamo al vincolo di mandato a fasi alterne”.

Andrea Iannuzzi, facebook

“Si tratta di partire dalle nostre esperienze autonomistiche per convincere il governo che dopo il federalismo di matrice leghista non si può tornare allo statalismo. E nella Costituzione dev’essere scritto che è possibile per i territori di montagna avere forme speciali di autogoverno, contro l’omologazione a un modello metropolitano. Perché quello che succederà è che il governo del territorio delle vecchie Province lo faranno le classi dirigenti delle metropoli. Che senso ha un Senato delle Regioni se alle Regioni si tolgono i poteri? Noi dobbiamo essere capofila di una grande battaglia in cui sia chiara la tutela della nostra autonomia”

Lorenzo Dellai, presidente della Provincia Autonoma di Trento dal 1999 al 2012

http://ricerca.gelocal.it/trentinocorrierealpi/archivio/trentinocorrierealpi/2014/04/07/NZ_14_04.html

I criteri guida di questo millennio dovrebbe essere ben altri; anti-paternalisti e incentrati sul concetto di cittadino-sovrano (una vera e propria rivoluzione antropologica e politica che deve guidare le nostre azioni in questi anni):

- non lasciare che chi ti governa tenga in mano tutto le carte;

- cerca di sviluppare le capacità e il cuore (la coscienza) per essere padrone del tuo destino, capitano della tua anima, sindaco/presidente di te stesso, un cittadino sovrano che stringe rapporti di cordiale cooperazione con altri cittadini sovrani, in nome del bene comune;

- diventa il cambiamento che vuoi vedere nel mondo partecipando attivamente al mutamento come si sviluppa nel mondo, senza attendere una figura paterna, veterotestamentaria, che ti dica cosa sia nel tuo interesse (Gesù il Cristo non ha mai controllato, manipolato, ricattato, comprato, comandato);

- partecipa alla creazione di comunità di cittadini sovrani che formino una rete planetaria e scoprano che l’armonia è possibile anche in comunità più grandi, se c’è il rispetto della diversità e se l’altruismo vince sull’egoismo;

- partecipa alla costruzione di un villaggio globale in cui il naturale desiderio di unirsi per prosperare non sia dirottato verso forme di integralismo religioso, politico ed economico che conquistano con la forza e con il ricatto, invece di persuadere con il buon esempio.

http://www.futurables.com/2014/04/06/maroni-lombardia-kompatscher-sudtirolo-rossi-trentino-e-il-risorgimento-2-0/

Non diventate vegetariani solo per stare meglio, è una sciocchezza

 

a cura di Stefano Fait, direttore di FuturAbles

 

1779791_842523665764320_551410384_n

In genere gli studi nutrizionali sono di natura epidemiologica, non clinica (molto più rigorosa, precisa e affidabile).

Un studio CLINICO dell’Università di Graz su 1320 soggetti, che è parte di una più ampia ricerca europea sulla salute e l’alimentazione e che ha tenuto conto delle variabili “fumatore” e “fisicamente attivo”, conclude che i vegetariani si ammalano più spesso e hanno una qualità della vita inferiore rispetto ai carnivori. È più probabile che soffrano di cardiopatie e disturbi psichici e che sviluppino tumori. Di conseguenza rappresentano un onere maggiore per il sistema sanitario.

I soggetti sono stati divisi tra: 1) i vegetariani; 2) mangiatori di carne con molta frutta e verdura; 3) a limitato consumo di carne; 4) grandi consumatori di carne.

RISULTATI: I vegetariani hanno un tasso doppio di allergie rispetto ai grandi mangiatori di carne (30,6% contro 16,7%) e si ammalano di cancro a un tasso più elevato (4,8% contro 1,8%). Inoltre i vegani hanno un più alto tasso di infarti (1,5% contro 0,6%).
In totale gli scienziati hanno esaminato 18 diverse malattie croniche. Rispetto ai forti consumatori di carne i vegetariani sono stati colpiti più duramente da 14 malattie su 18 (78%), che includono: asma, diabete, emicranie e osteoporosi
Questo studio della facoltà di medicina dell’Università di Graz conferma le risultanze di un analogo studio dell’Università di Hildesheim: i vegetariani sono colpiti più frequentemente da disturbi psicologici, con il doppio delle probabilità di soffrire di ansia o depressione rispetto ai forti consumatori di carne (9,4% contro 4,5%). All’Università di Hildesheim hanno riscontrato che i vegetariani soffrono molto più di depressione, ansia, disturbi psicosomatici e disturbi alimentari.
I vegetariani si recano più spesso dal medico mentre i forti mangiatori di carne “hanno una qualità della vita significativamente migliore in tutte le categorie” (salute fisica e psicologica, relazioni sociali e qualità della vita in relazione all’ambiente.

Qui un importante studio (EPIC-Oxford) su vegetariani e carnivori inglesi che mostra come i vegetariani siano leggermente più a rischio di infarto, di certi tipi di cancro e di malattie cardiovascolari (contrariamente a quel che si tende a credere) e che comunque non si vive di più se si smette del tutto di mangiare carne
http://ajcn.nutrition.org/content/early/2009/03/18/ajcn.2009.26736L.full.pdf

il senso di tutto questo, secondo me è: se volete diventare vegetariani o vegani per una scelta etica, fate pure, è una decisione rispettabile (Io stesso sogno di vivere in un mondo in cui non devo predare nessuna forma di vita, neppure vegetale, per poter vivere al meglio). Ma non fatelo per ragioni di salute, o almeno non date per scontato che sia la decisione migliore e che quindi non dovete più fare test/esami perché “tanto tutto andrà per il meglio rispetto a prima”.
Tra l’altro lo conferma anche un esperto di dieta vegetariana/vegana:
http://www.vegsource.com/news/2013/06/dont-go-vegetarian-or-vegan-for-health-benefits.html

Per una disamina degli studi nutrizionali più recenti effettuata da un esperto di biologica molecolare e di scienze cognitive (più interdisciplinari di così!) incredibilmente disponibile, rimando a:

http://wholehealthsource.blogspot.it/

Più ideologia, meno giornalismo! – inconsapevoli segni dei tempi

 

a cura di Stefano Fait, direttore di FuturAbles

 

1920055_10203529286421598_470826594_n

involontario disvelamento della realtà

10013807_10152341978603987_1407384799_n

tardivamente corretto

 

 

Le ebole, la peste, la Crimea e il gene Ccr5

a cura di Stefano Fait, direttore di FuturAbles

 

msBD4amilanesi indistruttibili nei secoli? ;o)


Scienza è credere all’ignoranza degli esperti…Di tutte le materie, solo la scienza contiene in sé l’insegnamento che è pericoloso credere nell’infallibilità dei più grandi maestri della precedente generazione. Impara dalla scienza che bisogna dubitare degli esperti.
Richard Feynman, Nobel nel 1965

“Nel 1345 si segnalarono i primi casi a Sarai sul Volga meridionale ed in Crimea…Una volta a Caffa – (l’attuale Feodosija o Феодосия, in Crimea), la peste fu introdotta nella vasta rete commerciale dei Genovesi, che si estendeva su tutto il Mediterraneo. A bordo delle navi commerciali che partivano da Caffa nell’autunno del 1347 la peste giunse a Costantinopoli, prima città europea contagiata, e in seguito arrivò a Messina e nel corso dei successivi tre anni contagiò tutta l’Europa fino alla Scandinavia e alla Polonia”.
http://it.wikipedia.org/wiki/Peste_nera

“Si espande oltre i confini della Guinea Conakry l’epidemia di Ebola che ha già fatto decine di morti nel solo Paese dell’Africa Occidentale. Mentre viene confermato che il caso sospetto di febbre emorragica registrato in Canada non è Ebola, a Conakry le autorità sanitarie cercano di informare la popolazione su come limitare il rischio contagio.
“Ci hanno dato alcune indicazioni, per esempio di evitare il contatto con liquidi organici come l’urina, il sudore, eccetera. Ci hanno inviato questa indicazioni via sms” dice un residente della capitale.
“Dobbiamo ripulire la città per combattere il virus. Bisogna lavorare sodo perché tutti qui temono per la propria vita. Dobbiamo assolutamente mantenere l’igiene” spiega un altro residente.
Due casi di Ebola sono stati confermati in Sierra Leone. Stato di massima allerta anche in Liberia. Complessivamente sono 95 i casi di febbre emorragica provocata dal virus ebola riscontrati dall’inizio dell’anno nei 3 Paesi africani: 67 delle persone contagiate sono morte.
I primi casi di Ebola erano comparsi nel Sud della Guinea, al confine con Costa d’Avorio, Liberia e Sierra Leone. Poi il virus si è propagato alla capitale trasformandosi a tutti gli effetti in un’epidemia”.
http://it.euronews.com/2014/03/26/ebola-contagio-anche-in-sierra-leone-e-liberia/

Non c’è nessun nesso, è solo un pretesto per tornare a parlare dell’eziologia della Peste Nera e lo faccio perché mentre i media italiani sono troppo provinciali per curarsi di certe cose, BBC e France24 lo fanno e sta notizia, sentita ieri sera, dell’“Ebola”, che però non è proprio Ebola, ma è una qualche misteriosa febbre emorragica – o una “grave forma malarica” (???????????????) –, mi ha colpito.

Si fa confusione tra batteri e virus:
“Un gruppo di ricerca dell’università canadese MacMaster ha sequenziato il dna del batterio della peste bubbonica responsabile della pandemia del 541. Tra i risultati di questa ricerca – pubblicata sulla rivista scientifica The Lancet – c’è soprattutto la scoperta che il ceppo di tale virus non ha causato le terribili epidemie successive come quella della Peste Nera (1348) che ridusse del 60% la popolazione europea”
http://www.notizienazionali.net/notizie/scienza-e-tecnologia/2575/sequenziato-il-dna-della-peste-bubbonica

Virus, che sono tutti, senza eccezione, delle entità biologiche parassite [v. psicopatici, NdR]… non avendo le caratteristiche della cellula non sono considerati neppure degli esseri viventi, visto che non hanno un metabolismo proprio, non hanno membrana citoplasmatica (assolutamente fondamentale per qualsiasi cellula) si riproducono in maniera diversa…il metabolismo nei virus è assente sin quando non trovano una cellula ospite da infettare, che perderà il ‘controllo’ delle proprie azioni e verrà usata dal virus per replicare altri esemplari del virus stesso…”
https://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20071022042732AAZyX1R

“Rimane quindi un mistero in che modo il batterio – di norma residente nei ratti, che non vengono colpiti dalla malattia – abbia accumulato le mutazioni necessarie per infettare gli esseri umani e provocare la patologia”
http://www.repubblica.it/scienze/2014/01/29/news/batterio_peste_bubbonica-77210815/

Un mistero solo per chi è ancora convinto che si tratti di un’infezione batterica e non, come è più probabile, virale, che si trasmette per via aerea, anche nello spazio.
“Se la teoria della peste come virus del tipo Ebola è corretta, allora il mondo potrebbe essere a rischio pandemico”.
http://www.nature.com/scitable/blog/viruses101/could_the_black_death_actually

“Alcuni studi hanno anche suggerito che la peste di Giustiniano fosse un virus influenzale
http://www.smithsonianmag.com/articles/bubonic-plague-family-tree-sheds-light-on-risk-of-new-outbreaks-180949498/#HdyBoB7WjbC1fHUx.99

“Dopo 10 anni di ricerche in Inghilterra, un archeologo – Barney Sloane – smonta la tesi ufficiale sulla disseminazione della peste attribuita alle pulci ed ai ratti. Anzi, si chiede se fosse davvero peste: “La mortalità continuò a salire per tutto un inverno molto rigido, quando le pulci non avrebbero potuto sopravvivere, e non vi è alcuna prova di un numero sufficiente di ratti” – “nei siti accanto al Tamigi, in cui è stata scaricata la maggior parte dei rifiuti della città i ratti avrebbero dovuto brulicare, e sono luoghi in cui il terreno fradicio conserva eccellentemente i resti organici, invece abbiamo trovato pochi ratti neri” – “Dovremmo poter trovare grandi ammassi di ratti morti, ma non ci sono. E tutte le prove che ho esaminato suggeriscono che la peste si diffuse troppo velocemente rispetto alla spiegazione tradizionale di una trasmissione dai topi e dalle pulci” – “non è affatto certo che tipo di malattia fosse, se era veramente la peste bubbonica
http://www.guardian.co.uk/world/2011/aug/17/black-death-rats-off-hook

L’ipotesi è che abbiano ragione quelli che sostengono che la Morte Nera fosse un virus emorragico (del tipo Ebola, Marburg e delle altre febbri emorragiche) e non un batterio (yersinia pestis), data la tipologia della sua espansione, non legata alla diffusione del Rattus rattus e Rattus norvegicus (assente in Islanda – cf. storico Gunnar Karlson – e raro nella zone rurali inglesi, che furono invece colpite ferocemente), la sua impressionante resistenza al freddo e caldo (le pulci non sopportano le temperature estreme e i climi troppo secchi, come l’inverno scandinavo e l’estate mediterranea, periodi in cui invece la Morte Nera imperversava) il periodo di incubazione molto lungo, la trasmissione rapidissima tra esseri umani e invece lentissima nelle pestilenze moderne imputate con certezza al batterio yersinia pestis (a dispetto dei mezzi di trasporto di massa), la sintomatologia, contagiosità e mortalità (3% contro oltre il 90%) sensibilmente diverse da quelle delle pestilenze moderne (es. Canton) e i risultati delle analisi molecolari compiute su dei campioni raccolti in fosse comuni in Francia, Italia, Inghilterra e Danimarca – dove è assente il batterio della peste, che è invece presente in altre sepolture non associate alla Morte Nera o alla Peste di Giustiniano (inoltre in altre fosse comuni dell’epoca della Morte Nera, in Scozia sono state trovate spore di antrace).
http://www.newscientist.com/article/dn4149-case-reopens-on-black-death-cause.html
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2630035/
http://black-death-revisited.org/

Il profilo genetico della yersinia pestis medievale europea non differisce sostanzialmente da quello orientale moderno, ben poco temibile.
http://www.nature.com/nature/journal/v478/n7370/full/nature10549.html

Per dar conto delle incongruenze i difensori dell’ipotesi yersinia pestis hanno chiamato in causa un’altra malattia che si è sovrapposta e diffusa parallelamente (mi pare una “spiegazione” po’ troppo conveniente, à la Dr. House):
http://books.google.it/books?id=yw3HmjRvVQMC&printsec=frontpage&redir_esc=y

“La peste nera non deriva dai topi, ma da un virus contagioso che potrebbe tornare in ogni momento. Lo sostengono nel libro Biologia delle Pesti due ricercatori dell’ Università di Liverpool, Gran Bretagna. Per secoli si era creduto che la peste bubbonica, capace di uccidere in 5 giorni dalla comparsa dei sintomi e che nel Medio Evo ha decimato la popolazione europea, fosse stata trasmessa da una specie di ratti. I due epidemiologi britannici, Susan Scott e Christopher Duncan, hanno invece scoperto che la peste deriva da un virus, che è lontanamente correlato a quello di Ebola che disintegra gli organi e li riduce in poltiglia”.
http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2001/07/21/la-peste-puo-tornare.html

“…due ricercatori dell’ università di Liverpool, Susan Scott e Christopher Duncan, autori del saggio Biology of Plagues pubblicato dalla Cambridge University Press. La loro tesi è che la peste del 1347-48, quella descritta dal Boccaccio nel Decamerone, e le pesti successive, fino a quella del 1630-31 descritta dal Manzoni nei Promessi Sposi, non furono pesti vere, cioè malattie epidemico-contagiose dovute – come fin qui s’è creduto – al bacillo denominato Yersinia pestis in onore del suo scopritore, il medico svizzero Alexandre Yersin che ne dimostrò la presenza nel materiale infetto durante l’epidemia di Hong-Kong del 1894. Le tesi, rivoluzionaria, è fondata su criteri clinici e su rilievi di epidemiologia, biologia molecolare e modellistica informatica. Essa colloca «il quadro delle pesti europee in una nuova cornice». Anzitutto ricordiamo che, com’è noto, la peste arrivò in Europa dall’Asia per la via del mare: entrò da Sud, dalla Sicilia, recata da navi genovesi importanti grano dalle terre bagnate dal Mar Nero, e dall’ Italia dilagò a macchia d’ olio nel continente fino all’ Inghilterra e ai Paesi scandinavi. Fu un’immane moria, che stroncò le vite di 30 milioni di europei (su una popolazione complessiva di 100 milioni). Clinicamente la malattia fu caratterizzata da febbre alta, fetore corporeo, sbocchi di sangue, macchie emorragiche sulla pelle, tumefazioni ghiandolari (bubboni): un quadro, affermano Scott e Duncan, che non è affatto specifico della peste da bacillo di Yersin, ma è proprio di altre malattie, del passato e del presente, che ebbero o hanno caratteristiche analoghe e analogo decorso iperacuto con esordio improvviso. Si tratta di malattie vecchie e nuove come l’ influenza «spagnola» del 1918, l’ Aids prima maniera, la malattia da virus Ebola: malattie, come si vede, non bacillari, ma virali. La peste che esordì in Europa nel basso Medioevo fu dunque dovuta a un virus? Di quella peste il Boccaccio e i testimoni coevi – medici e cronisti – descrivono l’andamento repentino, i decessi fulminei, i contagi immediati (cioè i contatti apparentemente da uomo a uomo). Non si parla né di topi (ospiti di prima scelta del bacillo di Yersin) né di pulci (vettrici del bacillo); si pensò che tale omissione fosse dovuta al fatto che pulci e topi erano una presenza quasi fisiologica in una società, come quella medievale, a corto d’igiene individuale e collettiva. Ma, rilevano i due attenti ricercatori di Liverpool, il topo marrone fece la sua comparsa in Europa mezzo secolo dopo la scomparsa spontanea della peste (che essi datano intorno al 1670). E d’altra parte il rapidissimo propagarsi dell’ epidemia come avrebbe potuto essere compatibile con un contagio murino, mediato da topi certamente ostacolati nei loro percorsi dalle barriere naturali dei fiumi, dei monti, dei mari? Il contagio, si afferma, non poté che essere interumano, trasmesso dall’ uomo all’ uomo attraverso le vie di comunicazione transfluviali, transmarine, transalpine….”
Giorgio Cosmacini
http://archiviostorico.corriere.it/2002/agosto/28/Boccaccio_Manzoni_Non_vera_peste_co_0_0208285619.shtml

“Alcuni biologi dell’Università di Liverpool, nel Regno Unito, hanno pubblicato un nuovo studio dal quale risulta che, se il dieci per cento degli europei è immune al virus dell’Hiv, ciò è dovuto alle epidemie che si diffusero nel continente in epoche passate. Gli scienziati sanno da tempo che queste persone sono portatrici di una mutazione genetica (del gene chiamato Ccr5) che impedisce al virus dell’Hiv di penetrare nel loro sistema immunitario. A sconcertarli è stato il fatto che l’Hiv è comparso solo di recente e quindi non può aver fatto aumentare la frequenza della mutazione fino ai livelli elevati che si riscontrano oggi in alcune parti d’Europa. Tuttavia, un nuovo studio condotto da Christopher Duncan e Susan Scott attribuisce la grande diffusione della mutazione al fatto che essa previene il contagio anche da un’altra malattia virale mortale che ha devastato l’Europa in passato. Secondo il professor Duncan, “Il fatto che la [...] mutazione sia limitata all’Europa sta ad indicare che le epidemie del Medio Evo hanno svolto un ruolo fondamentale nell’aumento della frequenza della mutazione. Anche queste epidemie rimasero confinate all’Europa, si protrassero per oltre 300 anni ed ebbero un tasso di mortalità del 100 per cento”. Mentre alcuni storici hanno cercato di sostenere che le varie epidemie che si diffusero in Europa nelle epoche passate erano focolai di peste bubbonica, che è una malattia batterica, il professor Duncan e la dottoressa Scott hanno dimostrato che in realtà si trattava di epidemie di una febbre emorragica virale e letale che utilizzava il gene Ccr5 per penetrare nel sistema immunitario (v. mutazione CCR5-delta 32). Avvalendosi di modelli computerizzati, i due ricercatori hanno dimostrato come il manifestarsi di questa malattia nel corso della storia abbia fornito la pressione selettiva necessaria – offrendo semplicemente protezione da una morte altrimenti certa – a fare aumentare la frequenza di questa mutazione genetica da 1 caso su 20.000 all’epoca della “morte nera”, nel 1347, ai valori odierni di 1 caso su 10. “L’epidemia emorragica non scomparve dopo la grande peste di Londra del 1665-66, ma continuò a dilagare in Svezia, a Copenaghen, in Russia, in Polonia e in Ungheria fino al 1800″, ha concluso il professor Duncan. “Il perdurare dell’epidemia emorragica ha determinato il protrarsi della pressione selettiva sulla [mutazione genetica] ed è per questo che oggi essa si riscontra con la massima frequenza in Scandinavia e in Russia”.
http://www.marketpress.info/StoNotiziario_det.php?art=19301&pag=3&g=20050314

 

Platone a Maidan (Kiev)

a cura di Stefano Fait, direttore di FuturAbles

Bf9W2SFCQAMOHPBBgxvFSoCEAAXmsaBgsvk68CYAEfupU.jpg larges0sR7dLOleh Tyahnybok

Vi era una grande e meravigliosa dinastia regale che dominava tutta l’isola e molte altre isole e parti del continente: inoltre governavano le regioni della Libia che sono al di qua dello stretto sino all’Egitto, e l’Europa sino alla Tirrenia. Tutta questa potenza, radunatasi insieme, tentò allora di colonizzare con un solo assalto la vostra regione, la nostra, e ogni luogo che si trovasse al di qua dell’imboccatura. Fu in quella occasione, Solone, che la potenza della vostra città si distinse nettamente per virtù e per forza dinanzi a tutti gli uomini: superando tutti per coraggio e per le arti che adoperavano in guerra, ora guidando le truppe dei Greci, ora rimanendo di necessità sola per l’abbandono da parte degli altri, sottoposta a rischi estremi, vinti gli invasori, innalzò il trofeo della vittoria, e impedì a coloro che non erano ancora schiavi di diventarlo, mentre liberò generosamente tutti gli altri, quanti siamo che abitiamo entro i confini delle colonne d’Ercole. Dopo che in seguito, però, avvennero terribili terremoti e diluvi, trascorsi un solo giorno e una sola notte tremendi, tutto il vostro esercito sprofondò insieme nella terra e allo stesso modo l’isola di Atlantide scomparve sprofondando nel mare

Platone, “Timeo”, 24e-25d

Un’Europa che potrebbe rivelarsi uno dei pilastri essenziali di un più ampio sistema euroasiatico di sicurezza e cooperazione sponsorizzato dagli americani. Ma, prima di ogni altra cosa, l’Europa è la testa di ponte essenziale dell’America sul continente euroasiatico. Enorme è la posta geostrategica americana in Europa…l’allargamento dell’Europa si traduce automaticamente in un’espansione della sfera d’influenza diretta degli Stati Uniti. In assenza di stretti legami transatlantici, per contro, il primato dell’America in Eurasia svanirebbe in men che non si dica. E ciò comprometterebbe seriamente la possibilità di estendere più in profondo l’influenza americana in Eurasia…Un impegno americano in nome dell’unità europea potrebbe scongiurare il rischio che il processo di unificazione segni una battuta d’arresto per poi essere addirittura gradualmente stemperato.

Zbigniew Brzezinski, “La grande scacchiera”,  Milano : Longanesi, 1998, pp. 83-85

In Ucraina si gioca LA partita decisiva, perfino più importante di quella in Medio Oriente.
Ci vorrà del tempo prima che l’opinione pubblica internazionale si renda conto delle implicazioni degli eventi ucraini, destinati a cambiare la storia mondiale.
Fidatevi: quando vedete neocon e “liberal” americani ed europei schierati dalla stessa parte, per la prima volta dall’11 settembre, è perché questa è la battaglia che conta.

http://www.futurables.com/2014/02/19/lucraina-e-lumanita-alla-prova-del-fuoco/

Quando i banchieri si suicidano…(e vengono suicidati)

a cura di Stefano Fait, direttore di FuturAbles

Web Caffè Bookique [Facebook]

640px-Gamera_vs_Godzillapsicopatici contro sociopatici

Gli oligarchi finanziari (sociopatici) si aumentano ulteriormente i bonus (devono pur arrivare a fine mese, poverini!) mentre si preparano a licenziare 12mila dipendenti (stanno cercando di fare il pieno finché possono)

http://www.theguardian.com/business/2014/feb/11/barclays-hikes-bonuses-profits-slide

4 banchieri suicidi (?) in 1 settimana

http://rt.com/business/russell-investments-chief-economist-dead-564/

Un continuo, enorme flusso di oro parte da Londra e arriva in Svizzera e in Oriente: chi vende? Chi compra? Perché in questa misura? Perché ora?

http://www.gold.org/media/press_releases/archive/2013/11/gdt_q3_2013_pr/

La Germania cerca di far rientrare il suo oro dagli Stati Uniti

http://en.europeonline-magazine.eu/germany-repatriating-its-us-gold-reserves-in-mini-shipments_316572.html

L’economia americana prevedibilmente rallenta e persino il NYT ammette che la disoccupazione scende solo perché i disoccupati smettono di cercare lavoro

http://www.nytimes.com/2014/02/08/business/us-economy-adds-113000-jobs-unemployment-rate-at-6-6.html?hpw&rref=business&_r=0

L’Abenomics sta  accelerando la distruzione dell’economia giapponese (come dovrebbe sapere chiunque abbia una vaga idea del fatto che ad ogni azione corrisponde una reazione e che c’è sempre un prezzo da pagare quando usi la “magia” = moltiplicare il denaro in circolazione con la bacchetta magica)

http://www.zerohedge.com/news/2014-02-05/abenomics-disaster-japan-regular-wages-fall-19-consecutive-months-real-wages-drop-16

*****

Credo che la Fed si renda conto che una crisi del dollaro o un esplosione dei prodotti derivati sia certa in futuro, e cerca dunque di rimettere in sesto la ratio oro/dollaro al livello raggiunto prima della crisi. Così, in caso di brutte notizie future, la Fed potrebbe far fronte meglio alla crisi se il prezzo dell’oro fosse più basso e la fiducia nel metallo giallo come bene rifugio fosse svanita.

Oltre a queste vendite short (= allo scoperto: vendi qualcosa che non possiedi – una delle follie del presente), chiaramente effettuate per far abbassare il prezzo dell’oro, dobbiamo anche notare la manovra organizzata per gli annunci, questo mese, delle società di intermediazione prima e della Goldman Sachs dopo, secondo le quali gli hedge funds ed investitori pubblici si apprestano a vendere il loro oro.

L’obiettivo di questi annunci è di incoraggiare gli investitori individuali a vendere il loro oro prima dei grandi «giocatori». C’è ancora qualcuno che crede che gli hedge funds e Wall Street annuncino in anticipo le loro vendite per permettere ai piccoli investitori di fare altrettanto ma ad un prezzo superiore?

Se gli annunci non sono orchestrati ad arte allora cosa sono?

La manipolazione dei prezzi di oro ed argento è un segno che le autorità hanno paura di non poter controllare gli eventi futuri senza una grande fiducia nel dollaro. A cosa servirebbero queste vendite short e questi annunci di vendite se non a mantenere la fiducia nel biglietto verde?

http://www.orocasali.sm/3-it-32644-la-fed-e-le-distorsioni-del-mercato-paul-craig-roberts.php

Leggi: il dollaro sta morendo; sta morendo perché la Fed continua a stamparne, svalutandolo, per poter salvare le banche americane (sono dollari che in gran parte non arrivano all’economia reale e quindi non generano inflazione, ma neanche una vera ripresa)
Il resto del mondo lo sa e fugge dal dollaro buttandosi sull’oro.

La Fed manipola il prezzo dell’oro per tamponare le falle, ma così facendo dimostra di essere alla frutta, ossia di non poter più salvare il dollaro.

Svendendo oro permette ai paesi asiatici di accumularlo a prezzi “stracciati”.

Un circolo vizioso che porterà gli USA alla rovina a breve (una faccenda di mesi, non più di anni).

*****

I grossi investitori se ne fregano, perché non hanno alcuna lealtà che non sia quella nei confronti del proprio ego e della propria sete di potere e ricchezza.

Certi grandi fondi di investimento occidentali – in particolare Soros Fund Management LLC e la mastodontica BlackRock Inc. – stanno liberandosi dei loro titoli “aurei”.

Nessun investitore venderebbe in blocco enormi quantità di oro sintetico (titoli garantiti in oro), deprimendone il valore: cercherebbe di venderlo per gradi, per ricavarne maggiori profitti. A meno che non sappiano che è giunto il momento di fare incetta di oro fisico (incluse le decine di tonnellate di oro libico svanite dopo la guerra civile) ben sapendo che le “garanzie” sono fittizie, ossia che quei titoli valgono molto meno del dichiarato e che lo stesso sta per succedere alle varie monete in circolazione.

Le masse si troveranno in mano carta straccia, mentre loro controlleranno i beni di valore intrinseco.

*****

In sintesi: l’avidità dei grandi operatori è tale che gonfiano apposta le bolle per potersi arricchire, incuranti delle conseguenze. Così i dati economici fondamentali sono raccapriccianti, ma i media collusi e controllati non lo fanno sapere ai lettori, per non scatenare il panico e la furia delle masse.

Quando arriverà il collasso del sistema, ossia davvero molto presto, a giudicare dalla suddetta corsa all’oro, i primi a crollare saranno i paesi in via di sviluppo (Egitto e Bosnia sono solo l’aperitivo – la recente fuga di capitali dai paesi emergenti ne è la prova), poi l’onda arriverà rapidamente da noi, e specialmente negli Stati Uniti, che non hanno alcuna rete di salvataggio e sono iper-armati.

Chi ha previsto quel che sarebbe avvenuto ha venduto titoli a rischio, saldato i suoi debiti e comprato oro e argento fisici (consiglio l’argento che troverà ampie applicazioni nelle nuove tecnologie).

Crac(k) finanziario > deflazione > contanti accusati di averla causata > abolizione del contante > denaro solo elettronico, totalmente controllato e tracciabile > chiunque sia in disaccordo può perdere tutto in un istante > un nuovo e più efficiente sistema di controllo > rivoluzione globale inizialmente programmata, poi fuori controllo > enormi trasformazioni ad ogni livello (anche ambientale-climatico)

Tra le cose da fare quando sarà tutto finito:

http://www.futurables.com/2014/02/07/come-porre-fine-alle-crisi-finanziarie-una-volta-per-tutte/

Disney, i droni, l’infanzia

a cura di Stefano Fait, direttore di FuturAbles

Web Caffè Bookique [Facebook]

 

Screen Shot 2014-01-25 at 10.40.15 PM

She’s on the lookout, camera’s ready have no doubt
When there’s a problem, she’s right there, no need to shout
She’s always in flight, on the case both day and night
Sending the picture right up to the satellite

È sempre sul chi vive, fotocamera pronta, senza dubbio
Quando c’è un problema, lei è sul posto, non c’è bisogno di gridare
È sempre in volo, giorno e notte incollata al caso,
e invia la foto fino al satellite

La Disney alla carica con una serie animata chiaramente intesa a rendere socialmente accettabile la sorveglianza totale e permanente dei cittadini.

Quale migliore target dell’infanzia? Migliaia di bambini e ragazzini convinti che sia la cosa giusta perché lo dice un cartone animato della Disney.

Un’ulteriore prova del fatto che viviamo in un mondo turpe, terraformato a propria immagine e somiglianza da innumerevoli socio- e psicopatici che hanno trovato il modo di arrivare ai piani alti e insinuarsi nelle stanze dei bottoni.

Tragedy and Hope: Professor Carroll Quigley and the “Article that Said Too Little” by Kevin Cole

testo

inglese/english
http://de.scribd.com/doc/200219005/Professor-Carroll-Quigley-and-the-Article-That-Said-Too-Little-Reclaiming-History-From-Omission-and-Partisan-Straw-Men-by-Kevin-Cole-2014

tedesco/Deutsch
http://www.larsschall.com/2014/01/27/professor-carroll-quigley-und-der-artikel-der-zu-wenig-sagte/

Kevin Cole > http://www.unityofthepolis.com/

I poteri del capitalismo finanziario avevano un obiettivo più ampio, niente meno che la creazione di un sistema globale di controllo finanziario in mani private in grado di dominare il sistema politico di ciascuna nazione e l’economia mondiale nel suo complesso. Questo sistema andava controllato in stile feudale dalle banche centrali di tutto il mondo, agendo di concerto, per mezzo di accordi segreti raggiunti in frequenti incontri privati e conferenze. Al culmine della piramide ci doveva essere l’elvetica Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI) di Basilea, una banca privata posseduta e controllata dalle banche centrali mondiali che a loro volta erano imprese private…non bisogna immaginare che questi dirigenti della principali banche centrali del mondo fossero loro stessi dei ragguardevoli potenti nel mondo della finanza. Non lo erano. Erano piuttosto dei tecnici e gli agenti dei massimi banchieri commerciali delle loro rispettive nazioni, che li avevano allevati ed erano perfettamente capaci di liberarsene…e che rimanevano in gran parte dietro le quinte…Questi costituivano un sistema di cooperazione internazionale e di egemonia nazionale più privato, più potente e più segreto di quello dei loro agenti nelle banche centrali. Il dominio dei banchieri commerciali era fondato sul controllo dei flussi di credito e dei fondi di investimento nelle loro nazioni e nel mondo….potevano dominare i governi attraverso il controllo dei debiti nazionali e dei cambi. Quasi tutto questo potere era esercitato dall’influenza personale e dal prestigio di uomini che in passato avevano dimostrato la capacità di portare a compimento con successo dei golpe finanziari, di mantenere la parola data, di mantenere la mente fredda nelle crisi e di condividere le loro opportunità più vantaggiose con i loro associati.

Carroll Quigley, docente di storia, scienze politiche e geopolitica a Princeton, Harvard e Georgetown e mentore del giovane Bill Clinton, da “Tragedy and Hope: A History of the World in Our Time” (New York: Macmillan, 1966).

Pg. 324: The powers of financial capitalism had another far-reaching aim, nothing less than to create a world system of financial control in private hands able to dominate the political system of each country and the economy of the world as a whole. This system was to be controlled in a feudalist fashion by the central banks of the world acting in concert, by secret agreements arrived at in frequent private meetings and conferences. The apex of the system was to be the Bank for International Settlements in Basle, Switzerland, a private bank owned and controlled by the world’s central banks which were themselves private corporations. Each central bank, in the hands of men like Montagu Norman of the Bank of England, Benjamin Strong of the New York Federal Reserve Bank, Charles Rist of the Bank of France, and Hjalmar Schacht of the Reichsbank, sought to dominate its government by its ability to control Treasury loans, to manipulate foreign exchanges, to influence the level of economic activity in the country, and to influence cooperative politicians by subsequent economic rewards in the business world.
http://www.thirdworldtraveler.com/Banks/Tragedy_Hope_excerpt.html
http://www.archive.org/stream/TragedyAndHope/TH_djvu.txt

 

E l’uomo in tutto questo? Web Caffè Bookique, mercoledì 22

A cura di Stefano Fait

Paradiso Riconquistato [blog per architetti di mondi nuovi - poliglotta]

Web Caffè Bookique [Facebook]

b79094c8-9474-48f0-99b0-59fe1bb91abf-460x276aquila05438Povere aquile…

Perché gli Stati Uniti sono diventati uno stato di polizia e di sorveglianza totale degno della DDR? Perché il potere esecutivo, quello legislativo e quello giudiziario degli Stati Uniti hanno chiuso gli occhi o addirittura approvato un ripudio così palese di tutte le garanzie costituzionali? Perché i rappresentanti eletti difendono lo spionaggio contro la cittadinanza? Che tipo di futuro può derivare da uno stato di polizia? Che tipo di mire possono albergare nelle menti di chi ha autorizzato la costruzione di una megastruttura di sorveglianza planetaria in un periodo di drastici tagli ai programmi sociali? Fino a quando questo apparato nordamericano opererà senza ricorrere ai suoi armamenti ai danni dei suoi stessi “alleati”/sudditi?

C’è solo un motivo per cui un governo spia tutti i propri cittadini: produrre dei profili delle loro personalità e attività e, in base a questi, identificare i cosiddetti “nemici pubblici”, in pratica chiunque non sia d’accordo con chi detiene il potere. E quando arriverà il momento, quei profili saranno impiegati per rastrellare e imprigionare in campi di internamento/detenzione i difensori della libertà e della democrazia (bollati come “terroristi”), come in una qualunque dittatura.
Perché questo è il governo degli Stati Uniti, marionette al servizio di una cricca di tiranni che temono di essere scoperti e processati e/o linciati.
Non ci credete? Aspettate e vedrete.

Tra 1,5 e 2 milioni di cittadini statunitensi erano occupati nell’estate del 2007, allo scoppio della crisi. Si stima che gli Stati Uniti dovrebbero generare 28 milioni di posti di lavoro a tempo pieno. È evidente che nulla di tutto questo è realmente possibile. Tanto più che molti analisti finanziari prevedono che l’ennesima bolla speculativa che ha sostenuto la “ripresa” dell’economia statunitense dovrebbe esplodere entro 18 mesi

http://www.forbes.com/sites/jessecolombo/2013/10/08/why-stocks-are-undoubtedly-experiencing-a-massive-bubble/

http://www.ibtimes.com/nobel-laureate-robert-shiller-warns-bubble-us-equity-markets-brazil-property-sector-1490622

http://www.bloomberg.com/video/equities-are-a-grossly-overvalued-bubble-stockman-SeWtsnohS9WfxeMD5Ug_8A.html

http://www.zerohedge.com/news/2013-11-24/why-fed-cant-see-bubble-equity-valuations

http://www.cnbc.com/id/101227439

http://www.businessinsider.com/bob-doll-the-3-signs-of-market-bubbles-2014-1

549276_498712050174623_337953571_n

La casta dominante statunitense se ne andrà senza colpo ferire come il regime sovietico dopo la caduta del Muro di Berlino?
Improbabile. Le loro azioni rivelano le loro reali intenzioni.

Al di là delle formule di rito, utili solo ad ammansire l’opinione pubblica nazionale ed internazionale, Obama e i direttori delle agenzie di spionaggio interno hanno fatto capire che non hanno la minima intenzione di moderare le loro attività. Semmai intensificheranno l’invasione della privacy dei cittadini americani ed europei.

http://www.theguardian.com/commentisfree/2014/jan/17/obama-nsa-reforms-bulk-surveillance-remains?INTCMP=ILCNETTXT3487

Chiunque creda ancora ad una singola promessa di Obama, dopo 5 anni di tradimenti, è incurabilmente pirla

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2013/02/07/se-obama-ti-uccide-sicuramente-te-lo-meritavi/

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2013/01/14/amerikarma-obamamania/

Chiunque creda ancora che le politiche autoritarie e crudeli approvate da governi e parlamenti occidentali sono solo il risultato di incompetenza e ignoranza è francamente troppo grullo per il bene suo, della sua famiglia e dei suoi dipendenti.

Innumerevoli utili idioti continueranno a celebrare ogni nuovo sviluppo tecnologico di controllo sulla base del fatto che se sventerà qualche furto o aggressione. Queste personalità autoritarie prive di senno e di comprendonio meritano lo stesso biasimo di chi sta implementando lo stato di polizia. Almeno questi ultimi fanno i propri interessi, egoisticamente ma intelligentemente. Gli ovini in forma umana sono solo ultras incuranti dei diritti dei loro concittadini e incapaci di capire che saranno complici di enormi atrocità nel prossimo futuro.

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/10/27/presidenti-americani-schiettamente-complottisti/

Disoccupati, disabili, pensionati sono tutti nel mirino della prossima soluzione finale al problema della “zavorra sociale” americana.

Altrimenti non si spiegano gli immensi sforzi dedicati all’instaurazione di un vero e proprio stato di polizia orwelliano

http://fanuessays.blogspot.it/2012/01/ndaa-torneranno-i-campi-di.html

46 milioni di americani sopravvivono unicamente grazie al programma Food Stamp, che subisce continui tagli. Cosa accadrà a quelle persone? Diversi milioni di disoccupati cronici ormai esclusi dal mondo del lavoro hanno di fatto perso i loro diritti sociali.

Quanti riusciranno ad uscire vivi dalla prossima irruzione del “Vortice Polare“?

Obama sta sottraendo centinaia di miliardi di dollari alle prestazioni di sicurezza sociale e alla copertura sanitaria.

Come detto, sarà la Soluzione Finale per decine di migliaia di cittadini, condannati alla miseria e all’abbandono.

Non sarà il riscaldamento globale a minacciare l’America, ma il ribollio sociale. L’NSA ha già instaurato un sistema di sorveglianza capillare anti-terrorismo che ha l’unico scopo di decapitare la rivolta sul nascere. I leader della ribellione saranno immediatamente identificati, designati “terroristi domestici” e avviati ai campi di detenzione, in osservanza delle norme statutarie autorizzate dal NDAA del 2011, controfirmato da San Obama Nobel per la Pace, noto con il nome in codice di “il Rinnegato”

http://www.nomix.it/news-109-obama-e-renegade-ecco-i-nomi-in-codice.php

1604436_1414518272121969_530350218_n

1974 – 2014: Quarant’anni dell’Avatar. Dal PC all’uomo display.

Web Caffè Bookique di mercoledì 22 gennaio 2014: parleremo di nuove tecnologie e di come queste abbiano invaso le nostre vite.
Intervento e videoproiezioni: Bruno Sanguanini - Sociologo, Media guru, Blogger. http://www.sanguanini.it/
Letture sceniche: Lino Tommasini – Rudi Patauner

« Voci più vecchie

FuturAbles

Non subire il futuro, ma crealo, immaginandolo

tsiprastn

appuntamenti, notizie e opinioni dalla piazza virtuale dei comitati Trentini a supporto della lista "l'Altra Europa con Tsipras" per le elezioni europee di maggio 2014

PICCOLA ERA GLACIALE

PiccolaeraglacialeWordPress.com

contro analisi

il blog di Francesco Erspamer

Notes from North Britain

Confessions of a Justified Unionist

Civiltà Scomparse

Tra realtà e immaginazione

Trentino 33

GRUPPO DI RIFLESSIONE PER TRENTINO “2013-2033”

PoetaMatusèl's Poetry Pages

* POESIA LIRICA, D'AMORE E DELLA NATURA * LOVE, LYRIC AND NATURE POETRY *

Donata Borgonovo Re

Durante un incendio nella foresta, mentre tutti gli animali fuggivano, un colibrì volava in senso contrario, con una goccia d’acqua nel becco. “Cosa credi di fare?” gli chiese il leone. “Vado a spegnere l’incendio!” rispose il colibrì. “Con una goccia d’acqua?” disse il leone, con un sogghigno ironico. E il colibrì, proseguendo il volo, rispose: “Io faccio la mia parte”. (Favola africana)

pensiero meridiano

La lotta di classe non è soltanto il conflitto tra classi proprietarie e lavoro dipendente. È anche «sfruttamento di una nazione da parte di un’altra», come denunciava Marx Il punto di vista del pensiero meridiano è il punto di vista dei Sud del mondo, dall'America Latina al nostro Mezzogiorno, quella parte della società schiava di squilibri ancor prima di classe che territoriali.

giapponeapiedi

idea di viaggio prevalentemente a piedi nel Giappone tradizionale

Dionidream

Sei sveglio?

The Next Grand Minimum

To examine the social and economic impacts of the next Grand Solar Minimum - See About

Imbuteria's Blog

Just another site

quel che resta del mondo

psiche, 'nuda vita' e questione migrante

SupremeBoundlessWay

For the Sake of All Beings

~ gabriella giudici

blog trasferito su gabriellagiudici.it

Notecellulari

Il Blog di Maria Serena Peterlin

10sigarette

Carpe Diem

Cineddoche 2.0

Il cinema è la vita, con le parti noiose tagliate (A.Hitchcock)

Club UNESCO di Trento

2013 Anno Internazionale della Quinoa - Anno Internazionale della Cooperazione Idrica

The Passionate Attachment

America's unrequited love for Israel

GilGuySparks

The guy was nothing but a pain in the ass

Insorgenze

Non lasciare che la scintilla venga del tutto spenta dalle legge - Paul Klee -

L'impero cadente

come crolla l'impero degli angli, dei sassoni e dei loro lacchè con rovina e strepito

"Because every dark cloud has a silver IODIDE lining..."

Sentieri Interrotti / Holzwege

Il blog di Gabriele Di Luca

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 129 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: