Obama, Putin e Cuba

putin_cuba

“Sostengo la decisione del presidente Obama di cambiare la politica nei confronti di Cuba, l’isolamento ha solo rafforzato il potere del regime di Castro”.
Hillary Clinton

“L’isolamento non ha funzionato. È tempo di cambiare”.
Barack Obama

2020: le sanzioni contro Iran, Venezuela, Russia, Novorussia, Gaza, Corea del Nord, Siria, Congo, Zimbabwe, Sudan, Sud Sudan, Birmania…(ma non contro Arabia Saudita, Qatar, Emirati, Cina, Eritrea, israele, ecc.) non hanno avuto l’esito sperato.

CONTINUARE A FARE LE STESSE COSE ASPETTANDOSI RISULTATI DIVERSI È IL PRIMO SINTOMO DI FOLLIA

LO STESSO GIORNO:
sanzioni di Obama contro un governo legittimo (Venezuela): non-notizia;

http://lainfo.es/it/2014/12/19/bolivia-condanna-sanzioni-degli-stati-uniti-contro-il-venezuela/

- ripristino delle relazioni diplomatiche con Cuba: “Obama finalmente si merita il Nobel per la Pace”.

Russia: Putin a Cuba, debito condonato
http://www.ansa.it/…/russia-putin-a-cuba-debito…
Putin ristabilisce una testa di ponte a Cuba
http://www.wsj.com/…/mary-ogrady-putin-restores-a-cuban…
pochi mesi dopo: Il “Grande Obama” fa il “Grande Gesto”

Le anime belle esultano.

Intanto uno studio serio dimostra che i dati economici occidentali sono fasulli: l’unica crescita è data dall’espansione del debito – le economie occidentali sono insolventi e strutturalmente incapaci di creare posti di lavoro, sono cioè condannate alla proliferazione di disordini sociali e all’implosione (se non cambiano rotta)

http://www.awarablogs.com/study-on-real-gdp-growth-net-of-debt/

L’umanità arriverà al massimo della sua coscienza e delle sue qualità potenziali quando ad una persona la morte del figlio di qualsiasi altra famiglia la farà soffrire come la morte del proprio figlio o di qualche altro parente vicino

Fidel Castro, Harlem, New York, 8 settembre 2000

http://www.cuba.cu/gobierno/discursos/2000/ita/f080900t.html

Prodi complice del "terribile tiranno tremendo" Putin.  Attendiamo un feroce editoriale del Corsera o di Repubblica contro Prodi

Prodi complice del “terribile tiranno tremendo” Putin.
Attendiamo un feroce editoriale del Corsera o di Repubblica contro Prodi

Hildegard von Bingen – Cielo e Terra

La Repubblica dei Creativi

stefano fait:

Questa è la tribù adatta a un villaggio globale: una comunità che si aiuta e protegge nei momenti di contrazione e fa massa critica quando è tempo di estendersi. Una famiglia molto estesa di creativi imprenditori e imprenditori creativi…

Originally posted on WazArs:

11099_10204408482363507_4827180573290835729_n

È la testa che bisogna cambiare. E non lo vogliono capire!

Sax(Renato Pozzetto).

Costruiscilo, e loro verranno (“Build it and they will come”)

L’uomo dei sogni

Non è più la società a dominare, sono le tribù. Non più i vasti insiemi, ma l’emergere di piccoli gruppi uniti da affinità condivise: musicali, sessuali, religiosi, sportivi, ecc. La postmodernità è tribù e Internet, una sintesi di arcaismo e sviluppo tecnologico…si deve prendere atto del fatto che c’è un mosaico, che la repubblica [francese] non è più una e indivisibile – ogni pezzo mantiene la sua configurazione, il colore, la struttura, eppure la cosa sta assieme ed è questa la lezione che stiamo apprendendo.

Michel Maffesoli, Michel Maffesoli, le troll de la sociologie française, Slate, 9 maggio 2014

 

Tre cose cambiano le teste delle persone: le catastrofi, l’arte (quella vera) e il fare comunità (tribù).

WazArs, assieme ai…

View original 534 altre parole

Climate change – facts and fictions

testimage.2global_sea_ice_extent_zoomed_2014_day_341_1981-2010arctic_sea_ice_extent_zoomed_2014_day_341_1981-2010screenhunter_5031-dec-09-06-42slide1climate-past

34z156g

The Earth has always warmed and cooled.

The climate is complex and we do not understand it.

We know too little, based on a sample of just a few decades of empirical observations.

Over the past 165 years we had a warming of 0.76°C (+0.05 C per decade). It is far from unprecedented and far from alarming.

There has been a significant rebound of the Arctic ice cap since 2012.

The extension of the Antarctic ice cap has reached record levels.

97% of model projections failed (111 of 114 climate models were wrong)

Since the Cambrian/Ordovician CO2 levels fluctuated naturally within a 180 ppm and 8,000 ppm range.

During the Triassic and Jurassic CO2 levels were much higher than now (now: 400 ppm – then: between 1,800 ppm and 2,000 ppm range) with no sign of runaway global warming: oceans didn’t acidify, the biosphere thrived.

The Ordovician ice age occurred with CO2 levels in the 4,000 ppm to 5,000 ppm range.

Pleistocene glaciations occurred with stable CO2 levels (around 290 ppm to 300 ppm).

The last interglacial period (Eemian) was 5.0 C warmer than now with CO2 ppm levels of about 290 ppm to 300 ppm

The Holocene Climate Optimum was at least 2.0 C warmer than the present, with CO2 ppm levels around 260-270 ppm

Temperatures decreased by about -0.5 to -0.6 C between 1940 and 1970 even though CO2 levels were increasing

“Atmospheric CO2 follows temperature changes in Antarctica with a lag of some hundreds of years” (IPCC AR4)

CO2 level changes lag behind temperature changes: 1200±700 (Andreas Indermuhle et al., Atmospheric CO2 Concentration from 60 to 20 kyr BP from the Taylor Dome ice core, Antarctica, Geophysical Research Letters, Volume 27, Number 5, March 2000).

1000 years (Lowell Stott et al., Southern Hemisphere and Deep-Sea Warming Led Deglacial Atmospheric CO2 Rise and Tropical Warming, Science, Volume 318, Issue 5849, September 2007).

800 ± 200 years (Nicolas Caillon et al., Timing of Atmospheric CO2 and Antarctic Temperature Changes Across Termination III, Science, Volume 299, Number 5613, March 2003).

600 ± 400 years (Hubertus Fischer et al., Ice core records of atmospheric CO2 around the last three glacial terminations (Science, Volume 283, Number 5408, pp. 1712-1714, March 1999).

800 ± 600 years (Eric Monnin et al., Atmospheric CO2 Concentrations over the Last Glacial Termination (Science, Volume 291. Number 5501, January 2001).

900 ± 325 years (Landais et al. Two-phase change in CO2, Antarctic temperature and global climate during Termination II, Nature Geoscience 6, 1062–1065, October 2013).

Generally low confidence that there have been discernible changes over the observed record on lack of trends in extremes, exceptions are trends seen in temperature extremes and regional precipitation (but not floods) (IPCC AR5);

Unlike in AR4, it is assessed here…there is low confidence of regional changes in the intensity of extreme extratropical cyclones (IPCC AR5);

low confidence that any reported long term increases in tropical cyclone activity are robust (IPCC AR5);

current datasets indicate no significant observed trends in global tropical cyclone frequency (IPCC AR5);

The current assessment does not support the AR4 conclusions regarding global increasing trends in droughts (IPCC AR5);

Low confidence regarding the sign of trend in the magnitude and/or frequency of floods on a global scale – there is currently no clear and widespread evidence for observed changes in flooding (IPCC AR5);

No long-term acceleration of sea level has been identified using 20th-century data alone (IPCC 2007);

It is likely that GMSL (Global Mean Sea Level) rose between 1920 and 1950 at a rate comparable to that observed between 1993 and 2010 (IPCC AR5);

Antarctic sea ice extent is also projected to decrease in the 21st century (IPCC AR4)

Most models simulate a small decreasing trend in Antarctic sea ice extent, in contrast to the small increasing trend in observations… There is low confidence in the scientific understanding of the small observed increase in Antarctic sea ice extent (IPCC AR5)

The recent observed positive trends in total Antarctic sea ice extent are at odds with the expectation of melting sea ice in a warming world. More problematic yet, climate models indicate that sea ice should decrease around Antarctica in response to both increasing greenhouse gases and stratospheric ozone depletion.

Lorenzo M. Polvani, Karen L. Smith, Can natural variability explain observed Antarctic sea ice trends? New modeling evidence from CMIP5, Geophysical Research Letters, Volume 40, Issue 12, pages 3195–3199, 28 June 2013

For the Southern Ocean as a whole, sea surface temperature has decreased by approximately 0.6°C in December-February (0.4°C in the annual mean) while Antarctic sea ice cover has increased by approximately 9% in December-February (12% in the annual mean) during 1979-2011.

Fan, T., C. Deser, and D. P. Schneider (2014), Recent Antarctic sea ice trends in the context of Southern Ocean surface climate variations since 1950, Geophys. Res. Lett., 41, 2419–2426

[O]ur spatial analysis of Antarctic meteorological data demonstrates a net cooling on the Antarctic continent between 1966 and 2000, particularly during summer and autumn. The McMurdo Dry Valleys have cooled by 0.7 °C per decade between 1986 and 2000, with similar pronounced seasonal trends.

Peter T. Doran et al., Antarctic climate cooling and terrestrial ecosystem response, Nature, 415, 517-520 (31 January 2002)

Jay H. Zwally et al., Mass Gains of the Antarctic Ice Sheet Exceed Losses, NASA technical report, Jul 14, 2012.

Frezzotti et a. A synthesis of the Antarctic surface mass balance during the last 800 yr, The Cryosphere, 7, 303–319, 2013.

Curt H. Davis et al. Snowfall-Driven Growth in East Antarctic Ice Sheet Mitigates Recent Sea-Level Rise, Science 24 June 2005:
Vol. 308 no. 5730 pp. 1898-1901.

Gong, Y., Cornford, S. L., and Payne, A. J.: Modelling the response of the Lambert Glacier–Amery Ice Shelf system, East Antarctica, to uncertain climate forcing over the 21st and 22nd centuries, The Cryosphere, 8, 1057-1068.

Elizabeth R. Thomas, Gareth J. Marshall, Joseph R. McConnell, A doubling in snow accumulation in the western Antarctic, Peninsula since 1850, Geophysical Research Letters, Volume 35, Issue 1, January 2008.

monthly_ice_SH_09

Antarctica and the Southern Ocean have been *cooling* and the sea ice is trending upwards:

http://nsidc.org/arcticseaicenews/files/2014/10/monthly_ice_SH_09.png

Growing Antarctic Ice Sheets May Have Sparked Ice Age, Live Science, December 04, 2014

Solheim et al., The long sunspot cycle 23 predicts a significant temperature decrease in cycle 24, Journal of Atmospheric and Solar-Terrestrial Physics, Volume 80, May 2012, Pages 267–284

Northern Europe and the coming climate refugees crisis

Putin, lo Spartaco degli afroamericani – #afromaidan e la futura imposizione della legge marziale

1330014014_0_71acc_569dbc4e_orig10429265_822179964511875_7428525190007390056_nBvlvoB1IcAEnjgRB4JuC5kCcAAheKusolidarietà palestinese

Meet the Rappers Behind the Smash Hip-Hop Ode to Putin

http://www.vocativ.com/culture/music/go-hard-like-vladmir-putin/

Negli USA, a giorni alterni, un afroamericano disarmato viene ucciso dalle forze dell’ordine
http://www.politifact.com/…/unarmed-black-person-shot…/

Se non state attenti, i media vi faranno odiare le persone che vengono oppresse e amare quelle che opprimono.

If you’re not careful, the newspapers will have you hating the people who are being oppressed, and loving the people who are doing the oppressing.

Malcolm X

Nessuna sorpresa. Qualche decennio addietro i dissidenti russi cercavano scampo in America. Oggi succede il contrario: Dissidente americano Snowden rimane in Russia

Come evolverà questa situazione? Ferguson è al centro di una serie di manipolazioni. Ci sono forestieri che, come dei black bloc (e come è successo a Kiev), sono venuti ad aizzare la folla e promuovere la violenza.  L’insistenza dei media sulla contrapposizione razziale fa pensare alla tattica del divide et impera. Fomentare la violenza servirà a giustificare, non solo localmente, la legge marziale (“a fin di bene”, perchè bianchi e neri devono essere separati gli uni dagli altri per evitare una guerra razziale – i putinofili diventeranno “nemici pubblici”), in vista della dedollarizzazione del sistema valutario globale, che avrà un impatto devastante sugli americani.
Agli USA serve un nuovo Martin Luther King che unisca bianchi, neri, latinos ecc., altrimenti sono guai.

Anarchy & Beauty – A brief ethnographic account of my day-to-day experiences with crafters

stefano fait:

Now, if you think about it, these are, in fact, the distinctive features of anarchists.

In order to work, a heterarchical society needs mature, responsible, empathic, individualized citizens, whose sense of right and wrong is not something being decreed from the outside and from above, but comes from within, from one’s spiritual and intellectual integrity guiding their behaviour.

Anarchists have no need for a higher authority to impose “harmony” and “discipline” upon them because they are not human predators; coercion, violence and subordination nauseate them. They understand that they are interdependent and complementary (like the organs of a body), and therefore cooperation, patience, open-mindedness and love is all they need.

Essentially, in such an ideal society – mostly comprising voluntary, episodic, irregular and temporary communities in which each individual’s potential is not realised at the expense of others, but along with others –, pyramidal, hierarchical government would be a symptom of some kind of deficiency for, as memorably stated by R. W. Emerson (Politics, 1844): “The appearance of character makes the State unnecessary”.

Originally posted on WazArs:

William-Morris-exhibition-National-Portrait-Gallery-London

The problem that confronts us today , and which the nearest future is to solve,. is how to be one’s self and yet in oneness with others, to feel deeply with all human beings and still retain one’s own characteristic qualities. This seems to me to be the basis upon which the mass and the individual, the true democrat and the true individuality, man and woman, can meet without antagonism and opposition.

Emma Goldman, Red Emma Speaks

More, bigger, faster, cheaper, nastier has built an economy that might just be in furious pursuit of mediocrity…The pursuit of more, bigger, faster, cheaper, nastier too often seems to demand putting what, why, and who we love at the end of the list, the underworld of the inbox, the bottom of the heap. That’s a recipe for stagnation, whether for people, communities, cities, countries, or the globe. But the converse…

View original 971 altre parole

Che cosa comporta per il nostro futuro l’estinzione improvvisa dei mastodonti per assideramento?

18lmi03alt2xhjpg

Algeria

Algeria

Siberia

Siberia

Russia

Russia

Buffalo, USA

Buffalo, USA

Austria

Austria

GW_ice_now_02GW_ice_now_03Mastodons weren’t hunted to extinction by Ice Age humans — they simply froze to death, new study finds

Mastodons were likely killed off by ‘global cooling,’ expert says

Mastodons disappeared from Yukon before humans arrived: study

Significa che le glaciazioni sono istantanee e che questi bestioni, migrati a nord durante una fase di RISCALDAMENTO, non ebbero il tempo di tornare a sud e morirono in massa.

In Alto Adige abbiamo Oetzi. morto in quota (ucciso per il suo fallimento nello scongiurare qualche catastrofe naturale?) quando i ghiacciai erano meno estesi di oggi (optimum climatico dell’Olocene) e poi sepolto e conservato da ghiacci che devono essere giunti all’improvviso, visto che il suo corpo si è mummificato senza essersi decomposto.
Oetzi è, simbolicamente, il monito che l’universo ci ha mandato, per metterci in guardia.

http://www.futurables.com/2014/09/25/mutamento-climatico-improvviso-lo-scenario-otzi/

http://www.homosapienshibernus.com/quanto-ci-vuole-per-passare-ad-fase-glaciale/

Sappiamo che quasi tutte le glaciazioni sono state precedute da un riscaldamento climatico, condizione necessaria per l’accumulo nevoso (evaporazione che si trasforma in nevicate imponenti al nord e in montagna sopra una certa quota)

http://www.futurables.com/2014/06/06/fimbulvetr-il-mutamento-climatico-che-non-ti-aspetti/

http://www.futurables.com/2014/10/13/northern-europe-and-the-coming-climate-refugees-crisis/

Un’idea di quello che è accaduto a quote comprese tra i 2800 ed i 3000 metri di quota ed oltre, dove si trovano i bacini di accumulo nevoso dei nostri Ghiacciai alpini, la possiamo avere tramite la webcam sistemata sulle pendici del Ghiacciaio Ciardoney, sul Gran Paradiso.

L’asta nivometrica misura un’altezza del manto nevoso di 250 cm di neve, altezza che si raggiunge e si supera normalmente durante le nevicate primaverili, mentre manca ancora tutta una stagione nevosa da Dicembre a fine Aprile….

Anche il Passo dello Stelvio appare già abbondantemente innevato.

E’  molto probabile, dunque, che avremo una stagione eccezionalmente nevosa sui bacini di accumulo glaciali delle nostre Alpi.

http://www.freddofili.it/2014/12/02/i-ghiacciai-grandi-nevicate/

Ma noi preferiamo credere a Luca Mercalli, che ci assicura che dobbiamo prepararci a vedere l‘aumento della quota neve di ben 300 metri nei prossimi cent’anni, naturalmente per colpa dell’anidride carbonica – mentre il buco nell’ozono causato dai clorofluorocarburi (l’unico reale inquinante umano ad aver influenzato sensibilmente il clima) è stato cancellato dai media (La rivincita dell’Ozono).
Mi piacerebbe che la gente si ricordasse delle affermazioni di Mercalli, nei prossimi anni, e anche di quelle di chi lo contestava, per poi trarre le sue conclusioni su chi faceva scienza e chi propagava dogmi, su chi ha cercato di dare una mano all’umanità e chi invece l’ha dannata.

Prendete pure nota.

Non temo il giudizio della storia e della scienza.

B3_ReH1CIAAl2lNUAH_LT_1979_thru_November_2014_v5AllCompared GlobalMonthlyTempSince1979MSU RSS GlobalMonthlyTempSince1979 AndCO2arctic_sea_ice_extent_zoomed_2014_day_340_1981-2010global_sea_ice_extent_zoomed_2014_day_340_1981-2010ShakunFig2a Fall-Snow-Cover-2014 screenhunter_4883-dec-03-07-33testimage.2clip_image010_thumb1B4ZQEbTIAAAT7f4

interglacial-warm-period-comparison

La corrente a getto che ci interessa è quella che precedentemente attraversava l’Atlantico arrivando in Irlanda e poi in Danimarca.
Oggi scende verso il Golfo di Biscaglia, giunge in Marocco (!!!) e poi risale verso l’Europa centrale, varcando le Alpi, causando alluvioni e precipitazioni inaudite. Proprio come succederebbe se le correnti marine e atmosferiche si stessero disponendo in una configurazione glaciale (cf. María-Fernanda Sánchez-Goñi, Edouard Bard, Amaelle Landais, Linda Rossignol, Francesco d’Errico, “Air-sea temperature decoupling in Western Europe during the last interglacial/glacial transition”, Nature Geoscience, 1 September 2013
https://versounmondonuovo.wordpress.com/2014/01/04/riscaldamento-globale-glaciazione/
Il meteorologo francese si rifiuta giustamente di incolpare il cambiamento climatico, spiegando che le valutazioni si fanno dopo diversi anni. Io credo che tra 20 anni sarà chiaro che il fattore scatenante è di natura elettromagnetica e dipende dall’interazione tra il Sole e i pianeti del Sistema Solare (che è verosimilmente un sistema binario)

Il Mini Expo di Natale NON è (solo) un mercatino di Natale

WazArs cerca di collaborare con chi vuole unire e non dividere, con chi è concreto, con chi è sovrano (Io sono il padrone del mio destino: Io sono il capitano della mia anima) e con chi insegna imparando e impara insegnando.

Siamo incubatori di collaborazioni, come ad esempio quelle di Michela Bruni Ecodesign con Gemma Fiori e con The Social Stone (mini expo).

Oltre a Marco Rosi della Bookique, una delle persone con cui abbiamo scelto di collaborare è Roberta Pedrotti, che ha aperto il Details Design Store di via del Suffragio 74, a Trento.

I workshop del 6-7 dicembre – Merry Crafts’mas @Details – Mini Expo di Natale

stefano fait:

Qualcuno/a vuole farsi con le sue manine un dono natalizio per la mamma, il fidanzato, i figli o che so io (invece di comprarlo)?
Ecco l’occasione che cercavate.
15 creative/i da tutto il mondo saranno a Trento, il 6-7 dicembre

Originally posted on WazArs:

Details design store, via del Suffragio 74,  Trento

Details design store, Via del Suffragio 74, Trento

Il 6-7 dicembre potrete creare con le vostre mani un dono natalizio per una persona cara.

Se ricevessi un regalo fatto a mano da qualcuno sarei molto contento.

I 12 (in realtà 15) creativi manuali che abbiamo selezionato dovrebbero garantire un risultato “coi fiocchi”.

Inoltre, come ciliegina sulla torta, DOMENICA la misteriosa Mrs. B! (di “Lozio & i Vizi”) potrà impacchettare alla giapponese le vostre creazioni-regalo, per sorprendere ancora di più chi merita le vostre attenzioni e affetto.

Ecco il PROGRAMMA

Sabato 6 Dicembre

ore 10:00 – 12:00 Portacandela in feltro a cura di Sabrina Bottura

ore 14:30 – 15:30 “ChristmART ball” decorazione natalizia a cura di TULIP

ore 15:30 – 16:30 Decorazione natalizia per i bambini a cura di Michela Bruni

ore 16:30 – 17:30 Spilla imbottita a cura di LOVEMUMI

ore 17:30 – 19:30 #cheilvintagesiaconvoi upcycling di vestiti a…

View original 826 altre parole

La primavera messicana

10801609_10202610354373972_6838785810732950530_n

Se si potesse cominciare a costruire anche mentre si sta bruciando. Se si potesse coltivare mentre si distrugge…La nostra causa era la terra, non un’idea; la terra coltivata per sfamare le nostre famiglie; libertà e non parole; un uomo sereno seduto al tramonto sulla soglia di casa; pace, non sogni; tempo di quiete e di bontà. Una domanda mi tormenta: nasce una cosa buona da una cattiva azione? Può nascere la pace da tanti delitti? Può infine tanta violenza generare della bontà? Può un uomo con idee sorte nell’ira e nell’odio, può costui condurre alla pace? Può governare in pace? Io non lo so…

Pablo Torres Burgos – “Viva Zapata!”

Questa terra è nostra, ma voi dovete proteggerla, non sarà vostra a lungo se non la difendete, se necessario con la vostra vita e con la vita dei vostri figli. Non sottovalutate i vostri nemici, essi torneranno. E se la vostra casa è bruciata, ricostruitela; se il vostro grano è distrutto, seminate di nuovo; se i figli muoiono, crescetene altri; se vi cacciano dalla valle, andate a vivere sulla montagna, ma vivete.

Siete sempre in cerca di capi: uomini forti, senza colpe, non ne esistono: esistono soltanto uomini come voi. Loro cambiano, disertano, muoiono. Non c’è nessun capo tranne voi e un popolo forte è la sola forza che duri…Un uomo forte fa un popolo debole. A un popolo forte non serve un uomo forte.

Emiliano Zapata – “Viva Zapata!”

Il 21 novembre dell’anno scorso iniziavano le proteste ucraine.

I media non stanno praticamente parlando dei disordini in Messico e degli scandali intorno alla corruzione del governo/presidenza, con la first lady costretta a vendere una villa del valore di svariati milioni di dollari, dono di un consorzio edile che ha vinto un megacontratto.

Forse non sono i disordini “giusti” contro l’establishment “giusto”?

Invito i russi a mandare qualche pezzo grosso a fare ripetute visite nelle piazze messicane per incitare la folla contro il governo, com’è successo a Kiev.

Potrebbero anche orchestrare un “cambio di regime” e poi pianificare la creazione di basi militari russe in Messico.

Allora vedremo se “quelli di Guantánamo” sono così democratici e rispettosi della sovranità dei popoli.

 B23gPE4IcAEiQRu

La primavera araba, le legittime proteste ucraine contro il governo (poi dirottate dall’alto per favore una fazione a spese dell’altra), i disordini messicani, Ferguson (USA), le sempre più frequenti e irose proteste in Europa, il reclutamento dei giovani musulmani europei alienati da parte di ISIS.

Bisogna essere ciechi e sordi per non riconoscere una tendenza, una logica interna a questi eventi, che va nella direzione di una rivoluzione globale.

Milioni di persone soffrono e hanno deciso che non ne possono più. La miccia può essere qualunque cosa: un venditore ambulante che si dà fuoco (Mohamed Bouazizi), oppure degli studenti massacrati e poi bruciati e un procuratore generale che si alza da una conferenza stampa dicendo: “basta, sono stanco” – “ya me cansé” (Messico).

Gli oligarchi possono continuare a tirare la corda, ma prima o poi si spezzerà.

Nei paesi più poveri, ma anche in quelli più ricchi (e impoveriti).

La loro avidità è il loro tallone d’Achille: il bisogno compulsivo di accumulare più ricchezze di quanto potrebbero spendere in centinaia di esistenze continua a forzare la loro mano, costringendoli a privatizzare e precarizzare tutto e usare la minaccia della violenza, o la violenza minacciosa, per continuare questo loro gioco. Loro malgrado, più useranno la forza bruta per tenere a bada le masse, più le masse capiranno con chi hanno a che fare: “o noi, o loro”.

Obama fornirà il suo pieno sostegno ai rivoltosi messicani? Oppure quelli ucraini sono buoni mentre quelli messicani sono cattivi, anche se le rivendicazioni sono le stesse e i governi mal-governano allo stesso modo?

I tempi sono ormai maturi per la rivoluzione globale (effetto domino).

Esercizi di analisi predittiva per il periodo 2015-2020

The time of world revolution is drawing near

B2v8PnmCYAEW3B4B3B5piHCQAEkqHHB2BvttwCUAEZQR2B1-KHJCIcAA3toL200620052000

« Older entries

WazArs

mestieri d'arte, manualità creativa, diplomazia culturale ed economica

Speedbird

Clean living under difficult circumstances

Darwin on the rocks and around the world

Photography and travel blog

Real Science

"Science is the belief in the ignorance of the experts" - Richard Feynman

The Great Sea

Truth is relative to personal bias

The Worst Backpacker

I don't like dorms and I certainly don't camp - but surely I'm not the only one? Here lies a fractured guide into my world of attempted travel, people, places and faces. But most of all, it's about getting happy and staying happy.

FuturAbles

social forecasting

sunshine hours

Climatologists Are No Einsteins (PS It's the Sun!!!)

philosophyofmetrics

A measure of cultural performance and production.

il diritto c'è, ma non si vede

il blog di informazione e approfondimento giuridico sul Giappone - a cura di Andrea Ortolani

Scritture Nomadi

Il cammino della narrazione

tsiprastn

appuntamenti, notizie e opinioni dalla piazza virtuale dei comitati Trentini a supporto della lista "l'Altra Europa con Tsipras" per le elezioni europee di maggio 2014

PICCOLA ERA GLACIALE

PiccolaeraglacialeWordPress.com

contro analisi

il blog di Francesco Erspamer

Notes from North Britain

Confessions of a Justified Unionist

Civiltà Scomparse

Tra realtà e immaginazione

Trentino 33

GRUPPO DI RIFLESSIONE PER TRENTINO “2013-2033”

PoetaMatusèl's Poetry Pages

* POESIA LIRICA, D'AMORE E DELLA NATURA * LOVE, LYRIC AND NATURE POETRY *

Donata Borgonovo Re

Durante un incendio nella foresta, mentre tutti gli animali fuggivano, un colibrì volava in senso contrario, con una goccia d’acqua nel becco. “Cosa credi di fare?” gli chiese il leone. “Vado a spegnere l’incendio!” rispose il colibrì. “Con una goccia d’acqua?” disse il leone, con un sogghigno ironico. E il colibrì, proseguendo il volo, rispose: “Io faccio la mia parte”. (Favola africana)

pensiero meridiano

La lotta di classe non è soltanto il conflitto tra classi proprietarie e lavoro dipendente. È anche «sfruttamento di una nazione da parte di un’altra», come denunciava Marx Il punto di vista del pensiero meridiano è il punto di vista dei Sud del mondo, dall'America Latina al nostro Mezzogiorno, quella parte della società schiava di squilibri ancor prima di classe che territoriali.

giapponeapiedi

idea di viaggio prevalentemente a piedi nel Giappone tradizionale

Dionidream

Sei sveglio?

The Next Grand Minimum

To examine the social and economic impacts of the next Grand Solar Minimum - See About

Imbuteria's Blog

Just another site

quel che resta del mondo

psiche, 'nuda vita' e questione migrante

SupremeBoundlessWay

For the Sake of All Beings

~ gabriella giudici

blog trasferito su gabriellagiudici.it

Notecellulari

Il Blog di Maria Serena Peterlin

10sigarette

Carpe Diem

Cineddoche 2.0

Il cinema è la vita, con le parti noiose tagliate (A.Hitchcock)

Club UNESCO di Trento

2014: L'Anno Internazionale dei Piccoli Stati Insulari in via di Sviluppo

The Passionate Attachment

America's unrequited love for Israel

GilGuySparks

The guy was nothing but a pain in the ass

Insorgenze

Non lasciare che la scintilla venga del tutto spenta dalle legge - Paul Klee -

L'impero cadente

come crolla l'impero degli angli, dei sassoni e dei loro lacchè con rovina e strepito

"Because every dark cloud has a silver IODIDE lining..."

Sentieri Interrotti / Holzwege

Il blog di Gabriele Di Luca

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 145 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: