Israele e Turchia, mano nella mano, verso l’abisso

Chi deve vivere in mezzo a loro, crede che lo stiano portando in manicomio o che ci sia già entrato.

Come Asia Times Online aveva già segnalato (vedi “Una febbe, che verrebbe da bombardare” , 8 agosto 2012), a Tel Aviv sembra mancare pochissimo per passare dalla guerra economica, già dichiarata contro l’Iran, alla guerra calda.

Date un’occhiata a questa follia: [Nota 1] Il duo guerrafondaio Bibi-Barak (il primo ministro Bibi Netanyahu e il ministro della Difesa Ehud Barak), potrebbe essere pronto a sferrare un attacco contro l’Iran – malgrado il parere contrario dei massimi esperti della difesa e dell’intelligence di Israele.
Barak potrebbe anche aver avuto accesso ai rapporti segreti dell’Intelligence statunitense, infatti ha dichiarato: “probabilmente c’è davvero un rapporto dell’intelligence americana – non so se è  uno del NIE [National Intelligence Estimate] – che gira per gli uffici dei piani alti [di Washington]”
“Possibile?” “Vero?” “Non lo so?” Ma questa serie di ipotesi può essere una giustificazione per cominciare una guerra “calda”?  Poi Barak ha aggiunto: “Per quanto ne sappiamo la valutazione americana è molto simile alla nostra”.

Non proprio. Ecco la risposta di un portavoce della Casa Bianca del National Security Council:  l’intelligence americana rimane della stessa idea. Cioè, l’Iran non sta portando avanti nessun programma di armi nucleari.

E se ci fosse bisogno di altre conferme, Washington sembra avere un quadro abbastanza chiaro sullo stato del progetto nucleare iraniano. [2]

Secondo il portavoce della Casa Bianca Jay Carney, “Vorremmo sapere se e quando l’Iran, ha fatto quella che viene chiamata una svolta verso la produzione delle armi.”

Per il micidiale Bibi, questo ovviamente non è abbastanza. Non importa che – tecnicamente e logisticamente – Israele semplicemente non abbia quello che serve per condurre con successo un attacco contro gli impianti nucleari iraniani.   Date un’occhiata alle ipotesi su questa cartina geografica. [3] Per cominciare, Israele non ha i MOP GBU-57A  di ultima generazione, le bombe anti-bunker per colpire le profonde installazioni sotterranee iraniane. Non ha nemmeno i bombardieri Northrop Grumman B-2 , che servono per buttare le bombe. E non ha abbastanza Lockheed Martin KC-130, gli aerei cisterna (ne ha solo 5, ma gli Stati Uniti ne hanno 80) per il rifornimento in volo degli  F-15 e F-16.

Non ci sono prove che l’amministrazione Obama abbia intenzione di autorizzare il Pentagono a fornire a tempi brevi tutto quanto serve al duo Bibi-Barak.
E cerchiamo di mettere un pizzico di salute mentale in questa follia – per gentile concessione del buon vecchio Yevgeny Primakov, ex Capo Supremo del KGB durante la guerra fredda e Ministro degli Esteri Russo. Primakov lo dice  chiaro, si andrà avanti per attaccare l’Iran, e poi, inevitabilmente, torneranno indietro per paura della  bomba. [4]

Nel frattempo, ad Ankara …

La Turchia sta per entrare nel nono cerchio dell’inferno (curdo)?

Il Segretario di Stato americano Hillary Clinton è appena stata in Turchia, prendendo un atteggiamento molto libico, tipo “Venimmo, vedemmo, morirono”  come se volesse riproporre il suo ruolo di Angelo della Morte, che attende la fine imminente di Bashar al-Assad.

Non così in fretta. Lo stesso vale per il Dipartimento di Stato sul Primo Ministro turco Recep Tayyip Erdogan  per influenzare la sua decisione Shakespeariana “ Invadere o non invadere” la zona occidentale del  Kurdistan siriano.

Il fatto è che il partito AKP di Ankara non chiederebbe nemmeno il permesso al Parlamento turco, semplicemente invaderebbe il Kurdistan siriano, anche se un gruppo di generali turchi languisce in carcere, accusato di tramare un colpo di stato. Tre brigate turche, carri armati e artiglieria si trovano già a due soli chilometri dal confine con la Siria.

Ankara è entrata nel Kurdistan iracheno già decine di volte per inseguire i guerriglieri del PKK (Kurdistan Workers Party). La trama si infittisce, perché allo stesso tempo Ankara ha scambi commerciali molto stretti e relazioni diplomatiche con il governo regionale del Kurdistan (KRG), infatti Ankara è ora in contrasto con il governo di Nuri al-Maliki a Baghdad,  che ha iniziato ad importare petrolio curdo direttamente , bypassando il governo centrale iracheno.
Il Ministro degli Esteri turco Ahmet Davutoglu è andato di persona a Kirkuk e Irbil per firmare l’accordo con Massoud Barzani, il presidente del governo regionale del Kurdistan (KRG).

Pensando  come fanno in “Pipelinestan” è inconcepibile, e fa  rodere parecchio, che le grandi società petrolifere occidentali vogliano comprare tutto il petrolio possibile dal Kurdistan iracheno (così come dall’Azerbaijan) – aggirando così l’Iran e la Russia.

Una “invasione” turca del Kurdistan siriano non sarà certo  un problema in termini di relazioni tra Turchia e quella specie di democrazie del Consiglio di Cooperazione del Golfo, dopo tutto il Qatar e la Casa Saudita stanno lavorando fianco a fianco con la Turchia per una totale destabilizzazione della Siria.

Ma il regime di Assad interpreterà questa “invasione” come una guerra contro la Siria – non solo contro il Kurdistan siriano. Dopo tutto la Turchia ospita non solo il Consiglio Nazionale Siriano (SNC), ma anche migliaia di uomini che appartengono a bande non proprio del Libero Esercito Siriano (FSA), inclusi i salafiti-jihadisti. La Turchia è la loro base logistica.

E come la prenderanno se si vedranno tornare indietro, ad Ankara e a Istanbul, una sfilza di cadaveri?

Il folle gioco del potere turco di Erdogan potrà essere una rovina. L’esercito turco, la borghesia commerciale, la burocrazia laica, tutti si stanno stufando sempre più dei suoi sogni napoleonici;  ospita il FSA, pieno zeppo di jihadisti; contrabbanda  armi verso Siria e Qatar a fianco dei sauditi; mette batterie antiaeree e persino missili sul confine;  minaccia di invadere il Kurdistan siriano.

E’ veramente troppo. Ma poi, forse, ci ripensa.

Il pio desiderio di Ankara è qualcosa di grandioso –  una fantasia neo-ottomana – che sicuramente prevede una specie di annessione economica del nord dell’Iraq e del nord-est della Siria, zone piene di risorse energetiche – e la Turchia ha un disperato bisogno di energia. Il problema è che tutta questa parte è abitata soprattutto da curdi.
Anche i curdi iraniani sono già in agitazione. [5] Che può  succedere se, anche i 17 milioni di turchi curdi decidessero, di mettersi in moto?  Erdogan potrebbe dover affrontare il peggiore incubo della Turchia, l’emersione del Grande Kurdistan.

La Turchia confina con Iraq, Siria e Iran. I curdi stanno cominciando a percepire un cambiamento storico. Rick Rozoff di Global Research [6] giustamente sostiene che “la Turchia fornisce alla NATO – e per mezzo della NATO, il Pentagono – l’accesso diretto a queste tre nazioni”. Ma questo può andare ben oltre e cioè arrivae a “una nuova redistribuzione del Levante che cambi il modello anglo-francese dell’accordo Sykes-Picot del 1916″.

Per una Turchia neo-ottomana, la NATO e il Pentagono potrebbero essere d’accordo, almeno per il momento. Ma una balcanizzazione del Levante può solo portare alla nascita del Grande Kurdistan. Si possono anche intendere quali siano gli interessi strategici di Washington, ma quando Erdogan si sveglierà e capirà come è disegnata la nuova realtà – a cui si è arrivati con le sue politiche – potrebbe essere troppo tardi.

Pepe Escobar è autore di  Globalistan: How the Globalized World is Dissolving into Liquid War (Nimble Books, 2007) e Red Zone Blues: a snapshot of Baghdad during the surge. Il suo ultimo libro è Obama does Globalistan (Nimble Books, 2009).

Fonte: http://www.atimes.com Link: http://www.atimes.com/atimes/Middle_East/NH14Ak02.html 13.08.2012

Tradotto per http://www.ComeDonChisciotte.org da ERNESTO CELESTINI

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: