L’Heimat Luminosa e l’Heimat Oscura: dalle Piccole Patrie alle Terracorti



Stefano Fait, L’Heimat Luminosa e l’Heimat Oscura: dalle Piccole Patrie alle Terracorti, Medium


templari dante


Hillary Clinton e gli alieni

UFO Ex NASA Scientist Bob Oechsler BBC Radio 1 DJ Nicky Campbell

(N.B. Non pubblico una cosa del genere tanto per fare)

1993 Radio 1 D.J. Nicky Campbell Interviewed Bob Oeschler ex NASA scientist (Mind Blowing Info)
Topics Covered :
Government cover ups,
Aliens and ,
Alien Crafts,
Indoctrination Program,
Government Alien Barter Arrangements,
UFO Disk Technology,
Telepathic Communication,
Alien Species Description,
Alien Agenda
Alien Abductions,
Human Emotion Head Gear,
Anti Gravity,
Time Travel,
Gravity Manipulation,
warping space and time,
antimatter reactor,
Super Heavy Gravity Fuel,
Moon Missions.


NC (Nicky Campbell)> Bob, how long were you with NASA?


BO (Bob Oechsler)> I was with NASA in the mid-seventies, working on several

projects, including the Apollo-Soyuz test project. I worked on the

docking collar that mated the two craft. I also worked on the Inter-

national Ultraviolet Explorer, several deep-space projects, and some

Department of Defence projects.


NC> And in the end, you’ve left, and you’ve sort of come out of the UFO

closet, if you like?


BO> Well, I don’t know if you’d call it the UFO closet, actually.


NC> Is it not rather embarrassing for your ex-colleagues in the light of

what you’ve said about alien retrieved craft, and so forth? You’ve

spilled a few beans that, were I to believe your story, they would

have wanted to keep in the can.


BO> Well, that’s partially true, but from what I got, you see, I ended up

getting guidance. I was called in because of my expertise in remotely

operated airborne robotic systems to evaluate some activities that had

been recorded on video films. There was some rather extraordinary

physics. In fact, it appeared as though the objects were violating

the laws of physics as we know them.


NC> Hang on. NASA called you in to analyse these video films?


BO> No, I wasn’t called in by NASA, I was called in by an agency in

Washington, D.C., a couple of different agencies, in fact, that

had been addressed. One was the Department of the Navy.


NC> Had you left NASA by this point?


BO> Yes, I had. I was asked to use the facilities of the NASA facility

at Goddard Space Flight Centre to review some of the video films that

had been recorded recently.


NC> By whom?


BO> Actually, the first one had been recorded by a custom builder who

happened to see an object flying around behind the high school behind

his home in this little town of five thousand people down in the north-

west panhandle of Florida, and I had the opportunity to spend a good

bit of time – five months, in fact – doing an analysis of this at the

Goddard Space Flight Centre in Greenbelt, Maryland.


NC> Courtesy of NASA?


BO> Yes. They gave me the operational facilities there to use for the

analysis project.


NC> So they’re not greatly embarrassed by the fact that you’re looking

into alien life forms and so forth?


BO> Well no, they didn’t really know what it was. In fact, they were

probably hoping that I would be able to discover that this was some

kind of a hoax, that somebody had a radio-controlled model, or some-

thing like that.


NC> That’s not what you discovered?


BO> No, in fact, an optical physicist with the navy was the one that

really initiated the interest in getting an analysis done, because he

was observing some things that he couldn’t quite explain. So I got

involved in the project and, extraordinarily enough, we were able to

determine that there was absolutely no possible way this could have

been a model flying around. This thing was exhibiting capabilities

of extraordinary direction reversals – at low speed, but with no

deceleration or acceleration.


NC> How did NASA react to your findings, your investigations?


BO> They didn’t have a reaction. There was never any official reaction.

They were just more or less bystanders and interested in the results.

What we later discovered was that, as a result of that, we later

sought guidance from the highest levels of the intelligence community,

in particular Admiral Bobby Ray Inman, who was the National Security

Agency deputy director at the CIA, a host of other intelligence posts,

and a technologist, and there was a sort of camaraderie just

established from that. He had informed me in a documented recorded

telephone conversation – inadvertently recorded, actually – that the

United States government had possession of extraordinary hardware in

operational condition that was of non-human origin and manufacture.

Of course, the public popular term is UFO.


NC> Have you seen them?


BO> I have indeed.


[The interview breaks for a record – David Bowie’s “Loving the Alien”.]


NC> We’ve got to the point in your story – and you’re only in the U.K.

on a flying visit, you came on a plane, not a UFO.


BO> Right, we had to leave the disk in the shop. We didn’t have time

to change the oil every 55000 miles.


NC> But you’re deadly serious. This isn’t a wind up, is it? You’re

going to come to some of the technology of it later on, and it’s

absolutely rivetting. You’ve seen, you say, retrieved craft. What

was the expression you used, hardware?


BO> Operational hardware, right.


NC> You’ve seen this? In whose possession was it?


BO> I’ve seen it in both situations. I’ve seen it where they were being

piloted and guided by presumably non-human pilots. They clearly were

not remotely operated vehicles.


NC> Have you seen it in US governmental care?


BO> Yes, and I’ve talked to a number of test pilots who have worked on the

projects and test-flight programmes, worked with what you might call

mechanics or actually physicists who worked on propulsion systems

related to the vehicles and they report some rather extraordinary



NC> How close did you get to one of these things?


BO> I’ve been within about two hundred feet. That’s about the closest I’ve



NC> Why no closer to them?


BO> In the case of vehicles that were operated by non-humans, it was

surprising that I was able to get that close, because I certainly

didn’t have any control over that situation. And, in the case of

US military…


NC, interrupting> Yes, that’s what I was talking about.


BO> … and intelligence, due to a variety of security and safety

restrictions, really.


NC> Were they extremely guarded about this operational craft, even given

the fact you were an official, in certain ways? Were they not

extremely guarded and nervous that anyone was seeing it, beyond a

chosen few?


BO> Well, again, we do have it on record that these issues are covered

under national secrecy laws. However, there’s somewhat of a dichotomy

that exists here. Yes, the technology is highly classified. But the

issue of the vehicles themselves, of the presence of the intelligent

species behind them, is the subject of an indoctrination programme,

especially in the United States. But it’s also worldwide, I’ve found.

Studies have been been conducted, back in the very late fifties – paid

for by NASA, actually – conducted at the Brookings Institution in

Washington, D.C., regarding the implications of a confrontation with

an extraterrestrial culture. Whether or not this information should

be withheld from the public, what the outcome would be.


NC> Yes, because the outcome is fairly shattering. It shatters many

illusions, moral, religious, ethical, the whole bit.


BO> Exactly. In the economic arena is of course what the biggest concern



NC> So, as a corollary to what you’re saying, why are they not extra

careful that people like you didn’t wander in and have a look, which

you evidently did, and come over and talk about it on radio shows and

television shows, which you evidentially are?


BO> Well, because, in effect, I end up, wittingly or unwittingly, playing

a part in their indoctrination scheme. The idea is, in order to solve

the problem of the chaos created by public disclosure, it was deter-

mined, back in the late sixties, that the solution to avoiding chaos

was a slow, long term indoctrination programme. The intelligence

community got involved in development of films such as “Close

Encounters of the Third Kind”, and “E. T.”.


NC> So, briefly, what is your role in this. Why are they quite relaxed

about the fact that you’re talking like this? You talked about

security regulations. Presumably you’re breaching all of these. Why

are they relaxed about it?


BO> Again, it’s like I say, there is in fact an indoctrination programme,

and I’m essentially playing a part in that.


NC> You’re a drip feed?


BO> You could say that. I mean, the difference would be, you could either

have lunatics running about talking about aliens and extrterrestrial

spacecraft without any basic background knowledge of what they’re

talking about and just speculating wildly, or, you could have somebody

who actually knows something about it, or several people who something

about it, to set the record straight, and to provide that information.


NC> Right, lets have some more music…


[Nicky plays Chris de Burgh’s “A Spaceman Came Travelling”.]


NC> So, you were within two hundred feet of this craft, Bob, which you say

was a retrieved craft in operational order. What did it look like?


BO> Again, I don’t know that you could say that it was a retrieved craft.

As far as I’m aware, it just as well could have been given to us. It

certainly wasn’t shot down. It could have been provided; maybe there

was some barter arrangement.


NC> A barter arrangement? I’m going to write that down. I’ll come back to

that – barter arrangement, given – because that strikes an interesting

note. What did it look like?


BO> Well, it was about a thirty foot diameter disk-shaped craft. It had a

small dome around the centre. There were protruding flanges equidistant

around the outer edge. There was some kind of apparatus hanging down

from the bottom. It was ‘floating’ above the ground, probably at about

ten feet altitude. A tremendous amount of plasmatic light with various



NC> Sorry?


BO> Plasma. It’s a very, very bright white light. It’s caused by inter-

action of a very high electrical voltage field around the disk. In

fact, I was able to learn that the reason why they use circular type

of craft is in order to contain the high-voltage field, so you don’t

have a corona discharge.


NC> Sorry?


BO> On ordinary powerlines you might have seen thses round spherical

resistors – no, capacitors – they put on these power lines. That’s

to avoid a discharge of electricity that might zap somebody driving

by in a car.


NC> There may well be a lot of astrophysicists listening, but I’m not one

of them. Suffice it to say, this is a highly sophisticated looking

piece of equipment. How do you know it wasn’t made here?


BO> Because I was told, for one, plus, I also interviewed an official of

the Canadian government who was actually on board the craft, and

visited with the intelligence that was on board.


NC, after a long pause> He did what!?


BO> You seem stunned. [He chuckles.]


NC> Yes! He did what with the intelligence on board?


BO> Visited with them, communicated, interacted. The individual, I

believe, was taken on board. Probably without being asked, like



NC> Did you speak to this individual of the Canadian government, about



BO> Yes I did. I communicated with the individual, and arranged to have

conducted a military polygraph exam.


NC> That’s a lie detector?


BO> Yes, indeed.


NC> And what was the result of that?


BO> Well, let me put it this way. The polygraph examiner said at the

beginning when we started on this thing [that] there was absolutely

no way, this individual must be making this up. When we completed

the exam, approximately a week of extraordinary work – just to

construct the proper questioning procedure – the polygraph examiner

came away scrathcing his head, convinced not only was the witness

telling the truth or believed exactly what the witness was saying,

but also that this was not any form of hallucination or fantasy.


NC> The witness, as you call this Canadian gentleman, was the only person

on board?


BO> You can call him a gentleman; I’ve been very careful to keep neutral

with regard to gender.


NC> Ah, so it was a woman!


BO> [Laughs] Interesting conclusion.


NC, laughing> You may be a scientist, but I know a bit about logic myself.

This is amazing. What did this person – he or she, or it, or whatever

– relay about their ‘conversations’ or communications, I should say,

with the intelligent life-form?


BO> Well, intriguingly enough, one of two entities that she had a direct

encounter with apparently was dying, was quite ill. They apparently

were conducting operations against their will, indicating that they

were under the control of some other intelligence, shall we say. I

don’t know what the other intelligence was, or, at least, I’m not at

liberty to say what the speculation is at this point.


NC> Well, what is the speculation? You can tell us.


BO, sounding very nervous and evasive> I’d prefer not to get into that end

of it. Let’s just say that.


NC> Why not? I’m not asking you to, but why not?


BO> Well, I think it would probably be inappropriate because it could in

fact be rather indictable to a particular species of human, shall we



NC> Us, in other words?


BO> Well, not us, but a specific nationality of human was referenced in

this encounter, and it wouldn’t be proper or fair to suggest or indict

some nationality. It wouldn’t be ethical.


NC> They were being made to do this against their will? And how did they



BO> Telepathically. Which is an interesting study in itself. Telepathic

communication is quite intriguing because we’ve been able to learn

that you can have five different individuals in a room all speaking

different tongues, and a telepathic communication can be transmitted

to all five simultaneously and the translation effect takes place

within the individual. So, ironically enough, you don’t have to know

the language to conduct telepathic communication with somebody.


NC> If we could do that, I’d know exactly what you were talking about with

that particular species of human a few minutes ago. What did they

look like?


BO> They were approximately four feet tall. They had self-luminating skin

[which] was a bit on the yellowish-white. The eyes were rather large

[and] black – we don’t know if it was actually a coating because of

sensitivity to the eyes, but it looked like these big wraparound sun-

glasses they used to have a couple of decades back.


NC> And they were wearing clothes?


BO> They were wearing black jumpsuit type of clothing, right.


NC> Very natty! Let’s have some more music.


[He plays Jimmy Cliff’s “Wonderful World”.]


NC> [I have] Bob Oechsler, ex-NASA mission specialist with me. Earlier

on, Bob, you were talking about the fact that this craft may well

have been given as some sort of barter arrangement. You’ve got to

tell me more about this.


BO> Well, the fact that I was able to learn that at one facility at which

I understand – there are several but I’ve not visited them – there is

housed nine different types of craft. I assume, all in operational

condition, from what I was told, by people who were there. And to

have an operational craft, you would assume it didn’t crash somewhere

and was recovered. Presumably it wasn’t shot down or you’d expect to

find some sort of damage to it, unless of course some method of

electromagnetic pulse weapon system or something like that might have

been used to disable the craft. And again, you’d expect to have some

sort of damage in the retrieval operation.


NC> So you’re maintaining that there’s some sort of deal going on between

the US government – or the allied governments, whatever they’re called

in this new world order – and some alien life-form. There’s some sort

of arrangement?


BO> Well, I asked Admiral Inman that question, if he was aware of any

ongoing dialogue today – I probably should have left off the word

‘today’, because he indicated not to his knowledge. However, I did

get the impression that from the period of 1979 to 1982 that there

very well could have been some form of dialogue going on with at least

one species. That opens up another Pandora’s Box, because the evidence

suggests that there’s more than one species involved, just like there’s

more than one nationality of human being, or species if you will.


NC> You’re talking about more than one Genus?


BO> Apparently so. Even in this one, the creatures that I described just

a while ago, it clearly appears that there are different species of

those. We find different features like, for example, the same typical

species will have a snout nose feature whereas others will have

virtually no facial features – nose, mouth, or anything like that.


NC> What do they want from us?


BO> Well, that again is a very difficult question to answer because that

would presume that we had some knowledge of the alien agenda. We don’t

really know what the alien agenda is. We can only derive from analysis

the facts of what we see. Clearly, what is going on, there is, aside

from the fact that there is a genetic engineering programme – and

that’s another mix altogether – but apparently they have abducted –

that’s a term that’s been commonly used – human beings from all walks

of life, with no apparent rhyme or reason to the selection process for

at least four generations now. We’ve been able to document that they

have been taken, given medical examinations, extract semen from males,

extract eggs from females, fertilise eggs to a half-breed shall we say,

re-implant the egg in the womb. The female, of course, is pregnant,

will carry the foetus for three months, and will be re-abducted and

the foetus extracted. In some cases we’ve had twins where one of the

twins was extracted just before birth, which is going to be quite a

shock for a mother who has been told she’s having twins…


NC> This is going on?


BO> This is going on, absolutely, right now, today, in very significant



NC> The government knows about it?


BO> Absolutely.


NC> And they’re quite happy about it because some deal’s been done?


BO> We’ve evaluated as many as three thousand cases in North America.


NC> Out there in outer space, there’s a whole load of half-breeds going

around – half alien, half human?


BO> We don’t really know what the purpose is, anything like that. Maybe

they’re trying to seed anothe planet, who knows what? There’s been

speculation about that they’re on the downside of some sort of

evolutionary curve, they’re trying to reinstitute some lost qualities

or something or other. We have also had some rather extraordinary

cases, quite a number, really, involving the study of human emotions,

where they will create a scenario, almost being able to create a

psychosomatic environment. Those who’ve seen the new features of

“Star Wars – Deep Space Nine” – they have a holodeck where they seem

to be able to simulate a thing – it’s almost as if that sort of

environment is created in order to extract or elicit from a human

being a specific emotion. They’ll take that individual into a

specific room. We’ve identified the specific apparatus that they use

to put on the head of the individual. They’ll put a similar apparatus

on the head of one of the aliens. They will somehow trigger a reflex

mechanism, if you will, and force the human to relive the experience

mentally, and transpose the whole emotional process to the entity.

And then that one will get up, they’ll bring another one in, and

they’ll go through this process twelve times for the same incident,

for example. It’s kind of remarkable, because one might assume gee,

with this kind of technology you’d think they have the ability to do

a multiple memory dump or something or other, but, that’s clearly not,

those aren’t the facts of what we’re getting in these cases.


NC, taking a deep breath> Blimey! Bob Oechsler is my guest tonight, and

I’m going to have a chat to Bob about the technology of these craft.

Are we using this technology? How do these UFOs work? He’s studied

that and has got some interesting things to say. After this from

Joan Armatrading.


[Joan Armatrading’s “Drop the Pilot” is played.]


NC> They’re retrieved alien craft, landed alien craft, that have been

given to us as part of a barter with another life form. He’s talking

about the fact that humans have been taken on these craft. This is an

ex-NASA scientist here. He says it’s just a matter of time before all

this information is commonly known, sometime within the next century,

no doubt. But they’ve got to drip feed it to us, because it’s too

much for us all at once. It’s certainly too much for me at this time

of night, Bob, but you are a scientist. How do these spacecraft work?


BO> It’s a very fascinating science.


NC> Don’t be too technical.


BO> I’ll do my best. As Carl Sagan often has said, it’s not logical for

us to even consider travelling to the nearest star system due to the

concepts of linear travel. It doesn’t matter how fast you go. Even

if you approach the speed of light, you’ll still have to go from point

A to point B and, whatever that distance in light-years is, it takes

too long for us to consider feasibly going there and coming back.

Well, if you can eliminate some of these concepts – which has

apparently happened with these craft, what they do is, they’re able

to manipulate time, which is something we’ve been very much aware of

for a couple of decades at NASA – that gravity slows down time in

contrast to what we normally think of as sixty seconds a minute, and

so on. There is a constant relative to that except in one place, in

terms of the gravity. In other words, the gravity field is the same

on the surface of the earth but, when you leave the surface of the

earth strange things begin to happen, in terms of time. The fact is

that time speeds up the further away from a gravity influence you get.

Well, these machines create intensified gravitational fields which,

in effect, slow down time as we see it, and are able to cut down on

the amount of time it takes to go from point A to point B. The other

point is that, if they’re able to focus a gravity field on another

point, they’re able to stretch or pull together points A and B. If

you view space as like a waterbed, if you put a bowling ball in the

middle of the waterbed, the bed kind of wraps up around the ball.

Well, this is very typical of what happens in space. If you create

an intensified gravitational field you warp the distances between the

two. In other words, shortening the distance between A and B, making

the whole concept more feasible. That’s in a nutshell, really, how

these things operate is by warping space and time, and getting into

some real interesting astrophysical sciences, it interprets into a

much more feasible method of travel.


NC> So it’s not like getting from A to B, the old linear travel? The

technology is kind of anti-matter?


BO> There are some systems that use what is referred to as an anti-matter

reactor, which is a powerful system. It uses super-heavy elements,

well beyond what we have been familiar with traditionally, like

Uranium. They are able to capitalise on, apparently – there is a

low grade B-gravity wave, which is different than the atomic gravity

that holds molecules together – they’re able to capitalise off that

and amplify it. They use a series of amplifiers in order to focus it.

It’s a lot easier to focus three points than it is to just try and

focus one. Typically, with a telescope, we’ll just try to focus one.

What we’ve learned in deep-space science, like in the SETI project,

is that if you put one antenna here and one in Arecibo, and you split

three around the planet, you can actually focus three different points

and get a much bigger telescopic view. Well, this is very similar to

the types of things they’re doing with gravity waves.


NC> So, presumably they’ve taken some of these elements heavier than

Uranium down here and we’ve now got them in our hands, and they’re

being examined?


BO> That’s another interesting phenomenon too, is that we apparently have

about five hundred pounds of the fuel shall we say, the heavy gravity-

stabilised fuel that the systems that are used. How we got that is

remarkable, because it only takes about 223 grammes to operate one of

these things and we don’t even know [for] how long. A lot longer than

the average car will last, I’ll tell you that.


NC> It’s amazing stuff. One last question: Why haven’t we utilised any

of this thus far?


BO> Well, actually we have, in quite a number of areas. The development

of the B2 Stealth bomber was one that I’m aware of where an anti-

gravity cavern was developed.


NC> Sure, an impressive machine, but it’s hardly a spectacular use of

alien technology. It’s not going to take us to another solar system.

So why haven’t we been to another solar system if we have known all

this for such a relatively long time?


BO> That would assume that we have a complete understanding of the

technology to go to another star system. The prospects are that we

probably have used it to go to the moon, but, right now it seems that

the focus at this point seems to be to learn how to adapt some of the

alien-derived technologies into applicable human uses, one of which

is to develop air transport that can carry large amounts of weight

over long distances without the fuel requirements that we typically

are confronted with.


NC> We’ve been to the moon using this technology, you think?


BO> I think that is true, yes.


NC> Moon missions we know about?


BO> That we don’t know about.


NC> There have been moon missions that we don’t know about?


BO> That’s my understanding, yes.


NC> Mmm. Well, we could go on all night, Bob. It’s been fascinating

having you in. I know you’re flying back tomorrow. Bob Oechsler,

investigations analyst, and a man with a good story to tell, if

nothing else. I think people will have enjoyed listening. Thanks

very much.


BO> Thanks for having me, Nicky.

[Nicky then plays The Police’s “Walking on the Moon”.]

L’alieno che c’è in me





una grande parodia di Alien (in dialetto trentino – “Alien e la Sloi”)


È quindi utile speculare sulle conseguenze delle rivendicazioni di carattere “giuridico” di eventuali extraterrestri, ora che la probabilità della loro esistenza è presa sempre più sul serio

Nassim Nicholas Taleb, The Black Swan: the impact of the highly improbable, 2007

Fidatevi di un alieno dissidente: quando “Nature”, “Huffington Post” e il “World Economic Forum” dicono di prepararsi alla scoperta di vita intelligente nell’universo e a un possibile contatto, è bene prepararsi:


Altri segnali che qualcosa bolle in pentola:





Poniamo che entro i prossimi due anni le stesse autorità che vi hanno mentito su molte cose vi informino che “la civiltà umana è restata in contatto con civiltà aliene molto evolute per migliaia di anni. Ci hanno aiutato a svilupparci e ora ci ritengono pronti per unirci a loro”.

Succederà, ve lo dico io (che sono un alieno).

Alcuni si entusiasmeranno e si uniranno ai miei colleghi, spinti da idealismo, dal desiderio di mettere fine alle ingiustizie e alla corruzione e dalla voglia di partecipare alla conquista dello spazio assieme ai “fratelli cosmici”.

Altri si interrogheranno su quali diritti possono esercitare dei Neanderthal rispetto ai Cro-Magnon (siamo quasi indistinguibili da voi).

In pratica nessuno, però è necessario capire che la legge del karma è una realtà universale e quindi la violazione della prima direttiva di Star Trek comporta dei costi:



Ecco come vi comporterete sotto la nostra guida (beh, non mia; io dissento):


Fosse per me, vi tratteremmo da pari a pari (regola d’oro). Ma gli altri preferiscono il paternalismo (es. Occidente nei confronti del Terzo Mondo) e lo schiavismo.

Le religioni monoteistiche hanno già preparato il terreno. I fondamentalisti cristiani credono nella “Rapture”/“Ascensione” e sono convinti che creature angeliche li condurranno nel Regno di Dio. Servi volonterosi: esiste uno scenario migliore di questo per un imprenditore cosmico? Nessuna violenza è necessaria, il valore della merce non si deteriora. È successo anche con gli Aztechi e il mito di Quetzalcoatl: meraviglia di fronte a certi miracoli, alcool per istupidirli > nessuna resistenza, consegna spontanea di risorse, tesori, donne, ecc. in cambio di perline. Ostracizzazione degli scettici.

Se la pensassi come loro la Terra sarebbe una pacchia. Popoli convinti di essere i prescelti da Dio; popoli che odiano altri popoli e li bollano come nemici di Dio e della loro civiltà; tendenza a cercare capri espiatori, a partecipare a crociate, a ragionare in termini binari (bianco-nero; sì-no), a credere agli “esperti”, ai media, ad una classe dirigente chiaramente soggiogata a sociopatici e corrotti. Senza verificare, se non in sporadici casi.

Una specie così infantile: è come rubare un lecca lecca a un bambino. Non c’è in giro qualcosa di più stimolante che conquistare e dominare questi pirla? È un po’ quello che pensano i miei simili.


Basta un’entrata in scena “alla grande” – alti, biondi, raggianti – e la dimostrazione delle nostre enormi capacità tecniche, come nella serie V (Visitors) e miliardi di umani si inchineranno e obbediranno, perché quello che cercate è la sicurezza. Non vi sentire liberi se siete insicuri e la sicurezza che vi è stata data è servita a sottomettervi. Ci basta completare l’opera. I credenti metteranno fuori gioco gli scettici. L’idea di peccato e il senso di colpa tornano sempre utili: chi si potrebbe opporre a dei visitatori che si offrono di porre rimedio al riscaldamento globale che siete già convinti di aver causato?

Ci saranno sempre degli utili idioti su cui contare per disseminare il messaggio che l’umanità è peccatrice, dev’essere punita per le sue manchevolezze e, una volta punita, può essere guidata sulla retta via.

Pecore e pastori: un gioco da ragazzi.
Ma alla lunga anche noioso, per questo mi sono chiamato fuori: è più eccitante fare il dissidente, la gola profonda: si fa anche più colpo sulle aliene (la psicologia delle quali non è troppo diversa da quella delle vostre donne).

Ancora più efficace del senso di colpa (funziona con le personalità di “sinistra”) è la paura (per le personalità di “destra”, ma anche di “sinistra” – in effetti con quelli di sinistra è un po’ come sparare sulla Croce Rossa).

I miei compari s’inventeranno una minaccia cosmica responsabile delle peggiori sevizie a cui sono stati sottoposti migliaia di umani dall’alba dei tempi. Il vecchio trucco del poliziotto buono e del poliziotto cattivo. Sono alleati, ma fanno finta di essere in contrasto. Funziona sempre. Ed è noioso pure quello: YAWN!

Quel che è invece reale è che il vostro pianeta sta per entrare in una fase a dir poco ballerina. Ci saranno degli “eletti” che potranno “ascendere” con la promessa di essere preservati da certe catastrofi. Dubito che rivedranno questo pianetino.

D’altra parte, come vi siete comportati nei confronti dei “vostri” indigeni? Pensate di meritarvi qualcosa di meglio?

Ah, vi ho fregati! Senso di colpa, vi frega sempre!

Fortunatamente ci sono quelli come me che sono schierati dalla vostra parte e sono qui per salvarvi.

Ah, fregati di nuovo! Paura e messianismo…

Mio Dio, siete veramente un caso senza speranza!

[psst! Senso di inadeguatezza]



“Francamente una teoria che non può più essere presa molto sul serio è che gli UFO siano astronavi interstellari.”

Arthur C. Clarke, New York Times Book Review, 07/27/75

“In realtà non esiste alcuna prova che queste siano velivoli o esseri che provengono dallo spazio”

Gordon Creighton, ufficiale 1992 Flying Saucer Dichiarazione di riesame della politica

“Gran parte della letteratura disponibile sugli UFO è strettamente legata con il misticismo e la metafisica. Si tratta di argomenti come la telepatia mentale, la scrittura automatica e le entità invisibili, nonché fenomeni come le possessioni e i poltergeist. Molti dei rapporti sugli UFO raccontano di presunti episodi che sono sorprendentemente simili alla possessione demoniaca raccontata nel folklore popolare”

Lynn E. Catoe, UFO e argomenti affini: USGPO, 1969

“Il comportamento UFO è più simile alla magia che alla fisica come noi la conosciamo…gli UFOnauti moderni e i demoni dei secoli scorsi sono probabilmente identici.”

Dr. Pierre Guerin, FSR Vol. Pierre Guerin, FSR vol. 25, No. 1, p. 25, No. 1, p. 13-14

“Le manifestazioni UFO sembrano essere, in linea di massima, solo variazioni di minore entità del fenomeno antico demonologico…”

John A. Keel, UFO: Operazione Cavallo di Troia, p. 299

Una conoscenza di scienze occulta… è indispensabile per serie indagini sugli UFO.”

Trevor James, FSR Vol. -Trevor James, FSR vol. 8, No. 1, p.10

“La ‘visita medica’ a cui gli addotti dicono di essere sottoposti, spesso accompagnata da sadiche manipolazione sessuali, è reminiscenza dei racconti medievali di incontri con i demoni e non ha senso alcun senso in un contesto sofisticato e tecnologico. Qualunque essere intelligente con a disposizione le meraviglie tecnologiche possedute dagli UFO potrebbe realizzare i suoi presunti fini scientifici molto più rapidamente e con meno rischi”

Dr. Jacques Vallee, Confrontations , p. Jacques Vallee, Confrontations, pag. 13

“La rappresentazione simbolica vista dai rapiti è identica al rito di iniziazione o viaggio astrale, che è incorporato nelle tradizioni occulte. La struttura delle storie di rapimenti è identica a quella dei rituali di iniziazione occulti…  gli esseri UFO appartengono alla stessa classe di manifestazione delle entità occulte che sono stati descritti nei secoli passati. “

Jacques Vallee citando la vasta ricerca di Bertrand Meheust [Fantascienza et Soucoupes Volantes (Parigi, 1978);  Soucoupes Volantes et Folklore (Parigi, 1985)], in Confrontations, pag. 146, 159-161

“L’occultista viene portato in comunicazione intelligente con gli spiriti dell’aria, e può ricevere qualsiasi conoscenza che essi possiedono o qualsiasi falsa impressione che questi scelgono di comunicare…”

GH Pember, Terra primi secoli e connessione con lo spiritismo e la teosofia moderna (1876), p. 254

“Queste entità sono incredibilmente intelligenti da farci credere che si prendono cura di noi.  Eppure il tormento in loro presenza sembra non cessare mai”

John Ankerberg, I fatti sugli UFO e altri fenomeni soprannaturali, p. 21

Sono stato avvolto dal terrore più estremo.  La paura era così potente che sembrava far evaporare la mia personalità completamente. Ciò che restava di me era un corpo in uno stato di paura soffocante…”

Whitley Strieber, Comunione, pag. 25-26

“Mi sentivo un senso di minaccia assolutamente indescrivibile.  La sola presenza di quelle entità era l’inferno, non saprei come altro descriverlo. Non riuscivo a muovermi, non poteva gridare, non poteva scappare. Avrei preferito morire piuttosto che subire quelle sofferenze interiori così atroci. Certo che erano demoni, cosa potevano essere?

Whitley Strieber, trasformazione, pag. 181

“But the UFO phenomenon simply does not behave like extraterrestrial visitors. It actually molds itself in order to fit a given culture.”

John Ankerberg, The Facts on UFOs and Other Supernatural Phenomena, p. 10

“Human beings are under the control of a strange force that bends them in absurd ways, forcing them to play a role in a bizarre game of deception.”

Dr. Jacques Vallee, Messengers of Deception, p. 20

“We are dealing with a multidimensional paraphysical phenomenon which is largely indigenous to planet earth.”

Brad Steiger, [cited in] Blue Book Files Released in Canadian UFO Report, Vol. 4, No. 4, 1977, p. 20

“Increasingly I felt as if I were entering a struggle that might even be more than life and death. It might be a struggle for my soul, my essence, or whatever part of me might have reference to the eternal. There are worse things than death, I suspected… so far the word demon had never been spoken among the scientists and doctors who were working with me…Alone at night I worried about the legendary cunning of demons …At the very least I was going stark, raving mad.”

Whitley Strieber, Transformation, p. 44-45

“I wondered if I might not be in the grip of demons, if they were not making me suffer for their own purposes, or simply for their enjoyment.”
Whitley Strieber, Transformation, p. 172

“Why were my visitors so secretive, hiding themselves behind my consciousness. I could only conclude that they were using me and did not want me to know why…What if they were dangerous? Then I was terribly dangerous because I was playing a role in acclimatizing people to them.”

 Whitley Strieber, Transformation, p. 96

L’invasione aliena è cominciata ;o)


Altro che Iron Sky! ;oD

Padre nostro, che sei nei cieli – ExtrArterrestre (sono poco ispirato ;o)

“Battesimo di Cristo” di Aert De Gelder

“Annunciazione” di Carlo Crivelli

Dettaglio della nube luminosa

“Esaltazione dell’Eucaristia” di Ventura Salimbeni

“Natività” del Pinturicchio (particolare)

“Madonna con Bambino e San Giovannino” di Sebastiano Mainardi o Jacopo del Sellaio

Dettaglio del pastore e della nube luminosa


Oggetto non identificato sui fondali del mar Baltico

Non funziona nulla, nulla di elettrico là fuori e il telefono satellitare ha smesso di funzionare quando eravamo sopra l’oggetto e poi ci siamo allontanati di circa 200 metri e si è rimesso a funzionare e quando siamo tornati sopra l’oggetto non funzionava il che è un po’ strano.

Stefan Hogeborn, subacqueo e fotografo sottomarino.

PREMESSA: non credo si tratti di un UFO/OVNI [anche perché non vola e quindi semmai sarebbe un UO o un ONI ;oDDDD]
Ma non sono neppure sicuro che si tratti di formazioni geologiche naturali. Già in passato si è minimizzata l’importanza di Yonaguni, oppure è stata ingigantita scioccamente ricollegandola al mito di Atlantide e screditando così il lavoro degli archeologi ed esploratori giapponesi. Spero che ufologi e minimizzatori di professione non rovinino tutto e consentano il finanziamento di future ricerche. La mia ipotesi è sempre la stessa: durante la glaciazione i livelli degli oceani erano molto più bassi ed è quindi verosimile che i nostri antenati abitassero laddove ora ci sono fondali marini. Un’altra glaciazione sarebbe dunque manna per l’archeologia subacquea (ma non per noi). Resta il problema delle anomalie elettromagnetiche. Il team si prepara a tornare, vedremo cosa scoprono.

STOCCOLMA – “Quando ci avviciniamo troppo, ad una distanza di meno di 200 metri, le nostre apparecchiature vanno completamente in tilt e si spengono”. Il team specializzato in ricerche subacquee che si è imbattuto, sul fondo dei mari ghiacciati della Svezia, nei resti di quello che viene rappresentato come un oggetto volante non identificato, ha raccontato la propria esperienza sui fondali del Mar Baltico.

Nel corso di rilievi oceanografici gli scienziati si sono imbattuti in qualcosa “mai visto prima”. Pensavano che si trattasse semplicemente di una strana formazione nelle rocce ma, dopo approfonditi esami l’oggetto “è apparso più come un enorme fungo che si sollevava di 13 metri dal fondo del mare, con i lati arrotondati e bordi irregolari”.

La scoperta risale a sei mesi fa quando la Ocean Team X, società che si occupa di scovare negli abiss navi affondate, è rimasta colpita da questo relitto particolare.

STOCCOLMA – C’è fermento nel mondo degli appassionati ufologi. Un team specializzato in ricerche subacquee si è imbattuto, sul fondo dei mari ghiacciati della Svezia, nei resti di quello che vienerappresentato come un oggetto volante non identificato. La squadra che sta operando sul fondo del mare si chiama Ocean Team X e si trova nel mar Baltico.

Nel corso di rilievi oceanografici gli scienziati si sono imbattuti in qualcosa mai visto prima. Pensavano che si trattasse semplicemente di una strana formazione nelle rocce ma, dopo approfonditi esami l’oggetto è apparso più come un enorme fungo che si sollevava di 13 metri dal fondo del mare, con i lati arrotondati e bordi irregolari. L’oggetto ritrovato ha un foro a forma di uovo conduce all’interno dall’alto. In cima all’oggetto gli scienziati hanno trovato anche strane formazioni che sembrano piccoli camini e sono annerite da fuliggine o qualcosa di simile.

Lo scienziato. «Durante i miei 20 anni di carriera subacquea, quasi 6000 immersioni, non ho mai visto nulla di simile. Normalmente le pietre non bruciano. Non riesco a spiegare quello che abbiamo visto, bisogna approfondire ancora», ha detto Stefan Hogeborn, uno dei subacquei di Ocean Team X che ha diffuso un comunicato ufficiale sul ritrovamento.


Prime luci sulla misteriosa struttura del Mar Baltico

L’oggetto misterioso del Mar Baltico. Clicca sull’immagine per ingrandirla.

Dopo le prime immersioni dell’Ocean X, la società svedese-norvegese sorta per capire cos’è lo strano oggetto che si trova nel cuore del Mar Baltico, risulta che esso è sì “misterioso”, ma certamente non si tratta di una nave aliena affondata in mare come in un primo tempo si era lasciato intendere.
Per capire di cosa stiamo parlando dobbiamo tornare indietro di circa sei mesi quando la società in questione, che si è specializzata nella ricerca di navi affondate nel passato, aveva scoperto nel cuore del Mar Baltico un corpo adagiato sul fondo del mare che dalle risposte del sonar sembrava essere un oggetto artificiale (vedi foto sopra), o almeno così dicevano i responsabili del team.

Fungo gigante
Dopo una notevole campagna pubblicitaria che ha fatto parlare di loro in tutto il mondo, la Ocean X ha deciso di analizzare l’oggetto da vicino, facendo immergere alcuni sommozzatori proprio sul luogo dove si trova la misteriosa formazione. E in questi ultimi giorni si hanno i primi risultati.

Il corpo principale dell'”oggetto” a forma di fungo illuminato dai sommozzatori. Clicca sull’immagine per ingrandirla.

Stando ai report si tratterebbe di un oggetto circolare che, nonostante l’esperienza dei sommozzatori, non è mai stato osservato in altre parti del mondo. “Inizialmente sembrava un corpo roccioso, ma ad un’attenta osservazione appare come un gigantesco fungo (vedi foto a sinistra) con un diametro di circa 60 metri che si eleva dal fondo del mare per 3-4 metri e come un fungo possiede dei bordi arrotondati”, dicono dall’Ocean X.

Secondo gli esploratori l’oggetto avrebbe un foro dalla forma simile ad un uovo sulla parte sommitale, come fosse un’apertura. E sempre sulla parte alta dell’oggetto vi sarebbero delle strane conformazioni di rocce come fossero dei piccoli focolai (vedi foto in basso). E il tutto sembra ricoperto da una specie di fuliggine.

Piccole rocce disposte a formare strutture simili a focolai.Clicca sull’immagine per ingrandirla.

Spiega Stefan Hogeborn, uno dei sommozzatori del gruppo di ricercatori: “Nei miei 20 anni di rilievi sottomarini, che contano più di 6.000 immersioni, non ho mai visto nulla di simile.

Non sono in grado di affermare cosa abbia visto là sotto. Mi sono immerso per tentare di dare una risposta a ciò che avevamo visto dalla superficie, ma sono risalito con più domande che risposte”.

I sommozzatori asseriscono poi, che dietro l’oggetto vi è una specie di pista (vedi foto sotto) al cui termine sta l’oggetto in questione. Sottolinea poi Peter Lindber, uno dei fondatori di Ocean X Team: “Dapprima ho pensato di essere di fronte ad un rilievo naturale, ma ora sono convinto che sia qualcos’altro. Inoltre non ho mai sentito parlare di attività vulcanica sul fondo del Mar Baltico e dunque il tutto si fa ancora più strano. E se proprio fosse una cosa naturale, certamente è la più strana che abbia mai visto”. Dal fondo sono stati riportati in superficie dei campioni di materiale che al momento sono oggetto di analisi.

Una scia sembra dipartirsi dall’oggetto e allungarsi per diverse decine di metri. Clicca sull’immagine per ingrandirla.

Fin qui, quanto arriva dal Mar Baltico, ma è giusto anche prendere queste notizie con le dovute pinze.
Sui fondi dei mari ci sono conformazioni rocciose che sulla terraferma non si sono mai formate proprio perché i “mondi” sono diversi.
Quindi poiché i sommozzatori di Ocean X non sono geologi, è ovvio che una formazioni geologica rara e particolare potrebbe sembrare a loro qualcosa di assolutamente anomalo. La scia che essi vedono potrebbe essere il risultato del rotolamento o del trascinamento di un gigantesco masso caduto sul fondo del mare dalla scarpata continentale.

Non va dimenticato infatti, che durante una delle ultime glaciazioni il Mar Baltico era completamente ricoperto da ghiacci spessi migliaia di metri in grado di trasportare corpi rocciosi di enormi dimensioni. Tuttavia è sempre buona cosa lasciare aperte delle porte ad altre interpretazioni fino al giorno in cui non si avrà la risposta certa.

La verità sulla nostra conquista di Caprica

Dedicato a tutti gli amanti di CapricaBSG, V-Visitors e V e a chi contrasta l’imperialismo umanitario in ogni sua forma.

“Non fare al tuo vicino quello che ti offenderebbe se fatto da lui” (Pittaco);

“Evita di fare quello che rimprovereresti agli altri di fare” (Talete);

“Quello che vorresti i tuoi vicini facessero a te, ciò sia anche per loro” (Sesto Pitagorico);

“Non fare agli altri ciò che ti riempirebbe di ira se fatto a te dagli altri” (Isocrate);

“Ciò che tu eviteresti di sopportare per te, cerca di non imporlo agli altri” (Epitteto);

“Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro” (Mt 7,12; Lc 6,31);

“Quel che non desideri per te, non farlo neppure ad altri uomini” (Confucio, Dialoghi);

“Non fare ad altri ciò che non vuoi che essi facciano a te” (rabbi Hillel, Sabbat);

“Nessuno di voi è un credente, fintanto che non desidera per il proprio fratello quel che desidera per sé” (al-Nawawi, Hadith);

“L’uomo dovrebbe comportarsi con indifferenza verso le cose mondane e trattare tutte le creature del mondo così come vorrebbe essere trattato” (gianismo, Sutrakritanga);

“Una condizione, che non è gradita o piacevole per me, non lo deve essere nemmeno per lui; e una condizione che non è gradita o piacevole per me, come posso imporla ad un altro?” (buddismo, Sanyutta Nikaya);

“Non bisognerebbe comportarsi verso altri in un modo che non è gradito a se stessi: questa è l’essenza della morale” (induismo, Mahabharata).

La popolazione terrestre non sa la verità su come abbiamo conquistato Caprica, ed è tempo che lo scopra.

Abbiamo sempre creduto che ciò che facevamo era il meglio per noi e per loro, che stavamo facendo un favore ai Capricani, che la nostra conquista non era distruttiva, ma soft, l’unica opzione giusta, logica, necessaria. Per questo ci siamo convinti che la loro sottomissione sia stata volontaria ed entusiasta.

Ma li abbiamo ingannati, manipolando la loro percezione della realtà, spacciando per canali diplomatici e donazioni tecnologiche (come segni della nostra buona volontà) delle strategie di disorientamento, distrazione, inganno e progressiva occupazione. Abbiamo insegnato loro che il loro vittimismo era una prospettiva sbagliata e che non eravamo oppressori ma fratelli e che la nostra missione doveva essere onorata, non contrastata. Volevamo sorrisi, non lacrime e alla fine ce l’abbiamo fatta. Abbiamo offerto loro conoscenza tecnica, ma non avevamo saggezza da condividere e forse abbiamo sradicato quella che ci avrebbero potuto donare loro. Se non lo abbiamo capito è perché siamo troppo antropocentrici, troppo sicuri di noi, sicuri della giustezza della nostra causa, della validità della logica dell’utile. In realtà siamo dei conquistadores, per nulla migliori di quelli che spazzarono via le civiltà indigene delle Americhe circa 700 anni fa.

Dovete capire come abbiamo agito e riflettere, perché siamo affetti da una sindrome a ripetere gli stessi errori, scambiandoli per virtù.

Abbiamo incoraggiato la soppressione del loro discernimento critico ed abbiamo detto loro che non potevano malgiudicarci, vista la condizione miserevole della loro civiltà. Il loro era ipocrita moralismo, puntare il dito contro dei soccorritori era poco saggio. Abbiamo spiegato che la loro percezione di noi era sviata da pregiudizi e preconcetti, come quella di un animale ferito che si ritrae di fronte al veterinario che lo vuole curare: “Siamo venuti ad istruirvi su ciò che è meglio per voi, sono le vostre paure irrazionali a confondervi!”. Li abbiamo convinti che erano più primitivi di quel che erano realmente e che noi avevamo completato il loro percorso da molto tempo, conoscevamo le loro difficoltà avendone fatta esperienza diretta e proprio per questo eravamo i più indicati ad assisterli nella loro evoluzione.

“Non c’è giusto o sbagliato, bene e male: quelle sono etichette apposte da mentalità arretrate. Facciamo tutti parte della grande famiglia delle specie viventi dell’universo, non possono esistere invasori ed invasi. Siamo come voi, non solo anatomicamente. Siamo come dei fratelli maggiori. Se ci temete è solo perché temete quella parte di voi che vi manca; è solo un senso di inadeguatezza a cui possiamo porre rimedio”. Così siamo riusciti a farci delegare le loro coscienze ed abbiamo deciso per loro cosa era “meglio” per loro, ossia per noi. Li abbiamo persuasi che quanto maggiore fosse stata la libertà d’azione che ci concedevano, tanto minori sarebbero stati i patimenti causati ad una resistenza futile e controproducente e tanto maggiore sarebbe stata la gioia, il godimento della scoperta, delle sperimentazione di un mondo nuovo, una Nuova Caprica (cf. Terra Nova).

Naturalmente non tutti i terrestri hanno osservato il protocollo, ma abbiamo sfruttato quei pochi devianti per dimostrare che si trattava di una piccolissima minoranza e che anche loro un giorno avrebbero potuto tollerare benevolmente uno sparuto gruppo di intrattabili.

Quanto ai rapimenti, alla sorveglianza, alle missioni di perlustrazione, a certi “incidenti” abbiamo rassicurato i Capricani: dovevamo capire con chi avevamo a che fare per poter massimizzare la qualità del nostro intervento. Siamo stati riluttanti a contattarli apertamente dal momento che ci sono apparsi subito come una razza inutilmente violenta, aggressiva, autodistruttiva. Inoltre certi imprevisti sono sempre in agguato, nessuno è perfetto e non c’è ragione di sentirsi meno sicuri solo per qualche spiacevole evento episodico.

Il tocco di classe è stato ammonirli che se avessero rifiutato il nostro aiuto rischiavano prima o poi di essere colonizzati da civiltà spietate interessate unicamente alle risorse di Caprica. Noi li avremo difesi, eravamo la migliore garanzia per la loro sopravvivenza. E questo valeva anche per i loro problemi interni. I Capricani, come noi Terrestri di qualche generazione fa, erano afflitti da carestie, miseria, alti costi dell’energia, epidemie, devastanti impatti del cambiamento climatico, guerre, insurrezioni, ecc. Abbiamo spiegato loro che il nostro know-how poteva risolvere ogni loro problema e che senza le nostre competenze e i nostri miracoli tecnologici e scientifici non sarebbero riusciti a sopravvivere. Abbiamo promesso loro l’attuazione di un vasto programma eugenetico che avrebbe drasticamente migliorato i loro corpi e le loro menti, abolendo certe emozioni ed atteggiamenti problematici. Nuova Caprica sarebbe stata un mondo di amore, pace e prosperità. Non serve dire che l’obiettivo di ogni tirannia è proprio quello di imporre la pace e l’ordine attraverso l’annientamento di ogni opposizione e di indipendenza di pensiero. In uno stato totalitario ideali come la pace, la fratellanza, la generosità e l’unità sono incoraggiati a condizione che possano servire i fini di chi detiene il potere. Ci siamo comportati come tiranni perché lo siamo, anche se ci piace credere che le cose stiano diversamente.

Ci serviva un capro espiatorio per poter completare l’opera e la scelta è stata ovvia. La classe dirigente del pianeta Caprica era semplicemente impresentabile, dedita a trame e complotti unicamente finalizzati all’espansione del loro potere e ricchezza. I Capricani erano già in rivolta e noi abbiamo corrotto alcuni di loro per usarli e poi disfarcene. Erano così accecati dal loro narcisismo da credere che non sarebbero mai stati tra gli scarti. Abbiamo spiegato ai Capricani che i loro capi erano responsabili della coltre di disinformazione e censura intorno alla nostra esistenza e presenza, che rappresentavano una casta che non voleva consegnare l’autorità al popolo sovrano e che il loro voto diretto avrebbe autorizzato un nostro intervento salvifico. In realtà avevamo già fornito a certi potentati le tecnologie necessarie a controllare i dissidenti anti-terrestri.

Il bene dei Capricani non è mai stato in cima alla scala delle nostre priorità. Abbiamo usato le loro religioni per farci obbedire, per farci passare come angeli, come dèi e portare a termine il nostro programma di pacificazione ed uniformazione. Molti Capricani erano così sfiduciati ed afflitti da scarsissima autostima e ancor minore stima nei confronti della loro specie e civiltà, che tutto è filato liscio come l’olio. Ci hanno visti come liberatori e salvatori, l’unica speranza per un mondo migliore, in cui l’egoismo e la psicopatia dell’élite non avrebbero più costituito una minaccia. Così i Capricani più disperati sono diventati i nostri migliori alleati, dei fanatici pronti a sopprimere ogni voce dissenziente, per quanto ragionevole, accusandola di sabotaggio, alto tradimento, terrorismo, ecc.

È questo che abbiamo fatto a Caprica.

So che molti di voi approveranno il nostro operato, ma non nutro alcun dubbio che ciascuno raccoglierà ciò che ha seminato: non sono questi i semi che voglio veder germogliare.


Teoria del Complotto

“Vi dico che l’uomo e il cane sono in combutta!”
“Cristo santo, Trevor, tu e i tuoi complottismi!”



Nessuno ha il diritto di comportarsi come se fosse Dio

Un giorno la mia gente elaborerà una sorta di dottrina morale che stabilirà tutto quello che possiamo o non possiamo fare. Quello che è giusto e quello che è sbagliato. Ma fino ad allora, fino a quando non esisteranno queste direttive, dovrò ricordare a me stesso che non ho nessun diritto di comportarmi come se fossi Dio.
Jonathan Archer


Direttive della Flotta Stellare


Ordine Generale 1: La prima direttiva
Il diritto di ogni razza senziente di vivere in accordo con la sua normale evoluzione culturale è considerato sacro. Il personale della Flotta Stellare non deve assolutamente interferire con il normale svolgimento della vita e della cultura aliena. Con interferenza si intende qualunque introduzione di conoscenza o tecnologia superiore in un mondo la cui società non è pronta a riceverle. Il personale della Flotta Stellare non può violare questa Prima Direttiva, se non per salvaguardare le proprie vite o la propria nave, o nel caso in cui stia cercando di porre rimedio ad una precedente violazione o contaminazione della cultura in oggetto. Questa direttiva ha precedenza su tutte le altre considerazioni e deve costituire il più alto obbligo morale per il personale della Flotta Stellare.

Ordine Generale 2
E’ fatto divieto assoluto al personale della Flotta Stellare di usare la forza quando non necessario e per alcuna ragione, sia collettivamente che singolarmente, contro membri della Federazione Unita dei Pianeti, i loro rappresentanti autorizzati, i loro portavoce o leader designati, nonchè a quelli di qualunque altra razza non-membro.

Ordine Generale 3
La sovranità di tutti i mondi membri della Federazione deve essere rispettata in tutti i casi e in tutte le situazioni. Il personale della Flotta Stellare deve sottostare alla giurisdizione del mondo membro in cui opera e quindi ne deve osservare e rispettare qualunque statuto, legge, ordinanza e regola. Qualunque violazione di tali regole sarà oggetto di sanzione disciplinare e legale da parte degli organi giudiziari del pianeta in cui tale violazione si è verificata.

Ordine Generale 4
In caso di primo contatto con una forma di vita senziente sconosciuta, il personale della Flotta Stellare deve, mediante linguaggio o gesti, informare detta forma di vita, che al di fuori del proprio spazio esistono molte altre forme di vita senzienti.

Ordine Generale 5
In casi e circostanze di estrema emergenza in cui sia in pericolo il benessere dei cittadini della Federazione, speciali rappresentanti della Federazione assumono i poteri dello stato di emergenza. I poteri dello stato di emergenza danno facoltà anche a personale civile di assumere il comando di qualunque vascello Federale, nonchè del suo equipaggio, in accordo con le condizioni di emergenza. Il personale della Flotta Stellare è sottoposta alla sua autorità per tutta la durata della crisi.

Ordine Generale 6
La richiesta di aiuto o assistenza proveniente da qualunque cittadino della Federazione costituisce priorità assoluta per il personale della Flotta Stellare. Il personale dovrà immediatamente rispondere a tale richiesta postoponendo qualsiasi altra attività.

Ordine Generale 7
E’ fatto divieto assoluto a qualsiasi nave della Flotta Stellare di visitare il pianeta Talos IV in qualunque caso. Questo ordine è prioritari anche all’odine Generale 6. Qualsiasi trasgressione di questo Ordine Generale potrà essere punito con la morte.

Ordine Generale 8
In caso di violazione dello spazio Federale da parte di una forza straniera, il comandante del vascello Federale dovrà determinare le ragioni della violazione. Se vi sono evidenti motivi di ritenere che il vascello ha intenzioni ostili, il vascello federale potrà adottare tutte le azioni atte a salvaguardare la vita e le proprietà dei membri della Federazione. In questi casi il comandante ha piena libertà decisionale su come neutralizzare la minaccia. In tutti i casi è da evitare sempre la perdita, non necessaria, di vita senziente.

Ordine Generale 9
Nessun comandante di un vascello Federale, militare o civile, può garantire asilo politico a qualunque individuo senza prima aver ricevuto espressa autorizzazione da un rappresentante del governo Federale.

Ordine Generale 10
Se esiste la testimonianza di un un ufficiale anziano o qualsiasi altra prova valida, che un individuo della Federazione, abbia violato la Prima Direttiva, egli potrà essere sollevato dal proprio incarico da un rappresentante del governo Federale e posto immediatamente in arresto. I rappresentanti governativi dovranno adottare immediatamente tutte le misure necessarie per minimizzare le conseguenze della violazione.

Ordine Generale 11
Gli ufficiali della Flotta Stellare con il grado di Capitano o superiore, hanno piena autorità per la negoziazione di un trattato con i legali rappresentanti di un governo di un pianeta non Federale. In queste circostanze, l’ufficiale in oggetto acquisisce tutte le facoltà di ambasciatore speciale. Qualsiasi accordo raggiunto in questo modo sarà soggetto all’approvazione del comando operativo della Flotta e dal segretariato della Flotta Stellare.

Ordine Generale 12
Gli ufficiali della Flotta Stellare possono violare la Zona Neutrale designata dai trattati, solo in condizioni di estrema emergenza, se tale azione è necessaria per salvare la vita di cittadini Federali.

Ordine Generale 13
Eccetto quando gli ordini dispongono il contrario, gli ufficiali della Flotta Stellare devono rispettare l’integrità dei sistemi planetari e dei governi indipendenti e non devono violarne gli spazi territoriali.

Ordine Generale 14
Gli ufficiali della Flotta Stellare possono intervenire negli affari interni di un pianeta per rimediare alla violazione di un ordine generale o per difendere la vita o la proprietà di un cittadino della Federazione, solo se ricevono diretto ordine da un ufficiale civile con il titolo di Governatore o superiore.

Ordine Generale 15
Nessun ufficiale di alto rango può recarsi in una zona potenzialmente pericolosa senza una scorta armata.

Ordine Generale 16
Il personale della Flotta Stellare può prestare aiuto tecnologico, medico o scientifico ad un membro di una razza senziente sconosciuta solo se tale assistenza non compromette la Prima Direttiva o la sicurezza della Federazione e della Flotta Stellare.

Ordine Generale 17
Il Capitano di un vascello Federale deve considerare la vita del proprio equipaggio sacra. In qualsiasi situazione di potenziale pericolo, il Capitano deve anteporre la vita e la sicurezza del proprio equipaggio alla sicurezza della nave che comanda.

Ordine Generale 18
Quando accusato di alto tradimento contro la Federazione, il personale della Flotta Stellare può chiedere di essere condotto dinanzi alla magistratura Federale. Se assolto, il Comando della Flotta Stellare non potrà riformulare la medesima accusa.

Ordine Generale 19
Eccetto i casi di dichiarazione di emergenza, in tutti gli altri casi il personale della Flotta Stellare non può convogliare personale o materiale su pianeti o sistemei planetari in cui c’è fondato motivo di ritenere che tale personale o materiale sarà usato per condurre una aggressione o ledere gli altrui diritti. Quest’ordine si applica indipendentemente ai Pianeti membri e non.

Ordine Generale 20
Gli ufficiali e tutto il personale della Flotta Stellare deve adottare tutti i mezzi necessari per prevenire ed evitare la possessione, il trasporto, la vendita, o lo scambio commerciale di creature senzienti tenute in cattività contro la loro volontà, lungo i confini dello spazio federale.

Ordine Generale 21
Nessun appartenente alla Flotta Stellare, sia ufficiale che civile, può offrire i propri servigi ad un governo straniero indipendente senza l’espressa autorizzazione dell’Assemblea della Federazione.

Ordine Generale 22
Nel rispetto delle libertà individuali e della libertà di espressione, considerate sacre, il personale della Flotta Stellare può discutere privatamente, e quando vuole, la politica e le decisioni adottate dai propri rappresentanti governativi, a patto che tali discussioni non interferiscano con i loro ordini e doveri e non violino questi ordini generali o le leggi della Federazione.

Ordine Generale 23
Quando ad un ufficiale anziano di un vascello federale o di una base stellare, vengono presentate valide prove che un rappresentante della Federazione sta violando o ha violato anche in passato, la Prima Direttiva, l’ufficiale potrà sollevare dal proprio incarico l’accusato ed assumere tutti i poteri necessari per lo svolgimento delle indagini.

Ordine Generale 24
Se un ufficiale comandante ha fondato motivo di ritenere che una persona o gruppo di persone possano costituire una minaccia per il personale della Flotta Stellare o per i cittadini della Federazione, deve adottare tutte le misure necessarie (incluso l’uso della forza) per neutralizzare tale minaccia.

Ordine Generale 25
Civili e militari sotto custodia del personale della Flotta Stellare durante una condizione di estrema emergenza, devono essere trattati come si conviene al rango che possiedono, a patto che questo trattamento non comprometta la sicurezza della Federazione o della Flotta Stellare.

Ordine Generale 26
Nessun membro di una nave o di qualunque altra installazione a terra può essere ritenuto diretto responsabile per le azioni dei propri superiori. Similarmente, nessun membro di una nave o qualunque altro personale della Flotta Stellare, potrà subire la sanzione disciplinare inflitta al suo comandante se tali individui non erano direttamente coinvolti in tali azioni.

Ordine Generale 27
Nessun membro della Flotta Stellare può richiedere di cambiare assegnazione o incarico per la prolungata separazione dalla famiglia se i membri della famiglia possono essere imbarcati sulla nave o su qualsiasi altra installazione federale.

Ordine Generale 28
Nessun ufficiale comandante può essere rimosso dal proprio incarico di comando a meno che egli non compia completi atti ritenuti ingiustificabili da almeno tre ufficiali anziani. Comunque tra questi ufficiali dovrebbero esserci il Primo Ufficiale, l’Ufficiale Medico Capo, il Consigliere, e un ufficiale inferiore della sezione comando.

Ordine Generale 29
La primaria responsabilità del comandante di una qualsiasi nave o installazione federale, è la salvaguardia e il benessere del proprio equipaggio, incluso qualsiasi civile. Nessuna azione che possa inutilmente mettere in pericolo la sicurezza di questi individui, deve essere intrapresa, tranne quei casi connessi ai doveri e al servizio che si sta svolgendo.

Ordine Generale 30
Il Comando della Flotta Stellare riconosce il diritto di ogni comandante di vascello federale di interpretare le specifiche della Prima Direttiva considerando tutte le condizioni degli altri ordini generali che si stanno applicando al caso in esame, e sulle molteplici circostanze che si possono presentare quando si incontra per la prima volta una nuova razza senziente.

Ordine Generale 31
Le condizioni e le specifiche della Prima Direttiva devono essere invariabilmente applicate a tutte le specie senzienti scoperte, indipendentemente che abbiano origini naturali o artificiali.

Ordine Generale 32
Eccetto che nei casi di estrema emergenza, nessun comandante della Flotta Stellare è autorizzato a viaggiare con il proprio vascello ad una velocità maggiore di Warp 5 senza una espressa autorizzazione pervenuta dal Comando della Flotta Stellare.

« Older entries

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: