Giornalisti o marionette?

OK_dees

Molti italiani credono che, una volta espulso dal sistema Berlusconi, l’informazione tornerà ad essere sufficientemente obiettiva. C’è gente che crede a tutto: una boiata in più, o in meno…

Già in passato ho mostrato come i media di lingua inglese ripetano a pappagallo le stesse identiche frasi, indipendentemente dal proprietario, una cosa che dovrebbe far riflettere gli anti-complottisti (se non è chiedere troppo – oligopoli dell’informazione? Boh? Ma che è?):
https://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/04/04/linformazione-in-america-in-canada-ed-in-australia-per-chi-ancora-crede-nel-giornalismo-e-nella-democrazia/

Può esistere una qualche forma di democrazia laddove il controllo dell’informazione è così accentrato?
https://versounmondonuovo.wordpress.com/2013/01/05/chi-controlla-linformazione-in-italia-e-nel-mondo/

Fortunatamente ci sono NON POCHI giornalisti con la schiena dritta che sanno rinunciare ad una carriera redditizia quando il gioco si fa troppo sporco e la loro integrità ne risulta compromessa (non saranno mai abbastanza):
https://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/03/14/il-mito-infranto-di-al-jazeera/

Quello che vi voglio proporre è, però, ancora più stupefacente del video caricato nel primo link e sembra quasi una burla ai danni dei giornalisti – purtroppo è tutto vero e sfacciato (potete eliminare i 30 secondi di pubblicità con adblock – non serve capire l’inglese, basta ascoltare):

Lacrimogeni al ministero di Grazia e Giustizia: ha ragione il questore

Ero partito molto prevenuto in quanto la versione ufficiale mi sembrava ridicola e avevo messo in dubbio il giudizio di un amico che affermava che il rimbalzo c’era. Mi ha indicato dove lo vedeva: ho visionato un’altra volta e non ho potuto fare a meno di ricredermi e dargli ragione.

Sono sicuro che lo può fare chiunque. Non fate le pecore e ragionate con la vostra testa! Lo scetticismo dev’essere a 360 gradi, altrimenti diventa complottismo.

A 37″ c’è il rimbalzo, chiaro come il sole, per chi lo vuol vedere.

Non è possibile che questa falsa interpretazione degli eventi possa essere strumentalizzata per fomentare la violenza eversiva e non è possibile che l’informazione in Italia abbia raggiunto un tale livello di degrado, salvo alcune eccezioni. Se continueremo a pensare che le forze dell’ordine sono sempre e comunque fasciste, avremo già perso la partita (e faremo la figura dei fanatici).

L’informazione in America, in Canada ed in Australia – per chi ancora crede nel giornalismo e nella democrazia

Identico testo letto dai giornalisti dei più importanti telegiornali americani, nazionali e locali:
“Conan O’Brian may be about to push the envelope on late night television”

Identico testo per il discorso del primo ministro australiano e dell’attuale primo ministro canadese (allora all’opposizione) per promuovere l’intervento militare in Iraq da parte delle rispettive nazioni

Riguardo al primo video (O’Brian):  Conan O’Brian, un comico, ha deciso di approvare pubblicamente il matrimonio gay di due suoi collaboratori e sarà addirittura lui a sposarli, nel suo show (io lo trovo di cattivo gusto, ma chi se ne frega). Il punto è che l’annuncio è stato ripetuto pari pari da tutti i giornalisti mostrati nel video (18), indipendentemente dal fatto che siano Fox, CBS, CNN o altro, come se fosse un mantra. Il fatto che ormai solo 6 grandi network controllino l’informazione negli USA non è per nulla positivo (lasciamo perdere l’Italia).

Riguardo al secondo video (Howard – Harper): la spiegazione ufficiale è quella del plagio ma, onestamente, non ho mai visto un plagio del genere. Gli uffici stampa/scrivani di alto livello non plagiano mai, “copiano creativamente” e qui eravamo ai più alti livelli. Qui si trattava di una delle decisioni più cruciali della storia mondiale dopo l’11 settembre: una coalizione di democrazie che invade uno stato sovrano in violazione del diritto internazionale. Difficile credere ad una leggerezza degli assistenti dei due politici. Più probabile che il testo sia stato scritto a Washington e poi fatto pervenire a Londra, Ottawa e Canberra, a chi di dovere senza che questi siano stati informati che era una copia carbone. In sintesi, chi ha mandato il testo si aspettava una rielaborazione e chi l’ha ricevuto non si aspettava che fosse una copia.

“La parola tedesca Gleichschaltung (variamente traducibile come sincronizzazione, coordinamento, allineamento, messa in riga) venne utilizzata per descrivere il processo compiuto dal regime nazionalsocialista per esercitare un controllo totale sull’individuo attraverso la coordinazione di tutti gli aspetti della società, della politica e del commercio. Il maggior obiettivo della Gleichschaltung fu di orientare il pensiero di ogni cittadino tedesco in una direzione compatibile con l’ideologia ufficiale del Partito”.
http://it.wikipedia.org/wiki/Gleichschaltung

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: