Poveri bambini, non vedranno mai la neve!!! Perché nessuno pensa ai bambini?!

Cattura

Apocalisse mercallista

accumulatedsmb
I ghiacci continuano a spostarsi dal mare alla terraferma, come avviene durante le glaciazioni. Succede in Groenlandia (vedi sopra e a questo link) e succede nelle Alpi. Nei prossimi anni ci informeranno che nuovi ghiacciai sono nati inaspettatamente in Scozia, in Scandinavia e sulle Alpi.
Inaspettatamente per chi ha scelto la via del dogma rifiutando la via della scienza.

verificate voi:

rifugio Passo Principe
https://www.facebook.com/rifugiopassoprincipe/?fref=ts

rifugio Rosetta
https://www.facebook.com/rifugio.rosetta/?fref=ts

rifugio Setteselle
https://www.facebook.com/rifugio.setteselle.5/?fref=ts

rifugio Peller
https://www.facebook.com/rifugio.peller?fref=ts

rifugio Altissimo
https://www.facebook.com/pages/Rifugio-Altissimo-m-2060/125814144183867?fref=ts

Merano 2000
https://www.facebook.com/merano2000/?fref=ts
Già dieci anni fa, il meteorologo Luca #Mercalli prevedeva sulle #Alpi inverni senza #neve sotto i 2mila metri di quota“.

La fabbrica della neve. Così la stagione brucia i tempi, Repubblica, 27 novembre 2015

“#Sci, la stagione continuerà dopo Pasqua. Tutti gli #impianti aperti, qualcuno arriverà fino al 1 maggio“.
#Trentino, 24 marzo 2016

La crisi ucraina e il mutamento climatico – un possibile nesso?

a cura di Stefano Fait, direttore di FuturAbles

europeanicesheetlgm100790_026_1

Brutte notizie. Arriva la conferma che la Corrente del Golfo è in fase di rallentamento. Questo significa che aumenta il rischio di un nuovo stadiale come lo Younger Dryas cioè di un cambiamento improvviso del clima verso una glaciazione millenaria del nord Europa e di parte dell’emisfero nord

Vincenzo Ferrara, la Stampa, 25 febbraio 2014

Il “Granaio d’Europa” (Ucraina) ha salvato l’Europa occidentale da una carestia durante il raffreddamento che ha colpito il continente in occasione del Minimo solare di Dalton e in questi anni stiamo assistendo al più forte calo di attività solare degli ultimi 10mila anni

Può darsi che la Cina abbia saputo valutare accuratamente le prospettive di produzione agricola in tali frangenti se ha deciso di investire così massicciamente, per un periodo di 50 anni, in terreni agricoli ucraini nella regione orientale (russofona) di Dniepropetrovsk per una superficie pari a quella del Belgio

Non è da escludere che sia questo il vero pomo della discordia, in questa disputa tra Est e Ovest.  Ma questo significa anche che Russia e Cina non molleranno l’osso, perché è una questione di vera e propria sopravvivenza. Chi controlla l’Ucraina si assicura la stabilità interna.
Un discorso analogo potrebbe essere fatto per il Medio Oriente e Nord Africa che, in caso di mutamento climatico verso il freddo, tornerebbero a essere un Eden.

La butto lì come ipotesi di lavoro che potrebbe in parte spiegare certe altrimenti poco comprensibili stravaganze nei rapporti tra potenze.

Sicuramente c’è di mezzo la questione dei nodi finanziari che stanno venendo al pettine – il sistema finanziario anglo-americano ha raggiunto la data di scadenza e necessita di una guerra su vasta scala per tentare di cavarsela, come nel 1914, con un pretesto che l’opinione pubblica occidentale possa prendere sul serio.

Cinesi e russi, dal canto loro, devono riuscire a far cadere il castello di carte per far crollare il fronte interno occidentale nei primi mesi della guerra più telefonata della storia (non serviva consultare degli astrologi per capirlo, bastava osservare razionalmente l’escalation degli ultimi anni e imparare dalla storia).

Preciso che non c’è NULLA di buono in tutto questo: il crollo dei mercati azionari comporterà la distruzione dei risparmi e della previdenza sociale di centinaia di milioni di persone. E non c’è alcuna garanzia che il dopo sia migliore del presente, a meno che non prenda forma un movimento di riforma pragmatico e nonviolento (ma capace di difendersi con ogni mezzo) che cambi le cose senza azzerare tutto puerilmente perché “tanto è tutto marcio e corrotto”.

Detto questo, forse c’è anche dell’altro…questo altro, che la paleoclimatologia ci insegna svilupparsi in pochi anni (da 3 a 20-30 per il primo scivolone), non secoli o millenni.

clip_image002
N. B. Se le cose stessero così consiglierei minore acrimonia nei confronti del mondo arabo. Non è piacevole trovarsi improvvisamente dalla parte dei supplicanti, dopo aver fatto i bulli.  Vedete voi.

L’aquila non perse mai tanto tempo come quando si lasciò insegnare dal corvo.

Nobody, “Dead Man”

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: