Twilight of Empire: Inside the Crumbling Atlantic Bloc

“Cara Signora, Le basi americane in Italia rappresentano un duplice problema. In primo luogo sono regolate da accordi largamente superati dalle condizioni e circostanze in cui stanno operando dopo la fine della Guerra fredda. Gli accordi garantiscono la continuità della sovranità italiana, ma dubito che il Dipartimento della Difesa, a Washington, presti a quelle intese una particolare attenzione. Nell’articolo che il generale Tricarico ha scritto per Formiche ho letto: «Quando il Prowler statunitense tranciò nel 1998 la funivia del Cermis causando 20 morti, all’equipaggio fu concesso di avvalersi dello status Nato e dei relativi privilegi, quando invece la loro condizione legale era quella di aviatori statunitensi di passaggio in Italia. In altre parole, il nostro Paese avrebbe potuto rivendicare il diritto di processarli in un nostro tribunale. Quell’equipaggio infatti, pur di potere operare con le regole più semplici che si applicano all’interno della Nato, inserì il proprio volo, con l’inganno, nell’elenco dei voli giornalieri (quelli sì Nato!) del gruppo Usaf dislocato permanentemente sulla base di Aviano». L’episodio del Cermis dimostra, insieme ad altri, che gli accordi sono meno importanti del peso dominante degli Stati Uniti nell’ambito dell’Alleanza. Il secondo problema è quello della funzione che le basi hanno assunto per la politica estera americana. Quando furono create, all’inizio degli anni Cinquanta, vi era per i tutti membri della Nato uno stesso potenziale nemico; e le circostanze potevano giustificare qualche eccezione alla regola. Oggi, a meno che non si vogliano risvegliare le passioni della Guerra fredda, il nemico comune, dopo l’intervento dell’Isis in Iraq e in Siria, non è quello di allora. Ma gli Stati Uniti continuano a usare le loro basi, soprattutto nel Mediterraneo, come se i loro obiettivi fossero necessariamente quelli dell’Alleanza. Lo fecero contro la Libia di Gheddafi negli anni Ottanta, ma vi fu allora il caso in cui il governo Craxi impedì agli americani di usare una base in Sicilia (Sigonella) per impadronirsi di un commando palestinese. Il commando aveva dirottato la nave «Achille Lauro» e Craxi, per liberarla, aveva negoziato con i buoni uffici del leader palestinese Yasser Arafat e si era impegnato a permettere che il commando partisse per la Tunisia. È giunta l’ora di rivedere gli accordi sulle basi. Non credo che l’Italia possa continuare a ospitare sul proprio territorio senza qualche necessario aggiornamento alcune enclave militari americane, strumento di una politica che non è sempre quella del suo governo”.
Sergio Romano, 10 ottobre 2015
http://www.corriere.it/lettere-al-corriere/

Stefano Fait, forecasting foresight anticipation

NatoExpansion NATO expansion

Russian presidential envoy to Afghanistan and head of the Russian Foreign Ministry’s Second Asia Department Zamir Kabulov told a Russian newspaper that Afghanistan’s first Vice President Abdul Rashid Dostum has requested Moscow’s support to fight against ISIS insurgents.

Russia to Sell Modern Attack Helicopters to Afghanistan, the Diplomat, 9 October 2015

Baghdad intends to lean on Russia in the war on Islamic State after U.S.-led coalition airstrikes produced limited results. Russian military action in Iraq would deepen U.S. fears that it is losing more strategic ground to rivals in one of the world’s most critical regions.

Iraq leans toward Russia in war on Islamic State, Reuters, 7 October 2015

German Chancellor Angela Merkel has said that President Bashar al-Assad should be involved in any Syrian peace talks

Merkel: Assad must be included in Syria peace talks, Al Jazeera, 24 September 2015

I know from my conversations with (Russian President…

View original post 259 altre parole

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: