Mi son de Dro e me ‘nteresa i droni – note per la serata Bookique di gennaio

A cura di Stefano Fait

Paradiso Riconquistato [blog per architetti di mondi nuovi – poliglotta]

Web Caffè Bookique [Facebook]

uavisrael

Un gustoso aneddoto sulla nostra più recente serata alla Bookique.

Un attempato e simpatico signore che aveva letto sul Trentino che alla Bookique si parlava di droni è venuto con la moglie alla serata dicendoci: “mi son de Dro (un paese trentino) e me ‘nteresa i droni”.

Marco Rosi, il gestore, all’apertura del locale, si è trovato lì la moglie del suddetto che aspettava da un po’ di poter entrare e che gli ha chiesto: “è qui che si parla di droni?”

Il nostro pubblico è eterogeneo e sorprendente!

 jy52bae61e

MESSICO

se il Messico perde il controllo della guerra al narcotraffico si ipotizza l’uso dei droni statunitensi nello spazio aereo messicano

BOLZANO

in 3 casi su 4 le forze di polizia britanniche li hanno testati e poi scartati:

http://www.independent.co.uk/news/uk/crime/drones-to-patrol-the-skies-above-olympic-stadium-6267107.html

già nel marzo 2013 il sindaco di Bolzano Luigi Spagnolli avviò contatti con il bolzanino Alex Galtarossa dell’azienda ravennate Italdron. Obiettivo: verificare la praticabilità di questi minielicotteri computerizzati dotati di telecamera – ritorna alla carica a dicembre:

 “Immaginate città in cui piccoli aerei senza pilota volano silenziosi ad alta quota, impossibili da individuare ad occhio nudo, equipaggiati con video e fotocamere ad alta definizione e capaci anche di penetrare muri grazie a tecnologia ad infrarossi. Sta già succedendo in alcune città americane ed è solo questione di tempo prima che avvenga in tutto il paese e, chissà, anche in Europa”.

http://www.linkiesta.it/droni-polizia#ixzz2SJ5SmhJf

AFGHANISTAN E PAKISTAN

tutti i maschi in età da combattimento in area di guerra (mezzo Afghanistan e tutto il nord del Pachistan) sono considerati “nemici combattenti” eliminabili coi droni se il loro comportamento è sospetto

http://articles.washingtonpost.com/2012-04-18/world/35453346_1_signature-strikes-drone-strike-drone-program

http://www.nytimes.com/2012/05/29/world/obamas-leadership-in-war-on-al-qaeda.html?pagewanted=all&_r=0

massacrando gli invitati a cerimonie nuziali e funebri e, successivamente, chi partecipa alle operazioni di soccorso

http://www.thebureauinvestigates.com/2012/02/04/obama-terror-drones-cia-tactics-in-pakistan-include-targeting-rescuers-and-funerals/

 

Esiste una differenza morale di qualche rilievo tra giustiziare i “nemici pubblici” gettandoli in mare da un elicottero o un aereo (Pinochet/Videla) e farli saltare in aria a terra con un robot volante (Obama).

STATI UNITI

Per il 2015 i cieli statunitensi saranno solcati da 30mila droni, a spese dei contribuenti (5 miliardi di dollari nel solo 2012).

Eric Holder, Il ministro della Giustizia americano (Attorney General, procuratore generale) rivendica con nonchalance il diritto di assassinare cittadini americani con i droni sul suolo americano (!!!)

http://www.huffingtonpost.com/2013/03/05/us-drone-strike_n_2813857.html

OPERAZIONE VENTO STELLARE: attività di monitoraggio e registrazione di ogni comunicazione email e telefonica, di transazioni finanziarie e attività in rete di cittadini americani. Amministrazione Obama la dichiara interrotta. Si viene poi a sapere nel 2012 che prosegue a pieno ritmo

http://en.wikipedia.org/wiki/Stellar_Wind_%28code_name%29

https://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/03/21/utah-2013-dal-grande-fratello-allimmenso-fratello/

ESECUZIONI PREVENTIVE LEGALIZZATE

Se un “alto funzionario” (anonimo) decide che un cittadino americano rappresenta una “minaccia” (generica, a sua discrezione) per gli Stati Uniti, una minaccia “imminente”, avendo intrapreso “azioni ostili agli Stati Uniti” e se un “alto funzionario” (può anche essere lo stesso di cui sopra) pensa che potrebbe essere più problematico o rischioso cercare di catturarlo (e quando non lo è?) allora diventa legale ucciderlo preventivamente, senza un processo e senza alcun vaglio delle prove incriminanti.

 A questo proposito, THE ONION, periodico satirico:

“A seguito della pubblicazione di una nota confidenziale del dipartimento di giustizia che delinea la giustificazione legale dell’amministrazione Obama per l’uccisione di cittadini degli Stati Uniti, un nuovo sondaggio del Pew Research Center ha rivelato che la maggioranza degli americani è divisa sul diritto del governo di ucciderli ovunque, in qualsiasi momento e senza un giusto processo.

“Da una parte, e questo mi è chiaro, è importante che il governo sia in grado di uccidere me e tutti i miei amici o familiari ogni volta che la cosa torni utile per ragioni di sicurezza nazionale. Ma, d’altra parte, sarebbe anche bello rimanere in vita e avere, diciamo, una prova, un processo e cose del genere”, ha detto, visibilmente combattuta, la trentanovenne Rebecca Sawyer che, come milioni di altri americani, è indecisa sul fatto che agli agenti segreti federali sia consentito individuarla e assassinarla ovunque sul suolo americano. “Non mi dispiacerebbe se i funzionari federali facessero saltare in aria altri cittadini, affermando che è per la mia sicurezza. È solo che quando si tratta di me, credo che preferirei non essere abbattuta dai miei rappresentanti eletti con accuse che non devono essere confermate da una qualsiasi autorità che debba rispondere delle sue decisioni. Questa è una scelta difficile”. Mentre la maggior parte degli americani ha espresso sentimenti contrastanti per quanto riguarda la nota, il sondaggio ha anche rilevato che il 28 per cento dei cittadini è inequivocabilmente a favore dell’essere cancellato dalla faccia della terra, in qualsiasi momento, per qualsiasi motivo, in un massiccio attacco aereo”.

PSICOLOGIA

Le persone che guidano i droni a distanza, ci informa la rivista Rolling Stone, descrivono le loro vittime come “insetti spiaccicati”, “poiché la visualizzazione dei corpi attraverso uno schermo video verde-granulato dà il senso dello schiacciamento di un insetto”.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: