SABU – Monday – Dance Scene

Sabu, un attore passato alla regia nel 1996 con D.A.N.G.A.N. Runner, è degno di nota sia per il nome – con chiaro riferimento alla star indiana delle vecchie epiche esotiche hollywoodiane – che per le scene di inseguimento dei suoi film. Sabu le realizza alla maniera di Buster Keaton, con esilarante inventiva e spensierata indifferenza verso le leggi della probabilità. Nel suo quarto film, Monday, Sabu dà finalmente tregua agli inseguimenti, mantenendo il suo particolarissimo stile di racconto e le sue preoccupazioni tematiche. Questa storia del disastroso weekend di un impiegato fa veramente ridere a crepapelle. Shinichi Tsutsumi (già attore per Sabu in Postman Blues e Unlucky Monkey) è Takagi, un impiegato che si sveglia un lunedì in una stanza d’albergo e non si ricorda dove è stato durante il week-end. Trova un pacchetto di sali purificanti, di quelli che vengono dati alle persone in lutto durante i funerali – e la nebbia comincia ad alzarsi. Si ricorda di essere stato alla veglia funebre di un collega, e di essere stato il responsabile del modo macabro ed esilarante in cui questa si è conclusa. Il resto del film procede tra passato e presente, mentre Takagi recupera altre parti del weekend perduto. Man mano che le sue azioni passate, da quelle più idiote a quelle più terribili, cominciano a entrare nel suo presente sempre più disperato, il film muove verso un finale assurdo ed esplosivo. Sabu ha già usato in precedenza elementi comici simili, ma in Monday questi vanno a posto con estrema precisione ed efficacia. Inoltre, abbandonando le comodità degli stereotipi del cinema giapponese, il film respinge anche la formula hollywoodiana del signor nessuno che diventa un eroe. C’è qualcosa di ammirevole nella trasformazione di Takagi da semplice travet a leone fuorilegge, che urla il suo disprezzo contro i guardiani della legge mandati a ridurlo al silenzio, ma c’è allo stesso tempo qualcosa di ridicolo. Egli rimane, fino al finale esplosivo, l’idiota tipo per una nuova era.
Scenes set in a yakuza boss’s private nightclub nod to Jim Jarmusch and David Lynch, but the overriding influence appears to be Quentin Tarantino, especially in a stylized sequence that quotes the John Travolta-Uma Thurman dance from “Pulp Fiction.”

 

 

Advertisements

2 commenti

  1. michele90 said,

    18 dicembre 2012 a 14:57

    Perchè tutto ciò? 😀 Bella scena, non ho mai sentito parlare ne del film ne del regista.

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: