Corrente del Golfo ormai incapace di attraversare l’Atlantico

Nell’ottobre del 2011 la Corrente del Golfo ha deviato verso nord rispetto al suo normale percorso, generando temperature oceaniche maggiori del normale lungo le coste del New England: è quanto risulta da uno studio del Woods Hole Oceanographic Institution.

http://lastampa.it/2012/10/15/scienza/ambiente/clima-corrente-del-golfo-ha-cambiato-rotta-nel-IHtDOAJDiaAFH3sUhTHSNM/pagina.html

Gli scienziati non hanno ancora saputo (voluto?) dare una spiegazione ma hanno dichiarato che è un evento epocale con conseguenze estremamente significative:

http://www.sciencedaily.com/releases/2012/10/121012122648.htm

http://www.whoi.edu/main/news-releases?tid=3622&cid=152829

Una possibile spiegazione è che la crescente potenza della corrente del Labrador abbia deviato la corrente del Golfo e questo potrebbe produrre effetti anche catastrofici nel Nord Europa, già da quest’inverno.

Riporto l’interpretazione di Bernardo Mattiucci:

“La Corrente del Golfo sta rallentando da parecchi anni e dal 2010 circa è praticamente ferma. Nel senso che la sua “forza” non le consente di attraversare l’Atlantico in diagonale come faceva fino a qualche anno fa… (direzione Nord-Est) e così ripiega “naturalmente” verso Nord.

Per capire meglio… bisogna considerare il fatto che la CDG non viene “spinta” verso l’artico dal calore presente nella zona equatoriale… ma viene “attratta” dal freddo delle acque artiche del polo nord… zona a nord dell’Europa dove fino ad una decina di anni fa si contavano 5 “camini”, ovvero delle zone entro le quali l’acqua salata della Corrente del Golfo si inabissava. Nel 2006 circa se ne contava uno solo…

Tornando al periodo attuale… la deviazione verso Nord-Ovest (canale del Labrador) della CDG provoca il riscaldamento del Canada (dove si è avuta pochissima neve nello scorso anno) e della Groenlandia (dove a luglio in 2 settimane si e’ sciolto il 95% della neve precipitata durante l’inverno), ma al contempo provoca il raffreddamento dell’Europa (dove si hanno inverni sempre più freddi dal 2007 in poi).

Nel medio-lungo termine il raffreddamento continuerà… ma sarebbe più logico parlare di meridianizzazione delle correnti… ovvero salite di aria calda durante le estati (sempre più brevi) e discese artiche durante l’inverno (sempre più lunghi).

http://daltonsminima.altervista.org/?p=23207#comments

**********

NEL FRATTEMPO: Incremento dell’estensione del 43,8% dei ghiacci artici, rispetto al minimo. 31 giorni dopo il minimo, questo è il più veloce ricongelamento dal 1979.

**********

Un amico FB si domanda: “Che la Groenlandia torni ad essere un territorio dalla temperatura mite e dal suolo verde?”

Mia considerazione: è vero che questo processo favorisce lo scioglimento dei ghiacci artici (infatti quest’estate c’è stato il minimo, anche se le temperature artiche erano stazionarie, un dettaglio che i giornali non comunicano), però non credo che sarà sufficiente. Una parte di quel calore, se ho inteso bene, si trasformerà verosimilmente in correnti a getto (jet stream) dirette a sud, che porteranno un mucchio di neve sull’Europa. È questo, sostanzialmente, il meccanismo che potrebbe provocare – secondo alcuni l’ha già fatto quest’anno – la crescita dei ghiacciai in Scandinavia e, in un secondo momento, nelle Alpi.

E quindi più probabile che sia il Sahara a rinverdirsi, nel corso di diversi secoli o millenni. A quel punto sarà l’Africa a ricevere ondate di immigrati. Speriamo che siano più tolleranti con i profughi climatici di quanto lo siamo stati noi con le vittime del capitalismo finanziario globalizzato.

6 commenti

  1. imbuteria said,

    25 ottobre 2012 a 22:21

    Reblogged this on Imbuteria's Blog.

  2. bortocal said,

    26 ottobre 2012 a 06:34

    da anni l’indebolimento della Corrente del Golfo e dunque l’arrivo di inverni freddi in Europa è previsto come effetto del riscaldamento globale.

    • 26 ottobre 2012 a 06:40

      infatti!
      Ma ti assicuro che un numero sproporzionato di persone che dimostrano un certo interesse per la questione continuano a negare la realtà di quel che sta succedendo, costringendo gli altri a documentare quel che i media sembrano molto riluttanti a fare. E’ un lavoro di supplenza e, in fondo, se uno si dimentica delle implicazioni letali di questo processo, è anche avvincente (nel senso che è eccitante vedere come la natura si incarica di contraddire i modelli dei “tropicalisti” (li chiamo così) e questi sono costretti a trovare nuovi modi immaginifici per restare caparbiamente aggrappati al loro paradigma che affonda, dichiarando che tutto è a posto e la loro barca fila che è una meraviglia.

  3. gianni torino said,

    30 ottobre 2012 a 21:59

    se cosi’ fosse sarebbe uno stravolgimento climatico mai visto in epoca moderna , con forti ripercussioni su esseri umani , animali e piante, staremo a vedere

    • 31 ottobre 2012 a 07:43

      Sì. Era uno degli scenari giudicati verosimili da un rapporto commissionato dal Pentagono e pubblicato nel 2004 che, a proposito dell’Europa, spiegava che sarebbe stata “la più pesantemente colpita dal cambiamento climatico, le temperature medie annuali scenderanno di 6 gradi Fahrenheit in meno di un decennio, con trasformazioni più drammatiche lungo la costa nord-occidentale. Il clima dell’Europea nord-occidentale sarà più freddo, secco e ventoso rendendola molto simile alla Siberia. L’Europa meridionale subirà un cambiamento minore ma verrà colpita ancora da violenti e intermittenti raffreddamenti e da rapidi sbalzi di temperatura. Ridotte precipitazioni provocheranno la perdita di territori (leggi: suolo coltivabile), il che diventerà un problema per tutta l’Europa contribuendo alla mancanza di scorte di cibo. L’Europa combatterà per arginare l’emigrazione dalle nazioni scandinave e dall’Europea settentrionale di popoli in cerca di caldo, così come l’emigrazione dai paesi duramente colpiti in Africa e altrove”.
      http://fanuessays.blogspot.it/2011/10/le-attivita-umane-hanno-solo-accentuato.html


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 160 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: