Spedizioni cosmiche – consegna rapida e sicura in tutto il mondo

Twitter

Facebook

The rude sea grew civil at her song,

And certain stars shot madly from their spheres

To hear the sea-maid’s music.

William Shakespeare

Anderson Cooper: How much warning did people in Chelyabinsk have?

Paul Chodas: None.

Paul Chodas is a scientist at NASA’s jet propulsion laboratory in Pasadena, Calif. He and his boss Don Yeomans have been trying to track near-Earth objects for decades.

Paul Chodas: We didn’t see it coming. It was coming from the general direction of the sun, so it was in the daytime sky as it approached.

Anderson Cooper: So how did you find out about it?

Paul Chodas: Twitter and YouTube– when we first saw the images.

Anderson Cooper: So the first people at NASA that heard about it was Twitter?

Paul Chodas: Exactly.

http://www.cbsnews.com/8301-18560_162-57606242/a-dangerous-game-of-cosmic-roulette/

4

Fireballs

3 comete visibili contemporaneamente, a novembre (ISON, Lovejoy, Encke). Due lo sono state all’inizio dell’anno (PANSTARRS e Lemmon).

Qui un’astrofila spiega che non c’è nulla di insolito:
http://earthsky.org/space/move-over-comet-ison-a-new-comet-lovejoy-has-arrived

Altri la pensano diversamente e hanno definito il 2013 un anno da record assoluto per le comete
http://www.universetoday.com/100049/the-year-of-the-comets-three-reasons-why-2013-could-be-the-best-ever/

e suggeriscono che questo pianeta vedrà un incremento degli impatti di meteore
http://www.birminghammail.co.uk/news/local-news/midland-scientist-predicts-increase-meteors-1322126

1238301_10202143281687753_295041767_n

A dire il vero, qualcosa di insolito c’è e non è solo il Sole in via di ibernazione, la Terra sfiorata dall’asteroide più vicino che si sia mai visto e la Luna oggetto del più grande impatto mai visto.
Bolidi (fireballs) avvistati negli Stati Uniti:

2013 (aggiornato al 2 di ottobre) > 2192

2012 > 2142

2011 > 1632

2010 > 954

2009 > 696

2008 > 730

2007 > 591

2006 > 517

2005 > 467

Non c’è alcuna fine del mondo ritardata in programma, salvo sfighe epocali. Però temo che qualche impatto lo subiremo. Amen. E’ già successo un mucchio di volte, succederà innumerevoli volte, anche quando non ci sarà più vita sulla Terra. L’universo non è lì per coccolarci. L’umanità andrà avanti senza alcuni di noi. Una terza guerra mondiale farebbe molti più danni e più morti.

Lucido commento di un lettore: Quando un caccia supera il muro del suono, non lo si sente in tutta la regione, massimo nelle zone limitrofe, e non si protrae x piu’ di qualche secondo!! Sicuramente sara’ un fenomeno dovuto al passaggio di qualche meteorite.

http://www.centrometeoitaliano.it/boato-avvertito-in-puglia-da-bari-a-foggia-aereo-rompe-barriera-suono-1074/

Eventi analoghi nelle ultime due settimane:

http://www.utsandiego.com/news/2013/sep/17/fireball-california/

http://www.meteoweb.eu/2013/09/un-piccolo-asteroide-in-transito-tra-la-terra-e-la-luna/226533/

http://www.tunisienumerique.com/explosions-suite-a-une-chute-de-meteorite-dans-le-desert-tunisien/192777

http://www.unimeteo.net/langolo-della-scienza/9032-meteorite-attraversa-cielo-veneto-luce-e-botto-nella-notte.html

http://www.meteoportaleitalia.it/news-globali/news-globali/meteo-cronaca-news-estero/9081-meteorite-avvistato-tra-polonia-slovacchia-e-repubblica-ceca-i-dettagli.html

http://www.redorbit.com/news/space/1112948087/fireball-collisions-on-jupiter-amateur-astronomers-091513/

http://www.centrometeoitaliano.it/serie-di-asteroidi-stanno-passando-vicino-alla-terra-563/

http://www.centrometeoitaliano.it/ragusa-meteora-o-aereo-effetto-ottico-strabiliante-928/

http://www.centrometeoitaliano.it/asteroide-ha-sfiorato-la-terra-i-dati-869/

http://www.centrometeoitaliano.it/nuovo-enorme-bolide-di-colore-verde-avvistato-da-nord-a-sud-391/

http://www.centrometeoitaliano.it/meteora-sfiora-impatto-a-birmingham-711/

http://www.centrometeoitaliano.it/nuovo-bolide-attraversa-cieli-dell-emilia-353/

http://ca.news.yahoo.com/blogs/geekquinox/newfound-asteroid-whizzes-between-earth-moon-week-202636230.html

http://ca.news.yahoo.com/baseball-sized-meteor-blows-over-alabama-195847817.html

http://www.latimes.com/science/sciencenow/la-sci-sn-watch-giant-meteor-lights-up-sky-brighter-than-the-moon-20130903,0,7416674.story

http://www.universetoday.com/104662/new-comet-discovered-lovejoy-will-add-to-comet-lineup-in-winter-skies/

http://www.centrometeoitaliano.it/nuova-scia-luminosa-attraversa-i-cieli-italiani-584/

http://www.centrometeoitaliano.it/asteroide-sta-sfiorando-la-terra-gli-ultimi-dati-437/

http://www.dailymail.co.uk/news/article-2195053/Meteor-explodes-Cwmbran-Wales-wakes-families-sonic-boom.html

29026_1_1

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2013/03/25/la-nostra-specie-e-imbarazzante-neil-degrasse-tyson-sugli-impatti-cosmici/

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2013/02/16/per-toutatis-il-cielo-ci-cade-in-testa-che-si-fa-alcune-opzioni/

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/05/02/nemesi-la-stella-della-morte-chiarimenti-ed-aggiornamenti/

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/05/23/jacques-attali-e-gli-asteroidi-il-mondo-non-finira-ma/

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/10/20/giove-le-sta-prendendo-di-santa-ragione-glenn-orton-scienziato-nasa/

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/09/28/scende-la-pioggia-di-meteore-ma-che-fa-crolla-il-mondo-addosso-a-me/

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/06/23/avvistamenti-di-bolidi-negli-stati-uniti-2005-2012/

“La nostra specie è imbarazzante” (Neil deGrasse Tyson sugli impatti cosmici)

F201302160828307752079314

Un meteorite che ha lasciato dietro di sé una lunga scia di luce ha lasciato a bocca aperta il Nord degli Stati Uniti e il Canada intorno alle 20 del 22 marzo. Per la Nasa si è trattato di un evento unico ed eccezionale: il meteorite, infatti, era ben visibile a occhio nudo ed è stato avvistato anche a New York.
Il Messaggero, 23 marzo ["UNICO ED ECCEZIONALE"...STAREMO A VEDERE]

http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/ESTERI/meteorite_usa_video/notizie/260423.shtml

È stata luminosa come la luna piena – spiega Bill Cooke dalla Nasa – e si è trattato di un evento composto da una singola meteora” che è stato segnalato 350 volte solo sul sito dell’American Meteor Society (Ams). Quanto avvenuto si è verificato appena poche settimane dopo molti altri avvistamenti di “fireball” sempre nel Nord America ed in altre parti del mondo.

http://www.meteogiornale.it/notizia/27020-1-fireball-grande-meteora-east-coast-video-evento

“Dalle informazioni che abbiamo, non siamo al corrente di un asteroide che minacci la popolazione degli Stati Uniti”, ha detto il direttore della NASA, Charles Bolden. “Ma se stesse arrivando entro tre settimane, pregate”.

http://news.yahoo.com/large-asteroid-heading-earth-pray-says-nasa-005545942.html

Trascrizione tradotta dell’ammonimento dell’astrofisico e divulgatore statunitense Neil deGrasse Tyson, che non crede all’evento unico ed eccezionale, e che si sta guadagnando un posto nel pantheon degli uomini di buona volontà.

“Gli astrofisici hanno continuato per decenni a spiegare alla gente, almeno dagli anni ’80, che la terra orbita intorno al Sole in un poligono di tiro e che gli asteroidi la colpiscono. Mettono a repentaglio la vita e la civiltà. Erano gli anni Ottanta quando abbiamo finalmente concluso qual è stata la ragione principale per cui i dinosauri sono stati estromessi dall’albero della vita. Un asteroide delle dimensioni del monte Everest è andato a sbattere contro quello che oggi è il Messico. In effetti, nella penisola dello Yucatan, c’è un cratere di 100 miglia di diametro formato da questo impatto.

E abbiamo imparato nel corso dei decenni seguenti che non era necessario essere sul posto per morire, si poteva essere dall’altra parte del mondo e morire lo stesso, perché l’esplosione altera l’ecosistema. Gli incendi appiccati attivati ​​in tutto il mondo schermano la luce del sole con la fuliggine, abbattendo la base della catena alimentare fotosintetica ed innescando un’ondata di estinzioni attraverso l’albero della vita. Abbiamo iniziato a capirlo nel 1980. Abbiamo informato i funzionari, i politici, le agenzie governative.

Ma ci è voluto un meteorite reale sulla Russia, esploso con una potenza pari a 25 volte quella della bomba atomica a Hiroshima, per convincere la gente che forse dovremmo iniziare a fare qualcosa al riguardo. Sono quasi imbarazzato per la mia specie: si può essere così ciechi e sordi verso tutto ciò che dicono gli esperti e occorre aspettare che la gente muoia prima di poter dire: “Oh, credo che siano là fuori. Finanziamo delle ricerche che ci aiutino a trovarli e deviarli”. La cosa un po’ mi imbarazza.

Mi ricorda una vignetta… Perdonatemi, ho dimenticato l’autore. Ci sono due dinosauri che parlano tra loro e uno dice: “Ora è il momento di costruire un sistema di deflessione per asteroidi”. E l’altro dinosauro se ne sta lì indolente senza prestare molta attenzione. Naturalmente, ora non ci sono più: i dinosauri non avevano un programma spaziale. Noi ce l’abbiamo. Siamo in grado di fare qualcosa al riguardo se le persone hanno la lungimiranza di capire quali siano i rischi, i pericoli, e fare qualcosa.

Quindi sì, per fortuna nessuno è morto negli Urali, ma è stato comunque un esperimento costoso. È stato un colpo di avvertimento”.

NOTA BENE: imbarazzanti sono la nostra ingenuità, ignoranza, credulità, antropocentrismo, pigrizia mentale ed egoismo. Per il resto, potremo fare grandi cose dopo questa fase “problematica”, che – è giocoforza – ci farà maturare in fretta. Dubito che saremo condannati a restare una specie imbarazzante, con tutti i talenti (spesso latenti) che abbiamo.

*********

Potrebbe esistere una stella che gira intorno al nostro Sole? Andiamo alla ricerca di Nemesis, probabile causa di estinzioni di massa avvenute sulla Terra.

History Channel – La Storia dell’Universo Stagione 6 2012
Puntata 6 – Stella della Morte

Per Toutatis, il cielo ci cade in testa! Che si fa? (alcune opzioni)

ghostpanel_webster_big


a cura di Stefano Fait, direttore di FuturAbles

 

 

E tu non provi nessun turbamento,

quando l’intero equilibrio del mondo

vacilla come una cosa malferma?

Cicerone, ne ho viste di tempeste,

coi venti scatenati, furibondi,

da sradicar le più nodose querce;

e l’oceano gonfiarsi incollerito,

e schiumare di rabbia verso il cielo

fino a lambir le minacciose nubi;

ma mai, fino a stanotte, fino ad ora,

mi son trovato in mezzo a una bufera

grondante fuoco e fiamme come questa.

O gli dèi sono in lotta tra di loro,

oppure il mondo, troppo presuntuoso

verso gli dèi, li esaspera a tal punto

da scatenar quaggiù la distruzione.

Shakespeare, Giulio Cesare

Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti. Gli uomini verranno meno dalla paura e dall’attesa delle cose che si abbatteranno sul mondo, perché le potenze dei cieli saranno scrollate.
Luca 21, 25-26

La creazione tutta geme ed è come in doglie di parto in attesa del Figlio di Dio

Romani, VIII, 22

Per l’astrofisica Margherita Hack, “è rarissimo che frammenti di meteorite cadano sulla Terra provocando feriti. Quello che è successo in Russia”, ha osservato la Hack, “è un fenomeno davvero molto strano. In genere i meteoriti sono attratti dalla forza di gravità della Terra ma raramente riescono a superare indenni il contatto con l’atmosfera”, ha spiegato l’astrofisica toscana. “Per non bruciare significa che i frammenti erano molto grossi; in caso contrario avremmo visto soltanto una scia luminosa, quella che tutti chiamano stella cadente”, ha aggiunto.

http://www.repubblica.it/esteri/2013/02/15/news/russia_meteoriti_sciame_urali-52681067/

Meteoriti del peso di diverse tonnellate che causano danni a centinaia di edifici ed oltre un migliaio di feriti.

A giudicare dalla sua morfologia, l’area di Chelyabinsk non sembra essere nuova ad impatti anche più catastrofici:

761054CaptureGooglemapChelyabinsk

Anche la costa orientale degli Stati Uniti (le due Caroline) presenta segni di impatto:

Carolina bays Hoke and Scotland County NC

E’ già successo e succederà nuovamente.
Chi vola frequentemente è maggiormente a rischio:
http://blogs.discovermagazine.com/cosmicvariance/2009/06/04/did-a-meteor-bring-down-air-france-447/#.USPgJGeqLCF

http://www.nytimes.com/1996/09/19/opinion/l-in-twa-800-crash-don-t-discount-meteor-386081.html

Nello stesso giorno è accaduto anche a Cuba, in un evento separato:
http://www.meteoweb.eu/2013/02/piogge-di-meteoriti-lesperto-a-cuba-e-in-russia-due-fenomeni-diversi-e-non-collegati-tra-loro/186075/

E qui potete prendere atto del moltiplicarsi (di mese in mese!) degli avvistamenti di bolidi celesti (fireballs), solamente negli Stati Uniti:
2005 463
2006 517
2007 587
2008 726
2009 694
2010 951
2011 1628
2012 2219
2013 321 [fino al 15 febbraio]

4142-meteorites
http://www.amsmeteors.org/fireballs/fireball-report/

Senza dimenticare che, dal 2009, le informazioni satellitari americane sulle esplosioni nelle parti alte dell’atmosfera (non visibili da terra) sono classificate.
Uno si potrebbe anche domandare come mai. Lo hanno fatto scienziati ed astrofili e non hanno trovato alcuna ragione valida e molte ragioni per osteggiare questa decisione:

http://www.space.com/6829-military-hush-incoming-space-rocks-classified.html

**********
Contemporaneamente, la Terra è stata sfiorata (27mila km) dall’asteroide 2012 DA14: “Il passaggio è avvenuto…all’interno della fascia di satelliti in orbita geostazionaria, che si trova a 35.800 chilometri dalla Terra. A rendere speciale questo oggetto è il fatto che il suo avvicinamento è il più vicino approccio alla Terra mai previsto per un oggetto così grande. Resterà nel sistema Terra-Luna circa 33 ore e lo lascerà il 16 febbraio, alle 13 ora italiana. Sarà un arrivederci perché sono previsti altri avvicinamenti alla Terra, per esempio nel 2026“.
http://www.ansa.it/scienza/notizie/rubriche/spazioastro/2013/02/15/Segui-diretta-passaggio-asteroide-2012-DA14_8254696.html

11283_211443025665115_587935909_n

Magari per diversi mesi tutto tornerà tranquillo e la gente si concentrerà su altri problemi più immediati.

In seguito, però, gli impatti diventeranno frequenti e letali, come su Giove:

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/10/20/giove-le-sta-prendendo-di-santa-ragione-glenn-orton-scienziato-nasa/

Tra qualche tempo vi tornerà in mente questo post, al quale non avevate dato troppo peso, e tornerete a leggerlo.

A quel punto sempre più gente comincerà a sospettare che la ragione ultima sia questa:

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/05/02/nemesi-la-stella-della-morte-chiarimenti-ed-aggiornamenti/

http://versounmondonuovo.wordpress.com/category/nemesinemesis/

e che sia anche la causa precipua del cambiamento climatico

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2013/01/31/fuochino-fuoco-ghiaccio-cause-e-conseguenze-di-una-glaciazione/

e di altri strani fenomeni geomagnetici, tettonici e “crostali”:

http://fanuessays.blogspot.it/2012/01/voi-sonerete-le-vostre-trombe-del.html

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/09/30/sono-rimasto-a-bocca-aperta-thorne-lay-geoscienziato-uc-santa-cruz/

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/04/16/apriti-terra-e-le-assicurazioni-non-vogliono-piu-pagare/

Che fare dunque?

Ci sono varie opzioni

1. Farsi prendere dal panico

2. Costruire un bunker

43_1248103158

3. Togliersi dei sassolini dalle scarpe

4. Diventare un perverso antisociale e tormentare a morte il prossimo con video letali

5. “Unisciti alla Fanteria dello Spazio e salva la Galassia dagli Aracnidi! Il servizio militare ti garantisce di diventare un Cittadino. Vuoi saperne di più?” – “L’unico insetto buono è un insetto morto!”

6. Trasferirsi a New York, la città più sicura del mondo

*********

E certo, ora che l’intelligenza umana è costantemente collegata in una rete perenne dove le informazioni generano una dimensione inaspettata, tornano legittime due letture diverse del caso: una laica, a tutti nota, e una mistica, intuita visivamente da Grünewald, nella quale una pellicola sta per avvolgere il cosmo ormai definitivamente interconnesso grazie all’evoluzione del pensiero umano che s’incontra con il permanere del divino per il completamento dei tempi.

Philippe Daverio, “Il Cristo cosmico di Grünewald”, Avvenire 7 dicembre 2011

In alternativa, visto che il mondo non finirà e quindi ci tocca la responsabilità di cambiarlo, avrei dei suggerimenti:

- diventare meno materialisti, acquisitivi, possessivi, egoisti, tracotanti, ipocriti, sleali, opachi: dobbiamo tutti morire, prima o poi, e la nostra morte non è la fine del mondo; perché non usare le nostre esistenze a beneficio del prossimo e della nostra comunità. Il quartiere fortificato, la modella e la ricchezza hanno forse aiutato Pistorius a vivere meglio?

- porre fine alle divisioni e gerarchie fra noi, fra i popoli, in seno all’umanità: tutti per uno, uno per tutti / uniti nella diversità (cf. coro polifonico). Facile essere autarchici e sprezzanti quando le cose vanno bene. Ma solo una Comunità può essere un’ancora di salvezza quando i tempi sono grami e denaro e potere nulla possono – questo significa anche aiutare i nostri FRATELLI tedeschi a capire che le loro classi dirigenti, facendo leva sui loro miti etnici, li hanno ingannati per ben 3 volte nel giro di un secolo, ingolfandoli in 3 guerre europee che hanno portato a 3 disastrose sconfitte (l’ultima è imminente); significa anche aiutare i nostri FRATELLI ebrei, traditi dai sionisti, che erano e sono spinti da avidità, superbia, vari miti etnici e amor proprio (quello narcisista e presuntuoso), non certo dall’amore della Terra Santa;

- smettere di restare a guardare, isolarsi, separarsi quanto più possibile dal resto del mondo, quasi fossimo in attesa che alieni, angeli, la divina provvidenza o un salvatore terreno risolvano miracolosamente e paternalisticamente i nostri problemi. Occorre darsi da fare, con buona volontà e retto intendimento. Gli idealismi senza pragmatismo conducono alla rovina: ogni visione deve essere radicata nella realtà (come i centauri, figli del cielo stellato ma anche della terra, guardiamo in alto ma con i piedi ben piantati al suolo). Nella terza parte del seguente post trovate un’ottima spiegazione di cosa sia la democrazia partecipata:

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2013/01/12/donata-borgonovo-re-i-suoi-critici-la-democrazia-partecipata/

- comprendere che se anche l’origine e la destinazione sono le stesse per tutti – e in questo senso siamo tutti uguali – i modi e i tempi di maturazione sono differenti: uno scimpanzé non è un uomo in potenza; la democrazia non si esporta; per governare bene la cosa pubblica non basta essere “rappresentanti della società civile”; vox populi NON è vox Dei; persino una società anarchica ha bisogno di guida;

- capire che il mondo non è diviso in appezzamenti e le sue risorse non appartengono a qualcuno e non agli altri. La diversità umana non giustifica l’esistenza di un sistema economico che fa piovere sempre sul bagnato e prosciuga ciò che può cadere sull’asciutto. Questo significa che, con buona pace dei neoliberisti à la Giannino, serviranno istituzioni mondiali che garantiscano una redistribuzione equa ed efficiente dei Beni Comuni del pianeta, in funzione delle esigenze di ciascun paese e della sua popolazione [sì, sto parlando di SOCIALISMO...brrrrrrrrrrrr];

- concludere che, con una tale riorganizzazione sociale e rimodulazione del pensiero e delle interazioni umane, il disarmo progressivo concordato è l’unica via per evitare un ordine mondiale autoritario, che è certamente nei piani di una parte dell’élite mondiale (quella meno empatica e più materialista) e che va contrastato in ogni modo, inclusa la forza (in barba  a Gandhi, che raccomandava ad indiani ed ebrei di non opporre resistenza rispettivamente a giapponesi e nazisti, pur di non tradire il suo integralismo disumano):

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/09/14/un-governo-mondiale-per-porre-fine-alle-guerre/

Possiamo essere liberi, eguali e fratelli solo contemporaneamente. Se manca la volontà di essere anche solo una di queste cose, non saremo neppure le altre due.

**********

SCENARIO STOICO (stile Spock) gli scienziati fanno il loro dovere (i politici li incoraggiano e li sovvenzionano, i media seguono con serietà le ricerche e i loro esiti) e scoprono che: vi è una ciclicità di certi eventi distruttivi (con varie ipotesi sulla sua natura), stiamo entrando in una fase distruttiva, NON è la fine del mondo, ci saranno devastazioni ma i politici stanno già coordinando gli sforzi per soccorrere e per ricostruire, bisogna aiutarsi a vicenda e cogliere l’opportunità per costruire un mondo migliore;

SCENARIO HOLLYWOOD: gli scienziati, inebetiti dal “senso comune” e dal disinteresse o addirittura dalla malafede dei politici e dei media, si limitano a constatare e “spiegare” gli eventi, ne minimizzano la portata, finché la frequenza ed intensità diventa stupefacente, la gente, impreparata, va nel panico, si convince che sia la fine del mondo, perde qualunque fiducia nelle istituzioni, anarchia/caos, ognun per sé finché non intervengono i pastori/salvatori di turno;

“Giove le sta prendendo di santa ragione!” (Glenn Orton, scienziato NASA)

“Giove, il mitico dio del cielo e del tuono, certamente sarebbe contento di constatare tutti i cambiamenti in atto sul suo omonimo pianeta. Mentre il pianeta viene colpito continuamente da piccoli frammenti spaziali, larghe fasce dell’atmosfera stanno cambiando colore, hotspot stanno sparendo e riapparendo, e le nuvole si addensano in una parte di Giove, dissipandosi nell’altra. I risultati sono stati presentati oggi da Glenn Orton, uno scienziato di lungo corso presso il NASA Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, in California, ad un incontro della American Astronomical Society a Reno, nel Nevada.

“I cambiamenti che stiamo vedendo su Giove hanno una scala globale”, ha detto Orton. “Abbiamo già visto alcune di queste cose, ma mai con una strumentazione moderna che ci permetta di investigare ciò che sta succedendo. Altri cambiamenti in corso non sono stati osservati da decenni ed alcune regioni non sono mai state nelle condizioni in cui appaiono ora. Allo stesso tempo, non abbiamo mai visto così tanti oggetti colpire Giove. In questo momento, stiamo cercando di capire perché tutto questo stia succedendo”

[…].

“Pare che Giove, insolitamente, le stia prendendo di brutto [tempestato di meteoriti/asteroidi], ma immaginiamo che questo aumento abbia più a che fare con una schiera crescente di esperti astrofili che aiutano gli scienziati a tener d’occhio Giove”, ha detto Orton. “è proprio questo coordinamento tra amatori-comunità astronomica che vogliamo promuovere.”

http://www.jpl.nasa.gov/news/news.php?release=2012-328

Quell’ultima dichiarazione fa a pugni con quanto ha dichiarato prima e non può non saperlo – gli eventi sono più probabilmente collegati a quel che sta accadendo sulla Terra (cambiamento climatico e bolidi):

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/09/28/scende-la-pioggia-di-meteore-ma-che-fa-crolla-il-mondo-addosso-a-me/

Pare plausibile ipotizzare che, improvvisamente, dal 2009 in poi, gli astrofili che prima per ragioni misteriose se ne stavano buoni e tranquilli abbiano deciso di coordinarsi con gli astronomi professionisti per fare a gare a chi ne vede di più? Perché solo negli ultimi 3 anni? E perché un numero di avvistamenti raddoppiato nell’ultimo anno? E perché quest’improvviso interesse per Giove? E perché Orton non fa alcun riferimento al costante aumento nel numero di avvistamenti di comete, che certamente non potevano passare inosservate in precedenza?
Ma, più di tutto, perché la gente invoca il rasoio di Occam solo per le cose che preferisce credere?

Il fatto è che se gli scienziati continuano a compartimentalizzare/parcellizzare lo studio degli eventi cosmici non potranno mai esaminare con la dovuta attenzione quelli scenari che hanno il vantaggio di spiegare elegantemente e compiutamente la situazione attuale e che sono stati già ipotizzati da un numero considerevole di colleghi, come appunto Nemesis/Nemesi, che dà conto dell’aumento di corpi celesti vaganti senza dover ricorrere ad un improbabile, repentina smania documentativa degli astrofili (che è l’unica alternativa possibile, tant’è che è l’unica citata da Orton):

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/05/02/nemesi-la-stella-della-morte-chiarimenti-ed-aggiornamenti/

Il mio sospetto, poiché non credo assolutamente che possa perpetuarsi un complotto di centinaia di scienziati, è che Orton si occupi solo di Giove e di alcuni altri pianeti e, per questa ragione, non si sia minimamente preoccupato di chiedere ai suoi colleghi “geofili” se un fenomeno analogo si stia verificando anche sulla Terra.

Questo è ancora più “problematico”, se si tiene conto della maggiore frequenza di anomalie registrate nel sistema solare negli ultimi anni (e non da amatori/dilettanti):
http://www.newscientist.com/article/dn9100-saturns-rotation-puts-astronomers-in-a-spin.html
http://www.phenomenica.com/2012/02/venus-could-be-shifting-gears.html
http://spaceweather.com/archive.php?view=1&day=11&month=09&year=2012
http://news.bbc.co.uk/2/hi/science/nature/8179067.stm
http://mars.jpl.nasa.gov/odyssey/newsroom/pressreleases/20031208a.html
http://www.universetoday.com/94127/jupiters-jet-streams-get-thrown-off-course/
http://www.universetoday.com/98049/uranus-has-bizarre-weather/
http://www.scienceagogo.com/news/19980526052143data_trunc_sys.shtml
http://news.sciencemag.org/sciencenow/2011/04/plutos-expanding-atmosphere-conf.html?ref=hp
Queste sono solo alcune tra le tante.

Il paragone che mi sorge spontaneo è quello sulle cause della crisi. Ad alcuni fa comodo dare la colpa al debito pubblico, ma se uno comincia a fare delle analisi comparate, osserva che l’indebitamento ha molto poco a che vedere con la crisi o la relativa gravità della crisi.

Un altro buon paragone è l’innaturale rigidità di chi persiste nel credere fermamente che il riscaldamento globale è causato unicamente dalle attività umane, ignorando e attaccando ogni dato discordante, come se fosse possibile farlo scomparire.

E c’è un altro fatto che mi lascia perplesso. Il telescopio WISE doveva far luce sull’esistenza o inesistenza della compagna del Sole. Ha avuto due anni di tempo per osservare e fotografare. A questo punto si dovrebbe poter raggiungere una qualche conclusione, per quanto provvisoria. Se Nemesi esiste ed è la concausa di queste anomalie dovrebbe essere piuttosto vicina. Però non c’è stato alcun comunicato. Non si sa nulla, né in un senso né nell’altro e così il dibattito continua, specialmente ora che ci si avvicina al “fatidico” 21 dicembre 2012 (specchietto per le allodole).

Perché non ne hanno parlato? Una possibilità è che sia così vicina che i loro dinieghi sarebbero smascherati nel giro di pochi mesi da qualunque astronomo e da molti astrofili ed abbiano quindi scelto di mantenere il silenzio stampa come ultima tecnica di procrastinazione delle inevitabili rivelazioni.
Pertanto, sebbene escluda l’ipotesi di un complotto di scienziati, non posso fare a meno di sospettare che le agenzie che dovrebbero coordinarli, prima fra tutte la NASA, abbiano scelto di non farlo, di non avanzare dei quesiti di fondamentale importanza, di non incentivare i necessari confronti, di non far incontrare gli specialisti di vari campi per dibattere di questi temi delicati. E’ anzi possibile che disincentivino deliberatamente lo scambio di dati e facciano pressioni su chi li realizza per conto suo.

E questo perché qualcuno, in alto, sa perfettamente che sta realmente succedendo qualcosa di grosso.

L’unico aspetto positivo di tutto questo è che, sia nel caso dell’ipotesi glacialista, sia in quello dell’ipotesi Nemesis, l’incertezza è destinata a durare davvero poco. Nel giro di al massimo un paio di anni e forse molto meno, dovrebbe essere chiaro a tutti chi aveva ragione e chi torto, con tutto ciò che ne consegue.

Se dovesse emergere che avevo torto, non chiederò scusa, perché non ho mai pubblicato dati falsi o provenienti di fonti non ufficiali.

Sarà messa in discussione l’interpretazione degli stessi, non certo la mia o altrui integrità. 

Nel caso in cui io e quelli che la pensano come me dovessero aver ragione, non mi aspetto scuse, ma mi aspetto che, se c’è stato dolo, i responsabili siano processati per alto tradimento (ai danni della specie umana e della sua civiltà).

 

“Sono rimasto a bocca aperta” (Thorne Lay, geoscienziato, UC Santa Cruz)

 

 

Il Pianeta Terra potrà anche avere 4,5 miliardi di anni, ma questo non significa che, di tanto in tanto, non possa prenderci alla sprovvista con una sorpresa sconvolgente. È quel che è successo l’11 aprile, con due massicci terremoti nell’Oceano Indiano al largo della costa dell’isola indonesiana di Sumatra, lontano dalle consuete zone a rischio. Ora gli scienziati dicono che le fratture del fondale marino sono parte di un evento che si sospettava da tempo potesse accadere, ma non era mai stato osservato prima: lo scisma di una placca tettonica. Il primo dei terremoti, di magnitudo 8.7, è stato 20 volte più potente del tanto anticipato “Big One” californiano e ha spezzato una complessa rete di faglie in profondità, sui fondali oceanici. La violenza del sisma ha anche innescato scosse di assestamento insolitamente importanti a migliaia di chilometri di distanza, quattro delle quali al largo della costa occidentale del Nord America. “Sono rimasto a bocca aperta”, ha detto Thorne Lay, professore di geoscienze presso la UC di Santa Cruz. “È stato qualcosa che non avevamo mai visto“. In un primo momento, Lay si era domandato se il codice del computer che aveva impiegato per analizzare i terremoti fosse sbagliato. Alla fine, lui e altri scienziati si sono resi conto che avevano documentato la rottura della placca Indo-Australiana in due parti, un processo epocale che ha avuto inizio circa 50 milioni di anni fa e continuerà per altre decine di milioni di anni. Lay e altri scienziati hanno messo online i loro risultati mercoledì sulla rivista Nature. La maggior parte dei grandi terremoti si verificano lungo i bordi delle placche, dove l’una si sovrappone all’altra adiacente e sprofonda nel mantello terrestre, un processo chiamato subduzione. I terremoti dell’aprile, però, si sono verificati al centro della placca, e ha coinvolto una serie di placche trascorrenti, che sono quelle che scivolano orizzontalmente, in parallelo rispetto alle altre. Gli scienziati dicono che la scossa principale da 8,7 ha rotto quattro faglie. Il sisma è durato 2 minuti e 40 secondi – la maggior parte dura pochi secondi – ed è stato seguita da una seconda scossa principale, di magnitudo 8.2, due ore più tardi. A differenza del terremoto di magnitudo 9.1 che ha colpito la stessa regione il 26 dicembre 2004, creando uno tsunami letale, quelli dell’11 aprile non hanno causato una distruzione paragonabile a quella. Questo perché gli spostamenti orizzontali non provocano massicci spostamenti in verticale dell’acqua degli oceani, come succede invece con i sovrascorrimenti delle faglie (leggi: una si sovrappone all’altra e spinge in alto l’acqua che si trova sopra di lei). Il tipo di faglie coinvolte nei terremoti di Sumatra sono il risultato di forze monumentali, alcune delle quali hanno spinto l’India verso il centro dell’Asia milioni di anni fa, sollevando le montagne dell’Himalaya. Man mano che la placca Indo-Australiana continua a scivolare verso nord-ovest, la parte occidentale della placca, di cui fa parte l’India, sfrega contro quella dell’Asia ed ad infilarvicisi sotto (sottoscorrimento, subduzione). Ma la porzione orientale della piastra, che contiene l’Australia, continua a muoversi senza incontrare quel genere di ostacoli. Questa differenza esercita pressioni di schiacciamento (compressione) nell’area in cui si sono verificati i terremoti.

[…].
Questi due terremoti sono famosi anche perché hanno innescato potenti scosse di assestamento a migliaia di chilometri di distanza. Anche se i terremoti più importanti sono stati noti per questo fenomeno, di solito la magnitudo non eccede i 5,5. I terremoti dell’11 aprile, invece, hanno prodotto scosse di assestamento superiori a 5.5 nei sei giorni seguenti; tra questa, una di magnitudo 7. Si sono avvertite scosse a distanze comprese tra i 6.000 ed i 12.000 chilometri dagli epicentri. Fred Pollitz, un geofisico dello US Geological Survey di Menlo Park, in California, autore di uno degli studi, ha detto che i terremoti erano estremamente efficaci nella trasmissione di onde sismiche in tutto il mondo. Ha aggiunto che sebbene il terremoto più grande dei due è il numero 10 nella classifica dei terremoti più forti misurati a partire dal 1900, nessun altro sisma ha innescato così tante forti scosse di assestamento a così grande distanza. È il terremoto più potente mai registrato in quanto a capacità di mettere sotto pressione altre faglie in giro per il mondo“.

Scende la pioggia (di meteore) ma che fa, crolla il mondo addosso a me…

Jacques Attali ci aveva avvertito
http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/05/23/jacques-attali-e-gli-asteroidi-il-mondo-non-finira-ma/
http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/06/26/jacques-attali-domani-chi-governera-il-mondo-2012-estratti/

Le Perseidi sono terminate in agosto e le Orionidi arriveranno nella seconda metà di ottobre

22 settembre – Pioggia di meteore nei cieli delle isole britanniche

http://www.u.tv/News/Uncertainty-over-fireballs-in-the-sky/ef0cfc21-55b3-4ea2-8593-5e9387fe8a99

21 settembre – enorme bolide sopra l’Irlanda

http://www.irishtimes.com/newspaper/ireland/2012/0922/1224324270462.html

21 settembre – pioggia di meteoriti nel Nord dell’Inghilterra

http://www.mirror.co.uk/news/uk-news/meteor-mania-huge-comet-spotted-1337427

20 settembre – bolidi nel New England

http://lunarmeteoritehunters.blogspot.fr/2012/09/mbiq-detects-ma-nj-nh-md-fireball.html

20 settembre – meteora sullo stato di New York

http://www.9wsyr.com/news/local/story/Many-report-seeing-a-fireball-in-the-sky-over/50DmeMIMz0WnVj9M_f1_oQ.cspx

19 settembre – tre distinti bolidi sul Regno Unito

http://lunarmeteoritehunters.blogspot.fr/2012/09/three-uk-meteor-fireball-events.html

18 settembre – bolide sopra Austria-Slovenia

http://lunarmeteoritehunters.blogspot.fr/2012/09/slovenia-slovakia-meteors-reported.html

17 settembre – bolide sopra Guam/Saipan

http://lunarmeteoritehunters.blogspot.fr/2012/09/saipan-guam-bright-as-sun-bolide-meteor.html

17 settembre – meteorite sull’Inghilterra

http://lunarmeteoritehunters.blogspot.fr/2012/09/uk-meteor-17sep2012.html

16 settembre – grossa meteora in California

http://lunarmeteoritehunters.blogspot.fr/2012/09/mbiq-detects-california-meteor-15sep2012.html

Qualche giorno prima un meteorite è arrivato a terra, scatenando un incendio, in Canada

http://www.castanet.net/edition/news-story-80321-33-.htm

e nel Colorado una pioggia di meteoriti ha causato un incendio gigantesco ed una seconda ha bloccato le operazioni di spegnimento

http://www.gazette.com/articles/fire-140577-shower-fireball.html

*****

Fino al 2009 gli avvistamenti di bolidi erano sempre stati inferiori ai 200

http://www.amsmeteors.org/fireball2/public.php

Poi:

2010 – 433

2011 – 514

2012 (al 23 dicembre) – 630

La scoperta di nuove comete è un evento considerato raro. Non è più così raro.
Solo ad ottobre 2012:
http://remanzacco.blogspot.co.nz/2012/10/new-comet-p2012-t7-vorobjov.html

**********

avvistamenti di meteoriti segnalati alla American Meteor Society

2005 = 463

2006 = 517

2007 = 588

2008 = 726

2009 = 694

2010 = 951

2011 = 1628

2012 = 2216

Faccio fatica ad immaginare che la ragione di questo incremento sia solo la maggiore attenzione (anche perché fino al 2009 i numeri non erano così “saettanti”).

*********

Aggiungo che sulla rete circola il sospetto che se un impatto urbano dovesse verificarsi in una nazione della NATO, potrebbero attribuire l’esplosione ad un attentato terroristico ed usarlo come pretesto per attaccare Siria ed Iran.

Onestamente, non so come potrebbero inventarsi una cosa del genere, con tutti i testimoni che sopravvivrebbero.
Un conto è far credere a milioni di persone che dei pivelli dediti all’alcool, alle droghe, alle spogliarelliste ed al gioco d’azzardo, decidano di unirsi ai fondamentalisti islamici di Al-Qaeda e, pur essendo incapaci di far volare decentemente un Cessna, riescano a colpire con precisione chirurgica 3 obiettivi su 4 nello spazio aereo meglio difeso del mondo pilotando dei giganteschi boeing – la spiegazione alternativa più plausibile è che i velivoli fossero teleguidati – un altro conto è far passare un impatto cosmico per un attentato terroristico.
Mi sembra un’ipotesi peregrina. Comunque la butto lì, non si sa mai.

2012 – l’anno delle bizzarrie naturali (una sintesi dei primi mesi)

Nostradamus Reloaded

Era il 9 novembre 2011:

http://fanuessays.blogspot.it/2011/11/le-mie-previsioni-per-il-2012-2013-2014.html

Oggi è il 10 luglio 2012.

Tempo di bilanci.

CRISI ECONOMICO-FINANZIARIA.

Le autorità preposte alla soluzione della crisi hanno dimostrato in questi mesi di essere imbecilli o corrotte o, più probabilmente, entrambe le cose. L’economia globale si sta avvitando ed un nuovo tsunami dei derivati sta per colpirla. Tutto questo grazie all’austerità, alla deregolamentazione ed all’impunità degli squali della finanza.

“Lo scenario dell’economia mondiale “sta peggiorando”. Lo ha detto il direttore generale del Fmi, Cristine Lagarde, spiegando, nel corso di un convegno a Tokyo, che il fenomeno interessa non solo l’Europa, ma anche gli Usa fino “ai mercati emergenti, come Brasile, Cina e India, che stanno rallentando” in modo più o meno marcato”.

http://tg24.sky.it/tg24/economia/2012/07/06/crisi_lagarde_fmi_economia_mondiale_sta_peggiorando_europa.html

“La super bolla derivati preoccupa i mercati: valgono 14 volte le Borse – le ultimissime statistiche della Bri, aggiornate a dicembre 2011, calcolano che l’intero mercato di questi strumenti ammonti a 647 mila miliardi di dollari di valore nominale. Ancora più dei 466mila miliardi dell’ultima rilevazione (più vecchia) realizzata dall’Isda. Si tratta di un numero 14 volte più grande della capitalizzazione di tutte le Borse del globo. E nove volte più grande del Pil del mondo intero”

http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2012-05-13/bolla-derivati-preoccupa-borse-141941.shtml?uuid=Aby5g0bF

CRISI ECOLOGICO-AMBIENTALE

Mentre negli Stati Uniti la gente muore letteralmente di caldo (e nelle Montagne Rocciose gli animali selvatici scendono a valle per l’eccessivo innevamento), nell’Eurasia settentrionale si sta registrando l’estate più piovosa della storia:

http://www.express.co.uk/posts/view/331299/It-will-rain-til-September

http://www.metoffice.gov.uk/news/releases/archive/2012/wettest-June

http://www.guardian.co.uk/world/2012/jul/07/45-die-russia-floods

che segue la primavera più piovosa (ed una delle più fresche) della storia:

http://www.telegraph.co.uk/topics/weather/9365467/Wettest-April-to-June-since-records-began-and-more-unsettled-weather-to-come.html (UK)

http://www.met.ie/climate/monthly_summarys/jun12sum.pdf (Irlanda)

http://www.thelocal.se/41220/20120603/ (Svezia)

le temperature globali hanno superato il picco:

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/06/12/temperature-globali-dopo-il-1998-mmmmmmmmmmmmmh/

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/05/22/se-vi-sembra-che-faccia-piu-freddo-del-normale-e-perche-e-proprio-cosi/

I ghiacci artici in Alaska si stanno nuovamente espandendo (ed impedendo nuove trivellazioni petrolifere):

http://www.upstreamonline.com/live/article1257797.ece

La Corrente del Golfo si indebolisce

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/03/30/la-corrente-del-golfo-si-sta-indebolendo-conseguenze/

Aumentano sismi, comete, bolidi:

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/06/23/avvistamenti-di-bolidi-negli-stati-uniti-2005-2012/

Qui una possibile spiegazione:

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/05/29/una-possibile-causa-dei-recenti-disastri-naturali-anomali/

e si verificano singolari fenomeni acustici a livello planetario (con possibile spiegazione):

http://fanuessays.blogspot.it/2012/01/voi-sonerete-le-vostre-trombe-del.html

DISOBBEDIENZA CIVILE E RIVOLUZIONE

Molta gente non crede che possa scoppiare una rivoluzione nei prossimi anni, figuriamoci nei prossimi mesi. Io invece reputo che la rivoluzione ci sarà e scoppierà entro la fine dell’anno. Nouriel Roubini la situa nel 2013. La goccia che farà traboccare il vaso non sarà l’ennesimo crollo di Wall Street o l’ennesimo tentativo di edificare bruscamente ed autoritariamente gli Stati Uniti d’Europa in contrasto con la volontà di una maggioranza di Europei e del semplice buon senso.

La causa sarà invece l’assurdo, suicida attacco di Israele all’Iran e/o della NATO alla Siria (e quindi alla Russia e alla Cina).

Quando Hillary Clinton ha avvertito Assad di andarsene o prepararsi ad un “attacco catastrofico” (8 luglio 2012), non ha specificato per chi sarebbe catastrofico:
http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/07/07/la-strega-cattiva-dellovest-minaccia-eurasia/

Questa guerra è inevitabile perché l’Occidente vuole a Damasco un governo filo-occidentale e la Russia ne vuole uno filo-russo, perché l’Iran non accetterà mai di interrompere il suo programma (legale) di arricchimento dell’uranio e perché Israele non accetterà mai di perdere le sue colonie con la nascita dello stato palestinese. In cambio gli Americani non accetteranno mai la coscrizione obbligatoria e gli Europei non accetteranno altre tasse. Ciò causerà una rivoluzione con una forza analoga a quella del 1789 ed una capacità di contagio paragonabile a quella del 1848, il tutto su scala mondiale.
Gli Stati Uniti, data la concentrazione di armi, saranno un vulcano. Il crollo (implosione esplosiva/esplosione implosiva) del fronte interno provocherà la loro sconfitta nella terza guerra mondiale.

Un altro luogo da evitare è Israele. Come scrivevo a novembre, il bombardamento (anche nucleare?) dell’Iran produrrà in ogni caso nubi radioattive che inquineranno l’intero pianeta. Le conseguenze potrebbero essere terribili per i milioni di Ebrei che non hanno alcuna responsabilità diretta nelle politiche dissennate dei recenti governi israeliani e che, anzi, in molti casi hanno cercato di fermarlo in tutti i modi. Consiglierei di allontanarsi da Gerusalemme, Tel Aviv, Haifa e Ashdod.

Nessuno può salvare Israele, neppure Beppe Grillo

COSA VERRÀ DOPO?

Non lo so. Ci sono troppe variabili in gioco e troppi miliardi di persone che potrebbero far pendere la bilancia da una parte o dall’altra. Consiglio comunque di non preoccuparsi troppo, perché tanto la vita è solo un sogno (cf. Calderón de la Barca).

La “mia” università scozzese scopre un pezzo di “Atlantide”

“I sommozzatori dell’università di St. Andrews avrebbero scoperto alcuni degli eccezionali resti della terra perduta di Doggerland, o anche Atlantide britannica. Una porzione di territorio che secondo il Daily Mail, sarebbe stata distrutta quasi 8300 anni fa da uno tsunami devastante, parte di un processo più ampio che arrivò a sommergere completamente una striscia di terra che, secondo le più recenti ricerche, collegava la Scozia alla Danimarca e definita anche come “il vero cuore” di quella che ora è  l’Europa così come la conosciamo. Doggerland sarebbe stata abitata da decine di migliaia di individui. Un’intera civiltà annientata dall’innalzarsi del livello del mare che coprì le terre costiere di minor altitudine, attraverso un lento processo durato oltre 13.000 anni, culminato, secondo alcuni studiosi, nello tsunami di Storegga.

Secondo il geofisico Richard Bates, del dipartimento di Scienze della Terra dell’università di St. Andrews, “è solo dopo aver lavorato fianco a fianco con le compagnie petrolifere negli ultimi anni che siamo stati in grado di ricreare una sorta di mappa di come poteva essere realmente Doggerland”, grazie anche a diversi modelli geoficisi forniti dalle stesse compagnie, combinati con dati ottenuti da evidenze dirette. I sommozzatori della St. Andrews infatti hanno fatto l’eccezionale scoperta durante una collaborazione scientifica con alcune aziende petrolifere  operanti nel Mare del Nord. Più in generale al progetto collaborano anche altre università: quella di Birmingham (Inghilterra), di Dundee e Aberdeen (Scozia) e di Trinity St. David (Galles). I ricercatori ora si sono detti in grado di inferire ipotesi plausibili su come fossero la flora e la fauna, oltre che la vita umana,  su una terra che era molto più vasta di molte nazioni europee contemporanee“.

http://www.newnotizie.it/2012/07/doggerland-trovata-sottacqua-latlantide-britannica/

Avvistamenti di bolidi negli Stati Uniti 2005-2012

Non sono solo i terremoti ad essersi moltiplicati negli ultimi anni.

È aumentato il numero di avvistamenti di comete:

http://www.universetoday.com/81994/soho-finds-its-2000th-comet/

http://science.nasa.gov/science-news/science-at-nasa/2011/12jan_cometstorm/

come quello degli avvistamenti annuali di bolidi (fireballs) negli USA:

2005: 466

2006: 515

2007: 537

2008: 726

2009: 693

2010: 948

2011: 1629 (609 fino al 23 giugno 2011)

2012: 868 fino al 23 giugno 2012

MEDIA GIORNALIERA

Pre-2005: 1,20-1,30

2005: 1,28

2006: 1,41

2007: 1,61

2008: 1,98

2009: 1,90

2010: 2,59

2011: 4,46

2012: 5,03

FONTE:

http://www.amsmeteors.org/fireball2/public.php?start_date=2012-01-01&end_date=2012-06-31&state=&event_id=&submit=Find+Reports

Jacques Attali sa di cosa sta parlando:

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/05/23/jacques-attali-e-gli-asteroidi-il-mondo-non-finira-ma/

« Older entries

FuturAbles

Non subire il futuro, ma crealo, immaginandolo

sunshine hours

Climatologists Are No Einsteins (PS It's the Sun!!!)

philosophyofmetrics

A measure of cultural performance and production.

il diritto c'è, ma non si vede

il blog di informazione e approfondimento giuridico sul Giappone - a cura di Andrea Ortolani

Scritture Nomadi

Il cammino della narrazione

tsiprastn

appuntamenti, notizie e opinioni dalla piazza virtuale dei comitati Trentini a supporto della lista "l'Altra Europa con Tsipras" per le elezioni europee di maggio 2014

PICCOLA ERA GLACIALE

PiccolaeraglacialeWordPress.com

contro analisi

il blog di Francesco Erspamer

Notes from North Britain

Confessions of a Justified Unionist

Civiltà Scomparse

Tra realtà e immaginazione

Trentino 33

GRUPPO DI RIFLESSIONE PER TRENTINO “2013-2033”

PoetaMatusèl's Poetry Pages

* POESIA LIRICA, D'AMORE E DELLA NATURA * LOVE, LYRIC AND NATURE POETRY *

Donata Borgonovo Re

Durante un incendio nella foresta, mentre tutti gli animali fuggivano, un colibrì volava in senso contrario, con una goccia d’acqua nel becco. “Cosa credi di fare?” gli chiese il leone. “Vado a spegnere l’incendio!” rispose il colibrì. “Con una goccia d’acqua?” disse il leone, con un sogghigno ironico. E il colibrì, proseguendo il volo, rispose: “Io faccio la mia parte”. (Favola africana)

pensiero meridiano

La lotta di classe non è soltanto il conflitto tra classi proprietarie e lavoro dipendente. È anche «sfruttamento di una nazione da parte di un’altra», come denunciava Marx Il punto di vista del pensiero meridiano è il punto di vista dei Sud del mondo, dall'America Latina al nostro Mezzogiorno, quella parte della società schiava di squilibri ancor prima di classe che territoriali.

giapponeapiedi

idea di viaggio prevalentemente a piedi nel Giappone tradizionale

Dionidream

Sei sveglio?

The Next Grand Minimum

To examine the social and economic impacts of the next Grand Solar Minimum - See About

Imbuteria's Blog

Just another site

quel che resta del mondo

psiche, 'nuda vita' e questione migrante

SupremeBoundlessWay

For the Sake of All Beings

~ gabriella giudici

blog trasferito su gabriellagiudici.it

Notecellulari

Il Blog di Maria Serena Peterlin

10sigarette

Carpe Diem

Cineddoche 2.0

Il cinema è la vita, con le parti noiose tagliate (A.Hitchcock)

Club UNESCO di Trento

2014: L'Anno Internazionale dei Piccoli Stati Insulari in via di Sviluppo

The Passionate Attachment

America's unrequited love for Israel

GilGuySparks

The guy was nothing but a pain in the ass

Insorgenze

Non lasciare che la scintilla venga del tutto spenta dalle legge - Paul Klee -

L'impero cadente

come crolla l'impero degli angli, dei sassoni e dei loro lacchè con rovina e strepito

"Because every dark cloud has a silver IODIDE lining..."

Sentieri Interrotti / Holzwege

Il blog di Gabriele Di Luca

Mauro Poggi

Fotografie e quant'altro

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 141 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: